L.BILANCIO, ECCO GLI EMENDAMENTI M5S SEGNALATI: SUBSIDENZA, FAUNA SELVATICA E SPESOMETRO

BILANCIOTre gli emendamenti 'sopravvissuti' e segnalati dal Movimento Cinque Stelle per la discussione in Commissione V della Camera della Legge di Bilancio: la Subsidenza, la fauna selvatica e lo spesometro.

Qui di seguito Agricolae pubblica gli emendamenti:

SUBSIDENZA

Dopo il comma 74, aggiungere i seguenti:
74-bis. Al fine di consentire la manutenzione straordinaria, nonché l'adeguamento delle opere pubbliche di rilevanza nazionale necessarie alla protezione dal fenomeno della subsidenza, in particolare nei territori del delta del Po e alla difesa dalle acque dei territori subsidenti ricompresi nelle province di Ferrara, Rovigo e Ravenna, è istituito, presso il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, un fondo nel limite di 5 milioni di euro a decorrere dal 2018, finalizzato all'adozione, d'intesa con le Regioni interessate, di un programma di interventi e del relativo piano di riparto della spesa tra gli Enti cui è affidata la gestione delle opere di protezione e gestione del fenomeno della subsidenza.
74-ter. Per le stesse finalità di cui al comma 74-bis, all'articolo 3 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, dopo il comma 11 è inserito il seguente:
«11-bis. Le utenze di fornitura di energia elettrica per il sollevamento e lo scolo delle acque degli impianti degli Enti, costituiti ai sensi dell'articolo 59 del Regio Decreto 13 febbraio 1933, n. 215 e delle rispettive leggi regionali, ricadenti nei territori di cui al comma 15 dell'articolo 17 della legge 11 marzo 1988, n. 67, sono esenti dagli oneri generali afferenti il sistema elettrico di cui al comma 11».

Conseguentemente, al fine di provvedere agli oneri di cui al comma 74-bis, pari a 5 milioni di euro a decorrere dal 2018, e agli oneri di cui al comma 74-ter, pari a 7 milioni di euro a decorrere dal 2018, al comma 624, sostituire le parole: 17.585.300 euro con le seguenti: 5.585.300 euro le parole:53.868.200 euro con le seguenti: 41.868.200 euro e le parole: 135.812.100 euro con le seguenti:123.812.100 euro.

*17-quater. 39

NOTA. L’emendamento intende agevolare gli enti che quotidianamente si occupano della gestione del fenomeno della subsidenza (lento e progressivo sprofondamento del fondo di un bacino marino o di un'area continentale) nei territori del Delta del Po veneto e emiliano-romagnolo. In particolare, al comma 1 è istituito un fondo finalizzato a garantire interventi volti sia ad ammodernare gli impianti ordinari che a provvedere a quella manutenzione straordinaria resa necessaria a seguito degli eventi meteorologici incidenti in modo particolare nei territori subsidenti.

Al comma 2 si modifica il D.Lgs 16 marzo 1999, n.79 al fine di eliminare degli oneri di sistema per le utenze di fornitura di energia elettrica per il sollevamento e lo scolo delle acque degli impianti dei Consorzi di Bonifica, ricadenti nei territori subsidenti dell’area del Delta del Po Veneto ed emiliano romagnolo.

CENTRI FAUNA SELVATICA

Dopo il comma 74, aggiungere il seguente:
74-bis. È istituto, nello stato di previsione del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, il fondo nazionale per i centri di recupero della fauna selvatica di cui agli articoli 1 e 2 della legge 11 febbraio 1992, n. 157 e all'articolo 31 della legge del 29 luglio 2010, n. 120, destinato al funzionamento e alla conduzione dei centri regolarmente autorizzati, gestiti dalle associazioni ambientalistiche riconosciute e dalle associazioni di volontariato.

Conseguentemente allo stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze, missioneFondi da ripartire, programma Fondi Speciali e di Riserva, apportare le seguenti modificazioni:
2018:
CP: -8.000.000;
CS: -8.000.000.
2019:
CP: -8.000.000;
CS: -8.000.000.
2020:
CP: -8.000.000;
CS: -8.000.000.
17-quater. 20.

NOTA: istituisce un fondo per il recupero della fauna selvatica da parte dei centri a questo abiltati

SPESOMETRO

Dopo il comma 74, aggiungere il seguente:
74-bis. All'articolo 36 del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179 convertito con modificazioni dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221, il comma 8-bis è soppresso.
17-quater. 37.

NOTA. Questo emendamento elimina l’obbligo  dalle comunicazioni  relative alle operazioni rilevanti ai fini IVA (SPESOMETRO) per le imprese agricole che fatturano meno di 7000 mila euro l’anno, non solo quelle che sono situate in zone montane, come previsto attualmente.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi