L.BILANCIO, OLIVERO, MIPAAF: PASSI AVANTI. ‘AGGIUSTEREMO’ CERTIFICATI ANTIMAFIA. SEMPLIFICARE ETICHETTA SENZA BANALIZZARE E STOP CRIMINALIZZAZIONE ALCOL

OLIVERO

Il viceministro alle Politiche agricole Andrea Olivero fa, con AGRICOLAE, il punto della situazione delle 'questioni agricole' presenti nella legge di Bilancio. Dai distretti alimentari "per unire il prodotto al territorio" al Piano triennale della pesca. Ma non solo

Il viceministro alle Politiche agricole Andrea Olivero fa, con AGRICOLAE, il punto della situazione delle 'questioni agricole' presenti nella legge di Bilancio. Dai distretti alimentari "per unire il prodotto al territorio" al Piano triennale della pesca. Ma non solo: risponde anche all'appello della filiera del vino in merito al voto europeo sull'abuso di alcol portato avanti dalla presidenza estone e lancia un nuovo concetto di etichettatura "per non giocare in difesa, ma in attacco semplificando senza banalizzare". E sul 'guasto' relativo all'emendamento nato per innalzare la soglia dei certificati antimafia a 25 mila euro al fine di non ingolfare le prefetture e bloccare i pagamenti Pac il viceministro spiega: "se c'è lo correggeremo nel passaggio alla Camera, si alla legalità ma no alla burocrazia".

L.BILANCIO, OLIVERO, MIPAAF: UNIRE PRODOTTO A TERRITORIO CON DISTRETTI ALIMENTARI

"Si tratta di provvedimenti che completano il lavoro fatto in questi anni per il settore agroalimentare, come il piano sulla Pesca e il lavoro per accompagnare il passaggio generazionale dei nostri imprenditori agricoli e i piccoli produttori". Così ad AGRICOLAE il viceministro all'Agricoltura Andrea Olivero in merito alle questioni 'agricole' della legge di Bilancio. Ma non solo opera di consolidamento. "Anche scelte strategiche - spiega - per unire territorio e prodotto andando ad accentuare il tema, oltre che della filiera, anche del distretto come elemento di sviluppo e di indentificazione del settore agroalimentare e dell'agricoltura", conclude.

ETICHETTA, OLIVERO, MIPAAF: NO AL ‘SEMAFORO’ MA SEMPLIFICARE SENZA BANALIZZARE

Non basta l'origine della materia prima. Occorre "semplificare senza banalizzare" per evitare che "l'Italia si trovi a giocare in difesa a fronte di iniziative da parte di altri paesi come Francia e Inghilterra". Così ad AGRICOLAE il viceministro delle Politiche agricole Andrea Olivero in merito all'etichetta a semaforo. "Certamente il tema va riaffrontato", prosegue. "Oggi abbiamo la consapevolaezza che abbiamo tanti, troppi dati di cui il consumatore deve tenere in considerazione. Dobbiamo trovare forme che semplifichino senza banalizzare". Ma il viceminstro è chiaro: "respingiamo la logica dell'etichetta a semaforo che mortifica la qualità del prodotto ma dobbiamo interrogarci su come rendere piu intelligibile per il cosnumatore le caratteristiche prorie del prodotto", conclude.

CERTIFICATI ANTIMAFIA, OLIVERO, MIPAAF: SE C’E’ ERRORE, INTERVERREMO ALLA CAMERA. SI A LEGALITA MA NO BUROCRAZIA

Sarebbe a rischio l'innalzamento della soglia per i certificati antimafia da 5mila a 25mila euro. Infatti - da quanto apprende AGRICOLAE - nell'emendamento presentato dal relatore si fa riferimento solo all'articolo 28 ma non viene menzionato l'articolo 25 che ne individua la fattispecie. Questo sta creando un vero e proprio caso politico in se3de di discussione della Bilancio, poco prima del voto, tra chi sostiene che non è necessario inbcludere anche l'articolo 25 e chi invece sostiene che la misura si annulla. "Il lavoro di molte notti probabilmente ha creato qualche guasto", commenta con AGRICOLAE il viceminstro delle Politiche agricole Andrea Olivero. "D'altronde la lettura plurima dei testi consente - precisa - di correggere ed eventualmente interverremo nel passaggio alla Camera". Olivero spiega che "l'elaborazione di questo emendamento è stata una scelta saggia da parte del Senato perché seppure abbiamo un grande interesse per la legalita, abbiamo anche interesse a non aumentare la burocrazia. Soprattutto - conclude - quanco non ci da particolare ulteriore sicurezza per il settore".

VINO, OLIVERO, MIPAAF: NO CRIMINALIZZARE. CONOSCENZA RENDE CONSUMATORE CONSAPEVOLE

"Da tempo continuiamo a dire che il tema dell'abuso di sostenza alcoliche che da sempre è attentamente seguita dal nostro governo non deve portare a scelte affrettate e non efficaci rispetto agli obiettivi che vogliamo centrare". Così ad AGRICOLAE il viceministro delle Politiche agricole Andrea Olivero in merito alla lettera inviata dalla filiera del vino a Gentiloni, Martina e Lorenzin con cui si chiede che non venga sostenuto dal voto dell’Italia il documento della presidenza di turno dell’Unione Europea (Estonia) che vuole limitare il libero commercio di bevande alcoliche all'interno dell'UE, "I nostri studi ci dicono che è la conoscenza del vino che rende il consumatore consapevole", precisa il viceministgro. "Quindi non serve criminalizzare ma fare una campagna culturale destinata al consumatore finale".

Per saperne di più:

FILIERA VINO SCRIVE A GENTILONI, MARTINA E LORENZIN: NO A DOCUMENTO PRESIDENZA UE SU BEVANDE ALCOLICHE

VINO

La Filiera del Vino italiana prende carta e penna e scrive una lettera indirizzata al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni

La Filiera del Vino italiana prende carta e penna e scrive una lettera indirizzata al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ai ministri per le Politiche agricole e Salute Maurizio Martina e Beatrice Lorenzin, con cui si chiede l’intervento del governo a Bruxelles a difesa del vino.

Si chiede che non venga sostenuto dal voto dell’Italia il documento della presidenza di turno dell’Unione Europea (Estonia) che vuole limitare il libero commercio di bevande alcoliche all'interno dell'UE, per motivi di salute pubblica. In questo modo si colpisce la filiera del vino che ha sempre sostenuto il consumo moderato.

Bruxelles deve tener conto della cultura del vino e più in generale della diversità dei contesti nazionali (i Paesi dove tradizionalmente si consuma più vino, infatti, sono quelli dove i danni da abuso di alcol sono minori).

Qui di seguito la lettera in PDF

2017_11_27_lettera Filiera_Estonia

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Reload Image

Enter Captcha Here : *

MORE ARTICLES