MIPAAF-T, SERPILLO, UCI: TRANSUMANZA CANDIDATA UNESCO ESEMPIO PERFETTO DI TURISMO SLOW INTEGRATO CON MADE IN ITALY. INCLUSO ANCHE VENETO DI ZAIA

image_pdfimage_print

Bene per il presidente dell'Unione Coltivatori Italiani, Mario Serpillo, che il Turismo (oggi appartenente al Mibact) sia trasferito al Ministero delle Politiche Agricole. E' solo una questione di tempo: la formalizzazione andrà in Cdm il 7 giugno o la prossima settimana. Proprio dall'Uci è partita la proposta di inserire la transumanza nel patrimonio Unesco al fine di "creare una sinergia tra le produzioni made in Italy, l'ambiente e il turismo slow integrato", spiega ancora. "Si tratta di una nuova modalità di interpretare il turismo che si traduce in conoscenza, tradizione e volano per l'economia del Sistema Italia tutto, dai piccoli comuni alle grandi città", prosegue ancora. L'Italia ha infatti chiesto - lo scorso 27 marzo a Parigi - di inserirla nel Patrimonio Unesco con il sostegno di Austria, Francia, Grecia, Svezia, Spagna e Albania. Sei le regioni coinvolte oltre l'Unione Coltivatori Italiani, Molise, Abruzzo, Puglia, Lazio, Basilicata e Campania.

Tutto nasce da un accordo siglato lo scorso 15 gennaio al Ministero delle Politiche Agricole tra i funzionari dello stesso Mipaaf e le sei regioni coinvolte, Assonautica, Asvir e l'Uci di Mario Serpillo.

Documento di cui AGRICOLAE allega copia in PDF assieme a tutta la documentazione del caso.

foglio firme 15 gen 2018, mipaaf roma

Dopo la 'vittoria' dell'Uci e delle prime sei regioni, sono molti gli attori che hanno deciso di sostenere la causa: a partire dalla regione Veneto di Luca Zaia che ha chiesto formalmente di essere inserito nella lista con i dieci comuni vicentini del 'cammino' della transumanza di Bressanvido.

"Ogni anno la transumanza di Bressanvido mette in movimento circa 600 capi di bestiame che percorrono due volte il percorso, andata e ritorno, dalla pianura all’altopiano di Asiago, attraversando a primavera e in autunno, i comuni di Bressanvido, Pozzoleone, Schiavon, Marostica, Lusiana, Conco, Asiago, Gallio, Foza ed Enego, alla ricerca di pascoli verdi e di migliori condizioni climatiche", aveva fatto sapere in una nota al regione Veneto, all'indomani della notizia

Qui di seguito Agricolae pubblica la documentazione relativa alla candidatura UNESCO

Transhumance ICH-01-2015

Scheda Terre Rurali sintesi

52 uci

 

Gerardo Spera

 

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi