MIPAAF, DAL PRIMO SETTEMBRE COMACCHIO CAPO DIPARTIMENTO AL POSTO DI LUCA BIANCHI

Andrea Comacchio sarebbe stato indicato per il posto di Capo dipartimento lasciato vacante da Luca Bianchi. Da quanto apprende AGRICOLAE, Comacchio, di lunga esperienza per quanto riguarda le politiche agricole presso già la regione Veneto, dovrebbe insediarsi, Decreto permettendo, il prossimo primo settembre.

Laurea in scienze agrarie, Comacchio è già stato fra le altre cose il Responsabile delle Direzione competitività sistemi agroalimentari, dell'unità di progetto tutela produzioni. La regione Veneto è una delle regioni a maggiore vocazione agricola, come dimostrano gli ultimi dati pubblicati.

Il Dipartimento delle politiche competitive, della qualità agroalimentare e della pesca esercita le competenze del Ministero nel settore della pesca, della tutela e valorizzazione della qualità dei prodotti, ferme restando le competenze del Ministero dello sviluppo economico e del Ministero della salute:
■ cura le relazioni istituzionali con le regioni e gli enti territoriali;
■ cura l'attuazione delle leggi pluriennali di spesa, i servizi generali e il personale, anche ai sensi del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82;
■ esercita le attività di competenza del Ministero relative al Sistema informativo agricolo nazionale (SIAN);
■ assicura il supporto al funzionamento della Camera arbitrale nazionale di cui all'articolo 16 del decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 99;
■ cura l'attività di comunicazione e di informazione in materia di qualità dei prodotti agricoli ed agroalimentari, di cui all'articolo 1, primo comma, della legge 6 marzo 1958, n. 199, della pesca e nelle altre materie di competenza del Ministero;
■ esercita le competenze nel campo dell'educazione alimentare di carattere non sanitario, cura le campagne di comunicazione e promozione agroalimentare e della pesca in ambito nazionale e comunitario;
■ svolge le attività relative alla partecipazione del Ministero alle fiere e supporta gli enti e le società vigilati dal Ministero per la partecipazione alle fiere;
competenze del Ministero nel settore dell'ippica e delle relative scommesse.

Qui di seguito Agricolae pubblica il curriculum vitae:

cv_COMACCHIO_ANDREA

AGROALIMENTARE: IN VENETO IL SETTORE VALE 14,5 MLD, QUASI IL 10 PER CENTO DELLA RICCHEZZA VENETA

E’ il settore agroalimentare la ‘lepre’ dell’economia veneta: la filiera dei cibi ‘made in Veneto’ di qualità, dell’industria di trasformazione e commercializzazione e della ristorazione corre più forte dell’economia regionale. Il fatturato delle sue 44 mila imprese supera i 56 miliardi di euro e nel triennio 2013-2015 è cresciuto mediamente del 2,5 per cento, quasi un punto in più rispetto ai ritmi del Pil regionale. A scattare l’istantanea sul ‘core business’ dell’agroalimentare veneto è l’ultimo numero di Statistiche Flash, il focus mensile di approfondimento dell’Ufficio Statistica della Regione Veneto (http://statistica.regione.veneto.it/pubblicazioni_statistiche_flash.jsp). Restringendo l’obiettivo sulla filiera ‘ristretta’, cioè alle sole attività ‘industriali di trasformazione, commercializzazione e ristorazione, la crescita dell’agroalimentare veneto diventa addirittura un ‘galoppo’: più 6,1 per cento annuo. Le imprese venete agroalimentari, che in termini numerici valgono il 7,7 per cento del totale italiano, producono il 13,3 per cento del fatturato italiano di settore.

“Il settore ‘food’ in Veneto è uno dei pilastri della nostra economia – sottolinea l’assessore all’agricoltura Giuseppe Pan – non solo per la capacità di produrre alimenti di qualità certificata, con ben 91 eccellenze tra Dop (Denominazione di origine protetta), Igp (Indicazione geografica protetta) e Stg (Specialità tradizionale garantita), ma soprattutto per la sua componente industriale di lavorazione e di commercializzazione, di cui la ristorazione è un tassello fondamentale.  La mera produzione agricola vale il 20 per cento del settore ‘food’, il resto è dato dal commercio alimentare (35%), dall’industria alimentare e delle bevande (22%) e dalla ristorazione (23%). Nell’anno dedicato al ‘cibo italiano’, il Veneto dimostra di essere uno dei leader nella buona tavola, nell’export e nella capacità di coniugare cibo, turismo e occupazione. Il cibo è sempre più un prodotto culturale, un brand, un elemento di identità e di orgoglio e un motore di sviluppo economico da valorizzare in tutti i suoi aspetti: a scuola, nella formazione, nella pianificazione territoriale e negli investimenti infrastrutturali”.

La ‘lepre’ dell’industria agroalimentare veneta corre grazie alla fantasia e alla produttività dei suoi imprenditori e dei suoi addetti:  nel 2015 il valore aggiunto per addetto nel settore è stato di 66 mila euro, quasi 10 mila euro in più rispetto al valore medio nazionale, posizionando il Veneto sul podio delle tre regioni con il maggior valore aggiunto per addetto, alle spalle di Lombardia ed Emilia Romagna. Dal 2008 al 2015 il valore aggiunto per addetto nell’industria agroalimentare veneta è cresciuto di circa 20 mila euro. “Un dato da sottolineare con evidenza - commenta Pan – perché valorizza la laboriosità dei veneti, ma anche le politiche a sostegno sull’innovazione e della competitività del settore e degli investimenti strutturali nell’agroindustria, nell’agriturismo e nei settori a più alto valore aggiunto, come il vino. Investimenti resi possibili grazie anche alla leva dei fondi del Programma di sviluppo rurale”.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Tags: × ×

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

OLIO, GESMUNDO, COLDIRETTI: “IL MASSIMO DEL MADE IN ITALY E’ QUANDO C’E’ ALMENO IL 50% DI PRODOTTO ITALIANO”. LA REGISTRAZIONE
13/07/2018

OLIO, GESMUNDO, COLDIRETTI: “IL MASSIMO DEL MADE IN ITALY E’ QUANDO C’E’ ALMENO IL 50% DI PRODOTTO ITALIANO”. LA REGISTRAZIONEIL SEGRETARIO GENERALE: NON VENIAMO DAL MONDO DELLA LUNA

Non è una fake news. È tutto vero: la smentita da parte dei firmatari dell’accordo sull’olio Italico (Coldiretti, Federolio e Unaprol) non smentisce nulla. Parola del segretario generale Coldiretti Vincenzo Gesmundo che afferma ai suoi il giorno dell’accordo con Unaprol e Federolio: “non viviamo sulla luna, il massimo del made […]

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi