MADE IN ITALY, MIPAAF CORREGGE IL TIRO. ECCO DECRETO CHE CANCELLA QUELLO DEL 24 GIUGNO CHE ANNULLAVA PROMOZIONE CONSORZI PRODOTTI DOP A CAUSA DEL COVID

Il ministero delle politiche agricole ritira con un decreto del 26 giugno il decreto firmato il 24 giugno con il quale - in autotutela - si annullavano i bandi di supporto e tutela dei consorzi di prodotti agricoli Dop e indicazione di origine.

Una retromarcia da parte del Mipaaf che ora corregge il tiro sulla promozione del made in Italy

Qui di seguito AGRICOLAE pubblica il decreto in PDF e a seguire in forma testuale.

ritiro_provvedimento_di_autotutela

Con il presente atto, ai sensi dell’art. 21 quinquies della legge 241/1990, il decreto prot. n. 34528 del 24 giugno 2020 è revocato in autotutela.

Articolo 2

1. Il presente decreto è pubblicato sul sito web del Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali www.politicheagricole.it

2. L’Ufficio PQAI IV provvederà ad informare i partecipanti, a mezzo di posta elettronica certificata, entro 5 giorni dalla pubblicazione dell’atto sul sito istituzionale.

Era già stato scritto:

MADE IN ITALY, ECCO DECRETO CON CUI MIPAAF RITIENE “INOPPORTUNO” SUPPORTARE PROMOZIONE E TUTELA PRODOTTI DOP. A CAUSA DEL COVID

Posted by Redazione × Pubblicato il 25/06/2020 at 11:49

Il rilancio e supporto dei consorzi dei prodotti Dop e Igp del Made in Italy è diventato un "atto ritenuto inopportuno".

Il ministero delle Politiche agricole - con decreto Mipaaf che AGRICOLAE pubblica qui di seguito - revoca in autotutela per l’anno 2020, le procedure amministrative relative alla concessione di "contributi inerenti iniziative volte a sviluppare azioni di informazione per migliorare la conoscenza e favorire la divulgazione, garantire la salvaguardia e sostenere lo sviluppo dei prodotti agricoli ed alimentari, nonché di tutti i documenti e gli atti all’uopo determinati". Questo "a causa del contenimento dell'emergenza sanitaria Covid-19".

Tra le considerazioni in premessa al decreto, si legge che "in ossequio ad un pacifico e consolidato orientamento giurisprudenziale, nel procedimento finora espletatosi è formata – in capo ai soggetti proponenti – una mera aspettativa non qualificata alla conclusione del procedimento che non comporta per l’Amministrazione speciali oneri motivazionali o l’inoltro agli interessati di specifica comunicazione di avvio del procedimento.

Considerato anche che "rientra nel potere discrezionale dell’Amministrazione la possibilità di procedere alla revoca o annullamento di una procedura ad evidenza pubblica allorché questa non risponda più alle esigenze dell’Amministrazione e sussista un interesse pubblico, concreto e attuale alla ridefinizione degli atti divenuti inopportuni".

Qui di seguito AGRICOLAE pubblica il decreto in PDF e a seguire in forma testuale:

DECRETO REVOCA IN AUTOTUTELA

"Con il presente decreto - si legge nel testo -, ai sensi dell’art. 21 quinquies della legge 241/1990, sono revocate in autotutela per l’anno 2020, le procedure amministrative relative al decreto ministeriale prot n. 15487 del 1° marzo 2016 nonché quelle relative al decreto ministeriale prot, n. 53334 del 28 luglio 2015 e s.m.i. concernenti, come sopracitato, la determinazione dei criteri e delle modalità per la concessione di contributi inerenti iniziative volte a sviluppare azioni di informazione per migliorare la conoscenza e favorire la divulgazione, garantire la salvaguardia e sostenere lo sviluppo dei prodotti agricoli ed alimentari, nonché di tutti i documenti e gli atti all’uopo determinati, a causa del contenimento dell'emergenza sanitaria Covid-19.

2. I termini per la presentazione delle istanze scadranno, per l’anno 2021, ai sensi di quanto previsto dai decreti ministeriali n. 15487 del 1 marzo 2016 e n. 53334 del 28 luglio 2015 e s.m.i., rispettivamente l’8 marzo ed il 18 ottobre.

Articolo 2

1. Il presente atto è pubblicato sul sito web del Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali www.politicheagricole.it

2. L’Ufficio PQAI IV provvederà ad informare i partecipanti alle procedure revocate in autotutela ai sensi del precedente art. 1 a mezzo di posta elettronica certificata entro 5 giorni dalla pubblicazione dell’atto sul sito istituzionale.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.<br/>This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.<br/> Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi