INTERROGAZIONE M5S SU ARTICOLO 62SQUILIBRIO DI POTERE COMMERCIALE

CAMERAInterrogazione a risposta immediata in commissione 5-01822 presentata da Filippo Gallinella, M5S, mercoledì 8 gennaio 2014, seduta n. 147 al Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali sul'articolo 62 e per chiedere se la disciplina recata dall'articolo 62 di cui in premessa risulti riferibile e applicabile alle sole relazioni economiche nelle quali sia chiaramente rilevabile lo «squilibrio di potere commerciale» o debba invece applicarsi a tutti gli operatori della filiera agroalimentare anche al fine di evitare eventuali penalizzazioni di alcuni soggetti rispetto ad altri.

Qui di seguito Agricolae riporta il testo integrale

. — Per sapere – premesso che:

la disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione di prodotti agricoli e agroalimentari recata dall'articolo 62 del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27, interviene a riequilibrare i rapporti tra gli operatori della filiera agroalimentare al fine di ridistribuire il valore complessivo tra i segmenti della produzione e quelli della distribuzione e commercializzazione;

con sentenza n. 7195/2013, il Tribunale amministrativo (TAR) del Lazio ha affermato la piena e perdurante vigenza del citato articolo 62 ponendo fine alla ormai nota querelle nata a seguito della presunta implicita abrogazione della norma in parola che, secondo quanto affermato dal ministero dello sviluppo economico con nota del 27 marzo 2013, sarebbe stata operata dal sopraggiunto recepimento della direttiva comunitaria relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali;

la fattispecie di cui all'articolo 62, come chiarito dal TAR del Lazio, rientra infatti tra le deroghe consentite al legislatore nazionale in ordine alla predisposizione di strumenti maggiormente favorevoli a date particolari categorie di creditori a mezzo della predisposizione di meccanismi normativi caratterizzati da forme anch'esse particolari di tutela;

anche a seguito della emanazione della normativa attuativa dell'articolo 62, predisposta dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali con regolamento di attuazione del 19 ottobre 2012, risultano tuttavia ancora poco comprensibili alcuni aspetti della disciplina in materia di cessione di prodotti agricoli e agroalimentari;

in particolare, non è chiaro quale sia la corretta interpretazione del principio di proporzionalità al quale devono uniformarsi i contratti e quali siano i soggetti destinatari, posto che la norma attuativa indirizza alle casistiche di rapporti commerciali con riferimento alle relazioni economiche tra gli operatori della filiera connotate da un «significativo squilibrio» nelle rispettive posizioni di forza commerciale –:

se la disciplina recata dall'articolo 62 di cui in premessa risulti riferibile e applicabile alle sole relazioni economiche nelle quali sia chiaramente rilevabile lo «squilibrio di potere commerciale» o debba invece applicarsi a tutti gli operatori della filiera agroalimentare anche al fine di evitare eventuali penalizzazioni di alcuni soggetti rispetto ad altri. (5-01822)

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi