MALTEMPO, ROTA (FAI CISL): “RIPARTIRE DAL LAVORO FORESTALE”

“Dopo gli eventi climatici che hanno messo in ginocchio intere comunità, il nostro appello è quello di ripartire dal lavoro forestale per garantire la messa in sicurezza del territorio e delle persone. Un primo passo è dunque quello di valorizzare la professionalità dei lavoratori a tempo indeterminato e aumentare il numero delle giornate degli addetti stagionali ai lavori di sistemazione idraulico-forestale e idraulico-agraria”.

Lo dichiara in una nota il Segretario generale della Fai Cisl, Onofrio Rota, che aggiunge:

“Il contributo del lavoro della forestazione è indispensabile per pulire i boschi e mettere in sicurezza i territori montani, e in questa fase è fondamentale anche per rendere produttivi il prima possibile i milioni di alberi caduti, che anziché essere lasciati marcire vanno messi a disposizione delle aziende di lavorazione del legno. Le economie locali hanno subìto danni di una gravità enorme, e soltanto puntando su interventi qualificati e organici sul nostro patrimonio forestale e paesaggistico sarà possibile uscire dalla logica dell’emergenza e far ripartire le filiere dell’agroalimentare, del legno e del turismo”.

“Porteremo queste istanze – conclude Rota – anche al Sottosegretario Durigon, che mostrandosi sensibile alle richieste avanzate unitariamente dai sindacati di categoria si è reso disponibile ad aprire un confronto. È da tempo, infatti, che denunciamo l’assenza di un tavolo negoziale per il rinnovo del contratto nazionale per i 65 mila lavoratori interessati, e auspichiamo l’inizio di un percorso che possa davvero rilanciare il comparto forestale per la difesa idrogeologica e la salvaguardia dei boschi produttivi”.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

DL SEMPLIFICAZIONE, EMENDAMENTO AL SENATO AZZERA BANDO DI GARA VINTO DA LEONARDO ALLA META DEL PREZZO. CON UN COSTO DI 40 MLN DI EURO L’ANNO

DL SEMPLIFICAZIONE, EMENDAMENTO AL SENATO AZZERA BANDO DI GARA VINTO DA LEONARDO ALLA META DEL PREZZO. CON UN COSTO DI 40 MLN DI EURO L’ANNOTUTTO NASCE DA UNA LETTERA DELL'ANAC IN CUI VENGONO SOLLEVATE PERPLESSITA SULLA PRESENZA DI ALCUNE IMPRESE CONCORRENTI GIA PRESENTI NELLA COMPAGINE PRIVATA SIN

Non finisce mai la storia Sian. E, a bando fatto, vinto e ‘comprovato’ dalla stessa Consip, tutto viene rimesso in discussione. Con una perdita di denaro di circa 40 milioni di euro l’anno. Con un emendamento presentato al Ddl Semplificazione in discussione al Senato che azzera tutto. Questo nonostante il […]

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi