ISTAT, INFLAZIONE FRENA. PREZZI ALIMENTARI RALLENTANO

Dopo quattro mesi di accelerazione, a settembre l’inflazione rallenta. A decelerare di alcuni decimi di punto è anche l’inflazione che pesa sulle spese quotidiane (Beni alimentari, per la cura della casa e della persona e prodotti ad alta frequenza d’acquisto) a causa del rallentamento sia delle componenti più volatili del paniere, come frutta, vegetali freschi e carburanti, sia dei prodotti alimentari lavorati. Per i prodotti di largo consumo, così come per gli Energetici regolamentati (gas ed elettricità) la crescita dei prezzi rimane comunque più alta di quella che si registra per il paniere nel suo complesso.

  • Nel mese di settembre 2018, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, diminuisca dello 0,5% rispetto al mese precedente e aumenti dell’1,4% su base annua (era +1,6% ad agosto). La stima preliminare era +1,5%.
  • Il rallentamento dell’inflazione si deve principalmente alla dinamica dei prezzi dei Beni alimentari sia lavorati (la cui crescita in termini tendenziali passa da +1,9% a +1,2%) sia non lavorati (da +3,1% a +2,4%) alla quale si aggiunge quella dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (da +2,8% di agosto a +2,5%) e dei Beni energetici non regolamentati (da +9,5% del mese precedente a +9,3%), che tuttavia continuano ad aumentare a ritmi sostenuti.
  • L’“inflazione di fondo”, al netto degli energetici e degli alimentari freschi, e quella al netto dei soli beni energetici registrano una decelerazione rispettivamente da +0,8% a +0,7% e da +1,1% a +0,9%.
  • La diminuzione congiunturale dell’indice generale dei prezzi al consumo si deve prevalentemente al calo dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (-4,9%) e, in misura più contenuta, dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (-0,8%), a causa, prevalentemente, di fattori di natura stagionale; a contribuire alla flessione sono anche i Beni alimentari lavorati che si riducono dello 0,6% su base mensile.
  • L’inflazione decelera per i beni (da +2,0% registrato nel mese precedente a +1,7%) e per i servizi (da +1,1% a +1,0%); il differenziale inflazionistico tra servizi e beni rimane negativo, ma di ampiezza meno marcata rispetto ad agosto (da -0,9 punti percentuali a -0,7).
  • L’inflazione acquisita per il 2018 è +1,2% per l’indice generale e +0,8% per la componente di fondo.
  • Si attenuano le tensioni sui prezzi dei prodotti di largo consumo: i prezzi dei Beni alimentari, per la cura della casa e della persona registrano un rallentamento marcato da +2,1% a +1,5%, mentre quelli ad alta frequenza d’acquisto passano da +2,7% a +2,3% rimanendo con un’inflazione ad un livello più alto rispetto all’indice generale.
  • L’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) aumenta dell’1,7% su base mensile, a causa della fine dei saldi estivi di cui il NIC non tiene conto, e dell’1,5% su base annua (da +1,6% rispetto ad agosto). La stima preliminare era +1,6%.
  • L’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI), al netto dei tabacchi, diminuisce dello 0,5% su base mensile e cresce dell’1,3% rispetto a settembre 2017.

Rallentano i prezzi dei Beni alimentari sia lavorati sia non lavorati. I primi decelerano da +1,9% di agosto a +1,2% con il rallentamento dei prezzi della Pasta secca, pasta fresca e preparati di pasta da +6,0% a +3,7% (-1,6% rispetto al mese precedente) e dei Vini da Uve da +6,9% a +6,3% (-0,4% su base mensile). I Beni alimentari non lavorati passano da +3,1% del mese precedente a +2,4% (+0,4% in termini congiunturali) a causa della dinamica dei prezzi della Frutta fresca e refrigerata (da +8,0% di agosto a +4,6%, -3,3% rispetto al mese precedente) mentre i Vegetali freschi o refrigerati diversi dalle patate crescono del 6,2% in termini congiunturali, stabilizzando la crescita su base annua (da +2,9% a +3,0%).

Tra i servizi, i prezzi dei Servizi relativi ai trasporti calano del 4,9% rispetto al mese precedente per lo più per fattori stagionali, in particolare per effetto dei prezzi del Trasporto marittimo (-35,4%) e di quelli del Trasporto aereo passeggeri (-26,2%). Su base tendenziale i prezzi dei Servizi relativi ai trasporti rallentano (da +2,8% a +2,5%) a causa esclusivamente della dinamica dei prezzi del Trasporto marittimo (da +2,8% di agosto a -3,3%), mentre i prezzi del Trasporto aereo passeggeri accelerano da +9,4% a +11,0% a causa dei Voli aerei internazionali (i cui prezzi diminuiscono del 28,2% rispetto ad agosto e passano da +6,3% osservato nel mese precedente a +9,7% in termini tendenziali), mentre i prezzi dei Voli aerei nazionali calano del 20,0% in termini congiunturali ma rallentano su base annua (da +20,1% registrato nel mese precedente a +15,6%).

I DATI DEL TERRITORIO

A settembre 2018, nelle diverse ripartizioni geografiche la crescita dei prezzi o registra una decelerazione o è stabile rispetto al mese precedente: il Nord-Est (stabile a +1,7%) e il Nord-Ovest (da +1,8% a +1,5%) mostrano un’inflazione superiore alla media nazionale, mentre il Centro (da +1,5% a +1,3%), il Sud e le Isole (entrambi stabili a +1,3%) al di sotto.

Nei capoluoghi delle regioni e delle province autonome e nei comuni non capoluoghi di regione con più di 150 mila abitanti si rilevano aumenti su base annua ovunque (Figura 6). Reggio Emilia (+2,2%), Bologna e Ravenna (+2,1% per entrambe) sono i capoluoghi in cui i prezzi presentano gli incrementi più elevati, Perugia (+0,5%), Potenza (+0,6%) e Ancona (+0,8%) quelli con gli aumenti i più contenuti.

LE DIVISIONI DI SPESA

A settembre, l’indice armonizzato dei prezzi al consumo aumenta dell’1,7% su base mensile, per effetto della fine dei saldi stagionali di Abbigliamento e calzature, che registrano una crescita di +33,1% in termini congiunturali (-0,6% il tendenziale). Su base annua l’IPCA subisce un lieve rallentamento da +1,6% registrato nel mese precedente a +1,5%, imputabile per lo più ai prezzi dei Prodotti alimentari e bevande analcoliche (che passano da +2,1% del mese precedente a +1,6%).

GLI AGGREGATI SPECIALI

Il rallentamento dell’indice generale osservato a settembre è dovuto ai prezzi degli Alimentari lavorati (incluse bevande alcoliche) e tabacchi (in decelerazione da +2,0% di agosto a +1,5% in termini tendenziali, -0,6% in termini congiunturali) e a quelli dei Servizi relativi ai trasporti (da +2,9% a +2,5%, -5,0% su base mensile).

La componente di fondo, calcolata al netto di energia e alimentari freschi, risulta in decelerazione da +0,8% a +0,7%; rallenta anche l’inflazione al netto di energia, alimentari (incluse bevande alcoliche) e tabacchi (da +0,6% a +0,5%) e quella al netto dei soli beni energetici (da +1,0% a +0,9%).

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi