IPPICA, UILCOM: SCENDIAMO IN PIAZZACATANIA NON HA MANTENUTO LE PROMESSE

cavallo"La continua attesa delle riforme promesse, la mancata emanazione dei decreti attuativi della L. 135/2012, il costante declino della scommessa ippica nell’assoluta indifferenza degli organi competenti, la conseguente caduta degli investimenti negli allevamenti, la fuga dei proprietari di cavalli, la chiusura o il blocco dell’attività negli ippodromi (Milano, Roma, Napoli, Padova, Merano, Livorno ecc. …), stanno segnando la drammaticità di una crisi che ha messo definitivamente in ginocchio un intero settore condannando alla disperazione 50.0000 famiglie". Questo in una nota unitaria diffusa dalla UILCOM NAZIONALE. "L’insipienza e l’approssimazione (troppo scientifica per essere vera) che caratterizzano l’approccio ai problemi dell’ippica dei ministeri coinvolti hanno già provocato la drastica riduzione dell’occupazione e coinvolto un’altissima percentuale di quella residua nel massiccio utilizzo degli ammortizzatori sociali in deroga. Ma, evidentemente - scrive la UILCOM - ritenendo questo disastro ancora non completo, le istituzioni competenti preposte a sviluppare “azioni positive” tese a precostituire condizioni di consolidamento e di sviluppo del settore hanno pensato bene di far seguire al taglio di oltre il 40% delle risorse per il comparto, la non erogazione delle somme dovute per i premi vinti e per le spettanze degli ippodromi fin dal giugno 2012".

"Come è facile immaginare questo atto sconsiderato - prosegue la nota -, qualora non venisse immediatamente rimosso, rappresenterebbe il colpo di grazia che manda definitivamente in blocco l’intero sistema ippico. Di ciò ne è pienamente consapevole il ministro Catania che tuttavia non è andato oltre le promesse e gli impegni verbali di soluzione del problema, promesse e impegni ripetuti e sistematicamente smentiti nei fatti. Purtroppo il tempo sta per scadere, se nelle prossime ore non sarà data una concreta risposta a questa emergenza il processo di disgregazione dell’intero settore subirà una drastica accelerazione togliendo ai lavoratori e agli operatori tutti anche l’ultimo filo di speranza per il futuro. Consideriamo la manifestazione prevista per il prossimo primo febbraio, alla quale non faremo mancare la nostra presenza, un punto di partenza per dispiegare unitariamente tutte le iniziative necessarie a riaffermare il diritto del settore a pretendere un presente migliore e la possibilità per un futuro di consolidamento e di sviluppo. in blocco l’intero sistema ippico. Di ciò ne è pienamente consapevole il Ministro Catania che tuttavia non è andato oltre le promesse e gli impegni verbali di soluzione del problema,  promesse e impegni ripetuti e sistematicamente smentiti nei fatti. Purtroppo il tempo sta per scadere, se nelle prossime ore non sarà data una concreta risposta a questa emergenza il processo di disgregazione dell’intero settore subirà una drastica accelerazione togliendo ai lavoratori e agli operatori tutti anche l’ultimo filo di speranza per il futuro.  Consideriamo la manifestazione prevista per il prossimo 1° febbraio, alla quale non faremo mancare la nostra presenza, un punto di partenza per dispiegare unitariamente tutte le iniziative necessarie a riaffermare il diritto del settore a pretendere un presente migliore e la possibilità per un futuro di consolidamento e di sviluppo".

com/neo

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi