MILLEPROROGHE, CONFCOOPERATIVE: OCCASIONE MANCATA SU COMUNITÀ ENERGETICHE

image_pdfimage_print

«Abbiamo la concreta possibilità di aprire una nuova era per l’energia in Italia, ma l’emendamento sulle comunità energetiche, contenuto nel milleproroghe, non riesce a cogliere l’obiettivo di incentivare le stesse comunità di cui dovrebbe, invece, essere promotore, perché recepisce male le direttive comunitarie. L’emendamento, infatti, consente la produzione di energia destinata all’autoconsumo con impianti di potenza complessiva inferiore ai 200 Kw».

 

Così in una nota Confcooperative Consumo e Utenza che aggiunge «La micro taglia dell'impianto non consente la sostenibilità d'impresa e le economie di scala. Questo è un vincolo che tarpa le ali al decollo di progetti realmente capaci di produrre i benefici economici per le comunità e le risposte ambientali che le direttive europee ci invitano a perseguire. L’Europa ci chiede di trasformare i cittadini in produttori e consumatori di energia per ridurre gli sprechi, abbassare le bollette e tagliare le emissioni e noi, invece di valorizzare l’opportunità la depotenziamo attraverso una distorsione dello strumento normativo». 

 

«Chiediamo un immediato ravvedimento per evitare che l’opportunità di dare una spinta innovatrice, democratica e sostenibile alla produzione diffusa di energia da fonti rinnovabili si trasformi in un’occasione mancata. Auspichiamo che, anche grazie al confronto con le associazioni di rappresentanza del settore si possano trovare soluzioni adeguate. Rischiamo, in caso contrario, di dare un brutto esempio in Europa e una pessima risposta alle aspettative di milioni di cittadini utenti». È la richiesta di Roberto Savini, presidente di Confcooperative Consumo e Utenza che apre al confronto con il governo per una tempestiva soluzione finché l’iter parlamentare lo rende ancora possibile.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

CURA ITALIA, ANTICIPO PAC RISCHIA DI SLITTARE. MAXIEMENDAMENTO PREVEDE IL 15 MAGGIO MA RAGIONERIA STATO CHIEDE IL 15 GIUGNO. I TESTI

CURA ITALIA, ANTICIPO PAC RISCHIA DI SLITTARE. MAXIEMENDAMENTO PREVEDE IL 15 MAGGIO MA RAGIONERIA STATO CHIEDE IL 15 GIUGNO. I TESTIECCO IL MAXIEMENDAMENTO E LA NOTA DELLA RAGIONERIA DELLO STATO. LA PARTITA SI GIOCHERA ALLA CAMERA

Il maxiemendamento al Cura Italia ha avuto l’ok del Senato. Ma resta in forse se l’anticipo della Pac, chiesto e ottenuto dal Mipaaf e previsto per il 15 maggio, slitterà al 15 giugno. Infatti, sebbene nel testo bollinato e approvato – che AGRICOLAE allega di seguito – figuri a pagina […]



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi