ISMEA, EFFETTO ‘SACCHETTO’ PESA SU ORTOFRUTTA, AUMENTANO VENDITE DEL CONFEZIONATO

A pochi mesi dall’introduzione dell’obbligo dei sacchetti biodegradabili in Italia, già si rilevano i primi effetti sulle dinamiche degli acquisti di prodotti ortofrutticoli freschi tra i banchi della Distribuzione Moderna.Le elaborazioni ISMEA, relative al primo trimestre del 2018, fanno registrare, infatti, una flessione delle quantità vendute di “sfuso” del 3,5% ( -7,8% la spesa) a fronte di un’impennata senza precedenti degli acquisti di ortofrutta fresca confezionata (+11% in volume e +6,5% la spesa).

 

Si tratta, sottolinea l’ISMEA, di numeri che evidenziano come la reazione dei consumatori – anche a seguito del tam tam sui social network – abbia impresso un’accelerazione a un processo di sostituzione di per sé già in atto. Il peso degli ortofrutticoli confezionati sulle vendite del comparto è salito infatti al 32% contro il 29% del primo trimestre 2017, nonostante, a parità di prodotto, i confezionati costino mediamente il 43% in più degli sfusi.

 

Complessivamente, nei primi tre mesi del 2018 i consumi dei prodotti ortofrutticoli freschi e confezionati, sono cresciuti di quasi l’1% su base annua. L’aumento ha riguardato essenzialmente gli ortaggi (+6%), le patate (+3%), la IV gamma (+3%) e gli agrumi (+6%), mentre il resto della frutta ha registrato un calo del 10% circa. La spesa delle famiglie, invece, ha registrato una riduzione del 2,5% per effetto del calo dei prezzi medi di tutte le principali categorie.

 

 

L’analisi più dettagliata è scaricabile al seguente link. http://www.ismea.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/10280

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

UE, DE CASTRO AD ASSEMBLEA FRANCESE, NON LIQUIDARE LA PACÈ SBAGLIATO NUOVO MODELLO POLITICA AGRICOLA AVANZATO DA COMMISSIONE UE

  “È concettualmente sbagliato un modello di riforma che potrebbe dare il via al declino della Politica agricola dell’Ue e, in particolare, alla sua dimensione comune. Sbagliato perché comporta rischi inaccettabili, primo fra tutti la ri-nazionalizzazione della PAC che da mezzo secolo rappresenta un modello di crescita del sistema agricolo e […]