LA POLITICA AL VINITALY: INVASIONE DI CAMPO. SI PARLA PIU’ DI DI MAIO E SALVINI CHE DI …VINI. MA NULLA SU COMITATO VINO E OCMI DECRETI ATTUATIVI SU TESTO UNICO ATTESI GIA NELLA PASSATA EDIZIONE. SU OCM TRE ANNI DI PASSIONE

Le beghe di palazzo invadono il Vinitaly. La politica irrompe a Verona e ruba la scena a quello che avrebbe dovuto essere il protagonista assoluto dell'ormai classica vetrina internazionale della vitivinicoltura. Insomma si parla più di Di Maio e Salvini che di... vini. Accanto ai giornalisti specializzati è piombata in fiera un'orda di giornalisti politici, richiamati da un possibile siparietto sulla crisi di governo e le prospettive di breve termine. Inevitabile, si dirà, che la politica si ritagli i suoi spazi all'interno di una manifestazione di questa portata che muove grandi interessi economici e che rappresenta un fiore all'occhiello per il lavoro, l'imprenditoria e la fantasia dell'Italia che produce. In realtà ci si sarebbe potuti aspettare una specie di do ut des. Ma la politica con la mano destra prende e presenta una mano sinistra completamente vuota. In pratica cioè cannibalizza la manifestazione veronese senza dare niente in cambio. Infatti, tranne forse alcuni decreti attuativi relativi al Testo unico del Vino attesi già nella passata edizione, (11 sono già in Gazzetta ufficiale, uno è in arrivo, 4 sono in Conferenza Stato Regioni e 7 sono sospesi in attesa delle regole europee) la politica non è riuscita a portare a Verona la soluzione di alcune questioni di fondo chieste a gran voce dalla filiera tutta: come il Comitato Italiano Vino e l'Ocm vino. Anzi: questa invasione di campo rischia di mortificare la visibilità di tanti prodotti e di tanti produttori che - naturalmente e legittimamente - speravano di sfruttare Vinitaly come occasione di promozione di business. E tutto questo non fa bene alla politica. E non aiuta il vino.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

LA POLITICA AL VINITALY: INVASIONE DI CAMPO. SI PARLA PIU’ DI DI MAIO E SALVINI CHE DI …VINI. MA NULLA SU COMITATO VINO E OCM
15/04/2018

LA POLITICA AL VINITALY: INVASIONE DI CAMPO. SI PARLA PIU’ DI DI MAIO E SALVINI CHE DI …VINI. MA NULLA SU COMITATO VINO E OCMI DECRETI ATTUATIVI SU TESTO UNICO ATTESI GIA NELLA PASSATA EDIZIONE. SU OCM TRE ANNI DI PASSIONE

Le beghe di palazzo invadono il Vinitaly. La politica irrompe a Verona e ruba la scena a quello che avrebbe dovuto essere il protagonista assoluto dell’ormai classica vetrina internazionale della vitivinicoltura. Insomma si parla più di Di Maio e Salvini che di… vini. Accanto ai giornalisti specializzati è piombata in […]

PAC, SENZA MARTINA ITALIA FUORI DAI GIOCHI. NESSUNO HA LE DELEGHE E A DISCUTERE IN UE CI VANNO BLASI E ASSENZA
24/03/2018

PAC, SENZA MARTINA ITALIA FUORI DAI GIOCHI. NESSUNO HA LE DELEGHE E A DISCUTERE IN UE CI VANNO BLASI E ASSENZAGENTILONI SI E' DIMESSO COME PREVISTO

Italia ‘orfana’ della politica agricola ed esclusa dalla discussione europea della Pac sulla prossima dotazione economica. Maurizio Martina, dimettendosi lo scorso 13 marzo per evitare eventuali conflitti con il ruolo di segretario di Partito, ha lasciato un ‘buco’ istituzionale che non permette all’Italia – politicamente parlando – di sedersi assieme […]