ODG, LORENZONI M5S CAMERA, SU MODIFICA NORMA PAGAMENTO IMU AGRICOLA ED ESENZIONE PER COLTIVATORI DIRETTI

Atto Camera

Ordine del Giorno 9/02220-AR/175

presentato da

LORENZONI Gabriele

testo di

Giovedì 5 dicembre 2019, seduta n. 272

La Camera,

premesso che:

vi è stato un ingiustificato aggravio attribuito senza criterio ad alcune aree agricole del nostro paese a seguito della riorganizzazione dell'imposta IMU agricola, o meglio della sua esenzione per terreni montani e parzialmente montani, mediante la sostituzione dell'elenco di comuni esenti di cui alla Circolare del 14/06/1993 n. 9 Ministero delle finanze con l'elenco predisposto dall'Istat ai sensi del decreto-legge 24 gennaio 2015, n. 4;

il relativo elenco dei comuni montani e parzialmente montani è stato redatto compiendo una classificazione non aderente alla realtà, contrastante con le statuizioni ufficiali regionali e persino violativa dello stesso criterio metodologico che lo stesso Istat si era dato tanto che ha dato vita ad un vasto contenzioso: basti pensare che la classificazione è stata realizzata senza porre a base della fiscalità agricola una attenta analisi della redditività delle colture ma secondo apodittici criteri altimetrici e così, gravando improvvisamente del tributo aree fino ad allora normativamente esenti;

tale illogicità è stata colta anche dal Legislatore che, infatti, con legge 28 dicembre 2015 n. 208, a decorrere dal 2016 ha reintrodotto i criteri di esenzione di cui alla circolare 9/1993 Ministero delle finanze, oltre ad esentare i terreni agricoli posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali di cui all'articolo 1 del decreto legislativo 29 marzo 2004 n. 99, iscritti nella previdenza agricola, indipendentemente dalla loro ubicazione;

quest'ultimo intervento legislativo lascia però scoperti gli anni 2014 e 2015 per i quali ancora residua la precedente imposizione arbitraria e illogica che finisce per colpire un settore notoriamente afflitto da una perdurante e specifica crisi economica: il settore agricolo, infatti, deve sopportare l'imposizione di dazi all'esportazione ed una spietata concorrenza da parte di agguerrite realtà economiche straniere, con la sottrazione continua ai nostri agricoltori di spazi di mercato, come è immediatamente percepibile a chiunque intenda verificare la disponibilità di prodotti agricoli usualmente in commercio in Italia e la costante presenza di prodotti stranieri spessissimo proposti a prezzi assolutamente concorrenziali e a volte senza alcun criterio di qualità;

senza un nuovo intervento legislativo, esclusivamente per l'IMU 2014 e 2015, gli agricoltori di alcuni comuni, in precedenza esenti, si trovano tassati ingiustificatamente per l'illegittimo spostamento del prelievo secondo criteri che il Legislatore ha già ripudiato, riconoscendo l'esenzione dell'Imu agricola a partire dal 2016,

impegna il Governo

a valutare l'opportunità di modificare le norme sul pagamento dell'IMU Agricola, prevedendone la totale esenzione per gli imprenditori agricoli e coltivatori diretti, che già risultavano esenti per gli anni precedenti sulla base dell'elenco riportato dalla Circolare del 14 giugno 1993 n. 9 del Ministero delle finanze.

9/2220-AR/175. Gabriele Lorenzoni, Gallinella.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.<br/>This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.<br/> Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi