INTERROGAZIONE, DI MICCO M5S SENATO, SU DANNI DA MALTEMPO E GESTIONE CONSORZIO DI BONIFICA DEL VOLTURNO

Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-02596

presentata da

FABIO DI MICCO

lunedì 9 dicembre 2019, seduta n.171

DI MICCO, DONNO, LANNUTTI, ROMANO, ABATE, GAUDIANO, ORTIS, CORRADO, ANGRISANI, SANTILLO, AUDDINO - Ai Ministri dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, delle politiche agricole alimentari e forestali e per gli affari regionali e le autonomie. - Premesso che:

l'ondata di maltempo che ha colpito l'Italia nell'ultimo mese ha provocato danni e disagi su tutto il territorio nazionale;

in particolare, in Campania, tra i comuni più colpiti figurano Castelvolturno e Villa Literno, in provincia di Caserta, rientranti nel comprensorio di bonifica del bacino inferiore del Volturno, il cui territorio è stato interessato da un grave fenomeno alluvionale provocato dall'esondazione dei Regi Lagni;

l'art. 1 della legge regionale della Campania 25 febbraio 2003, n. 4, di riordino dei consorzi di bonifica testualmente recita: "La Regione, ai fini di un ordinato assetto del territorio e delle sue risorse, promuove ed attua, attraverso i Consorzi di Bonifica, la bonifica integrale quale attività pubblica permanente di conservazione, valorizzazione e tutela del territorio, di razionale utilizzazione delle risorse idriche per uso agricolo e di salvaguardia dell'ambiente rurale";

l'ente cui è affidato l'esercizio e la manutenzione delle opere pubbliche di bonifica e il controllo dell'attività dei privati sul territorio di propria competenza è il consorzio generale di bonifica del bacino inferiore del Volturno, ente pubblico economico vigilato dall'Assessorato per l'agricoltura della Regione Campania, attualmente commissariato, che si estende su un territorio di 126.000 ettari a cavallo delle province di Caserta e Napoli, su un'area di 76 comuni;

l'attività del consorzio, pertanto, attiene ad opere relative alla sicurezza idraulica, come: la gestione e la manutenzione degli impianti idrovori e dei canali di bonifica; la gestione delle acque destinate all'irrigazione, come impianti e reti irrigue; la partecipazione ad opere urbanistiche; la tutela del patrimonio ambientale e agricolo;

il comprensorio è caratterizzato da una notevole quantità di opere idrauliche gestite dal consorzio generale di bonifica. Si tratta di un territorio in gran parte artificiale in quanto reso produttivo dall'azione dell'uomo, la cui vivibilità è assicurata dall'esistenza dei canali di bonifica e degli impianti idrovori che ne impediscono le esondazioni;

considerato che, per quanto risulta:

nel corso degli anni il consorzio è stato soggetto ad una gestione alquanto discutibile che lo ha portato in uno stato di grave crisi finanziaria e ad una completa paralisi dei compiti ad esso affidati, con effetti devastanti su tutte le zone rientranti nella sua competenza;

la crisi economico-finanziaria dell'ente consortile ha provocato notevoli problematiche in termini di operatività sul territorio;

la causa principale dell'alluvione, che nelle ultime settimane sta interessando i comuni di Villa Literno e Castelvolturno, risiede proprio nella scarsa manutenzione dei canali di bonifica e degli impianti idrovori che, non funzionando a pieno regime (nell'area, ad esempio, solo 5 idrovore su 10 risultano funzionanti), non riescono ad assicurare un livello basso delle acque meteoriche che fluiscono nei canali, unitamente alla presenza di rifiuti negli stessi canali che compromettono il corretto deflusso delle acque, con conseguenti fenomeni inondativi;

il fenomeno alluvionale non può essere sottovalutato in quanto, oltre a rappresentare un serio pericolo per l'incolumità dei cittadini, ha messo in ginocchio un intero settore imprenditoriale: aziende agricole e allevamenti bufalini completamente invasi dall'acqua; capi di bestiame deceduti o esposti a grave rischio; terreni sommersi da circa due metri di acqua;

nonostante gli evidenti disagi, i gravissimi rischi per la salute, gli ingenti danni subiti da tutto il comparto zootecnico bufalino e agricolo e le numerose segnalazioni di malfunzionamento degli impianti, sono totalmente mancati interventi istituzionali e la situazione, in caso di nuove abbondanti piogge, è destinata irrimediabilmente a peggiorare con la conseguente inevitabile perdita di raccolti e bestiame;

la situazione ha assunto ormai connotati di estrema urgenza poiché gli abitanti delle zone allagate sono esasperati per questa condizione di abbandono,

si chiede di sapere:

se i Ministri in indirizzo siano a conoscenza della situazione;

quali provvedimenti d'urgenza intendano intraprendere, per quanto di loro competenza, per intervenire nelle zone colpite dagli allagamenti tenuto conto che, con il passare dei giorni, la situazione rischia di diventare ancora più grave per i cittadini e le imprese di Villa Literno e Castelvolturno coinvolte nel disastro;

come intendano attivarsi, nell'ambito delle proprie attribuzioni, presso gli enti di competenza per risolvere i problemi dell'intera gestione del consorzio generale di bonifica del bacino inferiore del Volturno affinché sia garantita una seria ed efficace manutenzione nonché un efficiente funzionamento degli impianti idraulici presenti nel comprensorio.

(4-02596)

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi