MALTEMPO: PREOCCUPAZIONE DI CONFAGRICOLTURA PER I DANNI AGLI OLIVETI PROVOCATI DAL FREDDO

Dopo le ondate di gelo delle scorse settimane, il freddo degli ultimi giorni ha nuovamente messo a dura prova l’olivicoltura italiana. Anche se a macchia di leopardo, gli oliveti hanno mostrato segni di sofferenza con danni alle piante che in molti casi comprometteranno le produzioni olivicole.

“E’ presto per poterlo prevedere con esattezza - afferma Pantaleo Greco, presidente della Federazione nazionale olivicola di Confagricoltura - ma con i danni alle piante che abbiamo visto in campo è facile ipotizzare un calo delle produzioni per la prossima campagna.”

Gli effetti del maltempo non sono stati omogenei. Ad essere colpite sono state soprattutto le regioni del Centro Sud, soprattutto il Lazio e il nord della provincia di Bari.

“Occorre intervenire, laddove previsto, con l’attivazione delle misure per il risarcimento dei danni - continua Greco -. Il settore ha già registrato negli ultimi anni risultati in calo in termini quantitativi e le recenti calamità potrebbero aggravare la situazione. L’olivicoltura rappresenta un’eccellenza del made in Italy e necessita di attenzioni sempre maggiori da parte delle Istituzioni e della politica”.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi