MOSE: CENTINAIO, GIU’ LE MANI DALLE TASCHE DEI TURISTI. NO A PAESE TURISTAREPELLENTE

“Sul Mose non si devono mettere le mani nelle tasche dei turisti. Non esiste da nessuna parte che un’infrastruttura nazionale debba essere finanziata perpetrando un vero e proprio furto a danno di tutti coloro che vengono a visitare Venezia”. E’ quanto dichiara Gian Marco Centinaio, Ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo. “Vado ripetendo da mesi di essere contrario alla tassa di soggiorno, che sia di scopo e non per coprire i buchi dei comuni, e dall'oggi al domani viene architettata una vera e propria follia: una tassa per sovvenzionare una struttura pubblica!. Mi batterò in tutti modi affinché venga ritirato immediatamente questo provvedimento dello ‘sblocca cantieri’. Sembra che qualcuno le stia pensando tutte per cacciare i turisti dal Veneto e da Venezia: prima la tassa di sbarco, poi i tornelli, ora questo. L’ho già’ detto e lo ripeto: vogliamo diventare un Paese turistarepellente?”, conclude il Ministro.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi