MANOVRA, ECCO IL TESTO BOLLINATO. NASCE AGENZIA NAZIONALE RICERCA CHE ESCLUDE MIPAAF E MATTM DAI VERTICI. E ISMEA, CREA E ISPRA?ALL'ART. 29 FORTI LIMITAZIONI PER NUOVE ASSUNZIONI E PROGRESSIONI DI CARRIERA IN TUTTI GLI ENTI PUBBLICI DI RICERCA

Arrivato al Senato il testo della Bilancio bollinato dal Quirinale. Tra le novità emerge l’istituzione, agli articoli 28 e 29, dell’Agenzia nazionale della ricerca che farà capo direttamente alla Presidenza del Consiglio e al Miur.

Da quanto si evince sembrerebbe che gli enti di ricerca pubblici siano destinati ad essere coordinati dall’Agenzia neonata i cui rappresentanti saranno definiti dalla Pcm, dal Mef e dal Miur. Ma non dal Mipaaf – sotto al quale c’è l’Ismea e il Crea (il cui bando per il direttore generale, da quanto apprende AGRICOLAE, è stato recentemente ritirato) – e dal Ministero dell’Ambiente, sotto al quale c’è l’Ispra.

Anche i piani triennali con le relative assunzioni dipenderanno dai ministeri competenti.

Previsto anche il blocco delle assunzioni e delle progressioni di carriera in tutti gli enti pubblici di ricerca a causa della limitazioni fissate in rapporto al bilancio degli enti stessi.

Tra le altre cose:

All’articolo 21 figura l’esenzione IRPEF redditi dominicali e agrari dei coltivatori diretti e degli imprenditori agricoli professionali. All’articolo 22 gli incentivi fiscali all’acquisizione di beni strumentali per l’economia circolare. All’articolo 26 la Nuova Sabatini per gli investimenti Sud ed ecosostenibili delle PMI.

All’articolo 28 figura invece l’istituzione dell’Agenzia nazionale per la ricerca e altre misure di sostegno alla ricerca e all’istruzione.

Si legge: “al fine di potenziare la ricerca svolta da università, enti e istituti di ricerca pubblici e privati è autorizzata la spesa di 25 milioni di euro per l’anno 2020, 200 milioni di euro per l’anno 2021 e 200 milioni di euro annui a decorrere dal 2021 per il funzionamento e per il personale dell’agenzia di cui al comma2. Per realizzare le finalità di cui al comma 1 è istituita un’apposita agenzia denominata Agenzia Nazionale per la Ricerca ANR dotata di autonomia statutaria, organizzativa, tecnico operativa e gestionale sottoposta alla vigilanza della Presidenza del Consiglio dei ministri e del ministero dell’Istruzione.

Compito di ANR sarà quello di coordinare e indirizzare le attività di ricerca di università, enti e istituti di ricerca pubblici verso obiettivi di eccellenza incrementando la sinergia e la cooperazione tra di essi e con il sistema economico produttivo pubblico e privato in relazione agli obiettivi strategici della ricerca e dell’innovazione. Nonché agli obiettivi di politica economica del governo.

Il direttore e i membri del comitato direttivo sono nominati con decreto del Presidente del Consiglio e restano in carica per 4 anni. Vengono scelti – si legge nel testo bollinato – tra persone di elevata qualificazione scientifica, con una profonda conoscenza del sistema della ricerca in Italia e all’estero e con pluriennale esperienza in enti o organismi pubblici o privati operanti nel settore.

Il direttore è il legale rappresentante dell’Agenzia, la dirige e ne è responsabile.

Il collegio dei revisori dei conti è composto da tre membri effettivi e due supplenti con decreto del Miur.

Un membro assume le funzioni di presidente e un membro supplente sono designati dal Mef.

A questo segue l’articolo 29 sulle modifiche agli articoli 9 e 12 del decreto legislativo 2016 n.218.

Al decreto legislativo 25 novembre 2016 sono apportate le seguenti modifiche:

l’articolo 9 è sostituito dal seguente: gli enti pubblici di ricerca nell’ambito della rispettiva autonomia tenuto conto dell’effettivo fabbisogno di personale al fine del migliore funzionamento delle attività e dei servizi e compatibilmente con l’esigenza di assicurare la sostenibilità della spesa di personale e gli equilibri di bilancio nel rispetto dei limiti massimi di tale tipologia di spesa definiscono la programmazione per il reclutamento del personale nei piani triennali di attività.

Ma non solo: l'articolo 29 prevede forti limitazioni sia sulle assunzioni che sulle progressioni di carriera per tutti gli enti di ricerca pubblici. Perchè definisce al 70 per cento la soglia di percentuale tra i rapporti di lavoro dell'ente e il bilancio. Prima era all'80 per cento.

All’articolo 30 gli incentivi generali per la patrimonializzazione delle imprese

All’articolo 32 il Piano straordinario di promozione del made in Italy; Poi le misure per il Sud (art.33) e il rafforzamento degli investimenti al Mezzogiorno (art.34).

All’articolo 35 il rifinanziamento della strategia nazionale delle aree interne.

All’articolo 44 gli interventi che autorizzano la spesa di 22,5 milioni di euro all’anno per il personale non dirigenziale per il ministero per i Beni culturali e per il Turismo di Dario Franceschini.

All’articolo 47 le misure per l’innovazione.

Al capo VI relativo alle Misure in materia di Agricoltura figura all’articolo 59 il Sostegno alle imprese colpite da cimice asiatica; all’articolo 60 gli interventi a favore dell’agricoltura.

All’articolo 80 le accise sui tabacchi.

All’articolo 82 l’imposta sul consumo di bevande con zuccheri aggiunti. La cosiddetta Sugar tax.

Qui di seguito AGRICOLAE pubblica il testo bollinato della Manovra

Ddl Bilancio_Bollinato_Articolato

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi