MOLLUSCHI, LEGAPESCA: BENE UE SU BIOTOSSINE

polpisso,pIl comparto della molluschicoltura italiana (113 mila tonnellate di cozze e vongole prodotte nel 2011, pari al 70% delle produzioni nazionali di acquacoltura, per un valore di circa 1 miliardo di euro sui mercati) guarda con grande attenzione all'esito della riunione del gruppo europeo sulle yessotossine che si svolgerà il 21 gennaio a Bruxelles presso la DG SANCO. L'auspicio, formulato da AMA, Associazione Mediterranea Acquacoltori, braccio operativo di Lega Pesca nel settore dell'acquacoltura, è che il ministero della Salute italiano sostenga con forza la richiesta di una revisione dei massimali di questo particolare tipo di biotossina marina. Richiesta avanzata da tempo dall'Associazione, e oggi pienamente validata da un parere ufficiale della stessa Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA).

I nuovi massimali proposti dall' EFSA (di 3,75 mg/kg, rispetto al limite attuale di 1 mg/kg), costituiscono un traguardo tardivo ma di certo ancora urgente e fondamentale per il futuro di centinaia di imprese, che da anni, soprattutto in Adriatico, subiscono ripercussioni socio-economiche pesantissime a causa della chiusura prolungata dei vivai in ragione del superamento della soglia attualmente ammessa. Siamo da sempre sensibili non solo alle esigenze dei produttori ma anche a quelle dei consumatori e la nostra richiesta di revisione dei limiti di yessotossine nei molluschi poggia su solide basi scientifiche, precisa Eraldo Rambaldi, direttore Ama. Si potrebbe parlare di un caso di eccesso di precauzione perché è una biotossina innocua per la salute umana: l'EFSA attesta che non si è mai registrato nell'uomo un caso di intossicazione dovuto alle yessotossine, mentre la Commissione del Codex Alimentarius (FAO/OMS) non inserisce queste tossine tra quelle a rischio per la salute umana. Ciò induce a ritenere del tutto verosimile l'ipotesi di eliminare in maniera definitiva questo tipo di biotossina dall'elenco delle tossine oggetto di controllo da parte delle autorità sanitarie: un obiettivo di lungo termine su cui Lega Pesca e AMA sono pronte a rilanciare l'iniziativa, una volta messo a segno il risultato più urgente di una revisione dei limiti attuali.

com/neo

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Reload Image

Enter Captcha Here : *

MORE ARTICLES