LATTE, CADEDDU (M5S): IMPORTANTE DISPONIBILITA’ DEL PRESIDENTE CONTE. ORA DARE SUBITO RISPOSTE

print

“L’incontro del presidente del Consiglio Giuseppe Conte con gli allevatori sardi che protestano per il prezzo ormai ridicolo al quale sono costretti a vendere il latte è un fatto importantissimo per la mia regione e il suo comparto agroalimentare. Sono grato a presidente Conte per aver voluto ascoltare le loro ragioni insieme al ministro per il Sud Barbara Lezzi e al ministro dell’Agricoltura Gian Marco centinaio. La scelta di incontrare la delegazione di pastori in questo momento di crisi conferma la vicinanza del governo alle istanze che vengono dai cittadini, in particolare di quelli messi in difficoltà da un sistema che penalizza i deboli e favorisce la speculazione dei grandi gruppi”. Lo afferma il deputato sardo del Movimento 5 Stelle Luciano Cadeddu, membro della commissione Agricoltura della Camera e primo firmatario di una risoluzione sulla tracciabilità delle produzioni lattiero-casearie della regione.

“Come abbiamo detto fin dall’inizio, pur essendo impegnati da sempre su questo fronte, non abbiamo alcuna intenzione di strumentalizzare la sacrosanta protesta degli allevatori: questa è una battaglia senza maglie e senza colori, una battaglia che i pastori combattono da decine di anni e che proseguono adesso tutti uniti. La delegazione che ho accompagnato insieme al collega deputato Alberto Manca ha portato le voci e proposte dei pastori, senza intermediari. Ora non resta che rimboccarci le maniche, ciascuno per le proprie competenze, e individuare in tempi strettissimi le risposte necessarie” prosegue il deputato del MoVimento 5 Stelle.

“Partiamo da un calendario serrato di impegni che fanno ben sperare: il tavolo sulla filiera convocato per il 21 febbraio, l’inchiesta sul dumping del settore annunciato dal ministro dell’Agricoltura, l’incontro con il commissario europeo Hogan per affrontare i risolti comunitari della questione e, punto sul quale sto lavorando in prima persona, l’imminente messa a punto di un registro telematico che renda tracciabile tutta la produzione, in modo da prevenire e reprimere eventuali abusi e frodi” conclude Cadeddu.