MIPAAF REVOCA BANDO PESCA DOPO APERTURA BUSTE. ERA GIA SUCCESSO, POI TUTTO FU ASSEGNATO SENZA BANDO DI GARA A ERNST & YOUNG

pesca

Il Mipaaf revoca il bando sulla promozione della campagna Pesca. Ma lo fa solo dopo l’apertura delle buste. Era già successo, poi andò tutto senza bando di gara, alla Ernst & Young

Il Mipaaf revoca il bando sulla promozione della campagna Pesca. Ma lo fa solo dopo l’apertura delle buste. Il bando di gara relativo alla procedura ristretta, avviata ai sensi dell’art. 61 del D.Lgs, n. 50/2016, avente ad oggetto l’affidamento del servizio relativo all'ideazione e realizzazione delle azioni di informazione e pubblicità del Programma Operativo FEAMP 2014-2020 ai sensi del combinato disposto degli articoli 78 e 119 del Reg. (UE) n. 508/2014 (CIG 6758445D3C - CUP J89D16001180007) è uscito nell'estate del 2016 attraverso una manifestazione di interesse. I soggetti interessati hanno poi ricevuto una comunicazione che riportava il nome di tutti i competitor.

Pare che sia stata questa informazione ad aver compromesso le norme sulla trasparenza delle procedure. Ora il ministero delle Politiche agricole ha deciso di revocare il bando ma la revoca è avvenuta solo in seguito all’apertura delle buste.

Era già successo con i tre milioni del bando sui flag, i fischery local action group, vale a dire gli equivalenti nella pesca dei Gal dell’agricoltura. La manifestazione di interesse fu fatta a luglio 2016, la gara fu poi revocata in autunno a seguito della comunicazione inviata a tutti i soggetti interessati e alla fine assegnata senza bando di gara ( con procedura quinto d'obbligo) alla Ernst & Young. Che già ha in essere un contratto milionario con il Mipaaf.

Qui di seguito Agricolae pubblica il decreto:

Decreto REVOCA_n._19049_del_22_09_2017

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Reload Image

Enter Captcha Here : *

MORE ARTICLES

L.BILANCIO, GOVERNO ESTENDE RIDUZIONE ACCISE PER BIRRE ARTIGIANALI A MULTINAZIONALI STRANIERE MA NON DA OK A DIETA MEDITERRANEA. CHE COSTAVA DI MENO
21/12/2017

L.BILANCIO, GOVERNO ESTENDE RIDUZIONE ACCISE PER BIRRE ARTIGIANALI A MULTINAZIONALI STRANIERE MA NON DA OK A DIETA MEDITERRANEA. CHE COSTAVA DI MENOBARETTA: ERA RISCHIOSO A LIVELLO UE. GAGNARLI: LA DIRETTIVA 92/83 DICE CHIARAMENTE CHE SI PUO FARE

Dopo la questione Ocm vino, altro duro colpo per l’industria del vino, che si trova a far fronte con una burocrazia nemica. E gli interessi del made in Italy sembrano essere posti dopo quelli delle multinazionali straniere. In fase di discussione della legge di Bilancio, il governo ha riformulato infatti […]