MANOVRA, CASTELLI: NESSUN CAMBIAMENTO, A PARTE NCC SOLO REFUSI DI TRASCRIZIONE. QUEST’ANNO NESSUNO SPAZIO A INTERESSI PERSONALIIL SOTTOSEGRETARIO ALL'ECONOMIA: MOLTI I TEMI AGRICOLI, DALLA XYLELLA AL CATASTO DELLE PIANTE

"L'opposizione si è irritata per un po di tempo in più che ci è voluto per l'ok definitivo del testo in un momento in cui i tempi erano stretti, ma nella sostanza non è cambiato nulla. Solo delle correzioni formali". Così fa chiarezza, con AGRICOLAE, il sotosegretario all'Economia Laura Castelli in merito alle polemiche e alla bagarre di ieri al Senato. Con l'opposizione che ha chiesto l'intervento della Casellati e minaccia ricorsi. "Li capisco, eravamo in zona Cesarini. Ma si tratta solo di errori di trascrizione", precisa. "L'unica questione su cui abbiamo deciso di fare marcia indietro per evitare di fare errori è stata la norma sugli Ncc, per cui si è deciso di fare un decreto ad hoc".

Nel dettaglio, i cambiamenti riguardano alcuni errori di 'copia-incolla' dovuti alla fretta. Errori che - in effetti - erano stati fatti nelle versioni bollinate anche nelle scorse legislature, come per esempio per quanto riguarda il settore dei giochi.

Nella fattispecie, Castelli spiega che "si tratta di due commi ripetuti, un emendamento rimasto dentro nonostante ci fosse la norma concordata finale sulla funzione pubblica; poi, sui fondi per l'attuazione di governo - l'ex 55 e 90 - c'era un comma sbagliato riportato invece correttamente nella relazione tecnica. Infine la questione Ncc, l'unica 'politica' e reale. Perche avevamo dei dubbi sulla quantificazione e per evitare errori lo abbiamo tirato indietro", prosegue.

Una manovra "molto agricola", per il sottosegretario, dato l'accento che è stato posto su alcuni temi per i quali da tempo si cerca una soluzione: "Sulla Xylella avevamo predisposto alla Camera la parte del finanziamento e al Senato abbiamo fatto un passo in più predisponendo anche il finanziamento per il reimpianto della piante tolleranti", spiega. "Ma anche per esempio il catasto delle piante, la valorizzazione delle aree di montagna e il piano di promozione e valorizzazione del Made in Italy" per il quale sono stati previsti ulteriori 90 milioni di euro.

"Una manovra, questa, - conclude il sottosegretario all'Economia - che non ha lasciato spazio a interessi personali".

 

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Tags: × × ×

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

MANOVRA, CASTELLI: NESSUN CAMBIAMENTO, A PARTE NCC SOLO REFUSI DI TRASCRIZIONE. QUEST’ANNO NESSUNO SPAZIO A INTERESSI PERSONALI
23/12/2018

MANOVRA, CASTELLI: NESSUN CAMBIAMENTO, A PARTE NCC SOLO REFUSI DI TRASCRIZIONE. QUEST’ANNO NESSUNO SPAZIO A INTERESSI PERSONALIIL SOTTOSEGRETARIO ALL'ECONOMIA: MOLTI I TEMI AGRICOLI, DALLA XYLELLA AL CATASTO DELLE PIANTE

“L’opposizione si è irritata per un po di tempo in più che ci è voluto per l’ok definitivo del testo in un momento in cui i tempi erano stretti, ma nella sostanza non è cambiato nulla. Solo delle correzioni formali”. Così fa chiarezza, con AGRICOLAE, il sotosegretario all’Economia Laura Castelli […]

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi