M5S, ECCO I NOMI ‘AGRICOLI’ IN LISTA PER CAMERA E SENATO.E LE PRIME COSE CHE FARANNO

m5s

Quasi tutti in pista gli ‘agricoli’ del Movimento Cinque Stella. Tranne Loredana Lupo e Massimiliano Bernini, che per scelta hanno preferito cedere il passo. Ecco chi rimane e cosa farà

Quasi tutti in pista gli ‘agricoli’ del Movimento Cinque Stella. Tranne Loredana Lupo e Massimiliano Bernini, che per scelta hanno preferito cedere il passo. Capolista per la Camera sono Silvia Benedetti, Giuseppe L’Abbate, Chiara Gagnarli  Nella posizione di secondo capolista figurano, sempre a Montecitorio, Filippo Gallinella e Paolo Parentela.

gagnarli

Abbiamo lavorato su tante cose ma molte - per volere o potere - sono state lasciate li. Credo sia giusto portarle a compimento

La prima cosa da fare, per Chiara Gagnarli è quello di "riprendere le leggi su cui ci sono state tante audizioni e che non sono state chiuse, come quella sul pane, sulla filiera corta, i tartufi. Abbiamo lavorato su tante cose ma molte - per volere o potere - sono state lasciate li. Credo sia giusto portarle a compimento per il rispetto di tutti quelli che sono intervenuti".

“Dobbiamo riprendere il lavoro sulle Cun del grano e lavorare per migliorare le filiere. Perché di questo ha bisogno il Paese spiega ad AGRICOLAE il capolista di Puglia 3 L’Abbate. Anche per Filippo Gallinella “la prima cosa da fare è quella di depositare le proposte di legge che non abbiamo chiuso e che erano già in fase avanzata così da non perdere tempo”. “Ma non solo: anche lavorare sin da subito - spiega ad AGRICOLAE - perché sia l’Italia ad essere la prima a parlare di Pac post 2020”.

 

parentela

Approvare le legge finite nel dimenticatoio del Senato, come la Legge sul Biologico, che va migliorata e che è assolutamente strategica

“Le nostre priorità sono i 20 punti previsti dal programma per migliorar la vita degli italiani ma è chiaro che la prima cosa che dobbiamo fare è quella di approvare le legge finite nel dimenticatoio del Senato, come la Legge sul Biologico, che va migliorata e che è assolutamente strategico”. Così ad AGRICOLAE Paolo Parentela secondo capolista nel listino plurinominale 2 di Reggio Calabria.

"La prima cosa che farò sarà di depositare il disegno di legge Caselli sui reati agroalimentari e presentare una mozione sul caporalato per migliorare una legge che manca di vari elementi (per il quale manca solo il voto finale - ndr)", spiega ad AGRICOLAE Elena Fattori, Capolista Lazio tre e uninominale su Velletri. Poi naturalmente, no al Ceta. ma non solo: "lavorare sui prossimi accordi internazionali come quello tra Ue e Giappone e Ue e Mercosur per tutelare il più possibile il nostro Made In".

donno

Rivedere la ripartizione delle quote tonno in relazione al territorio e riconsiderare gli sgravi fiscali per i marittimi

Occorre "rimodulare il comparto pesca, rivedere le sanzioni della 154 su cui ho già presentato un disegno di legge ed eliminare le disparità tra il pescato tre le varie regioni, che si differenzia molto", spiega ad AGRICOLAE Danielo Donno. "Rivedere la ripartizione delle quote tonno in relazione al territorio e riconsiderare gli sgravi fiscali per quanto riguarda i marittimi che a gennaio sono stati soppressi o diminuiti. La pesca mi sta a cuore".

 

 

 

 

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES