OSSERVATORIO REGIONALE SULLA CANAPA IN CAMPANIA. SINERGIA TRA UCI E FONDAZIONE “AD ASTRA”

Crescita esponenziale per il mercato nazionale della canapa. Coltivare “la pianta del futuro” non richiede investimenti elevati e l’impegno richiesto è ben integrabile con altre attività agricole. Anche in Campania i produttori agricoli mostrano grande interesse. Occorre lavorare al più presto a una filiera innovativa ed eco-sostenibile che sia in grado di portare lavoro e reddito ai produttori, rendendoli in tal modo fornitori essenziali di un settore che sta conoscendo un grandissimo sviluppo.

È questo il “trait d’union” tra l’UCI (Unione Coltivatori Italiani) e la Fondazione "Ad Astra", che hanno dato vita all’Osservatorio regionale sulla Canapa, per la Campania.

“Supporto a 360 gradi agli agricoltori”, queste le parole di Vincenzo Criscuoli, Presidente dell’Osservatorio e componente dell’UCI provinciale di Napoli. “Obiettivo primario dell’Osservatorio è sostenere lo sviluppo di una filiera regionale, supportando gli agricoltori in tutte le fasi della produzione: dalla scelta e l'acquisto delle sementi certificate alla costruzione di serre "idonee” alla produzione", continua Criscuoli.

Il Vice Presidente Nazionale dell’UCI, Francesco Leone, rassicura gli agricoltori: “l’UCI ci sarà anche dopo il raccolto per sostenere i produttori nei processi legati alla vendita. In questo il nostro ruolo sarà centrale”.

Altrettanto ribadisce Giovanni Petillo, Presidente provinciale UCI: “Voglio esprimere piena soddisfazione per la nascita dell’Osservatorio regionale. Garantiremo il massimo sostegno all'iniziativa”. All'interno dell’azienda agricola “La Gerbera” di Boscoreale (Na), grazie all'assistenza tecnica e all'attività divulgativa dell’Osservatorio è nata la prima serra. “Futura 75” è la varietà coltivata e sarà finalizzata alla produzione di olio e farina.

“L’Osservatorio "UCI-Ad Astra" è sempre schierato a sostegno dei produttori e per la tutela del consumatore” conferma il Presidente Nazionale dell’UCI Mario Serpillo, “uniti sulla possibilità di sviluppare un’importante filiera italiana, per mettere al corrente tutti gli operatori del settore su qualsiasi innovazione e sulla ricerca dei mercati più remunerativi”. Conclude Serpillo “Garantiremo al consumatore la possibilità di tutelare appieno le proprie aspettative di sicurezza e qualità”.

START-UP

Per iniziare a coltivare Canapa bisogna essere agricoltori con un fascicolo aperto nel portale SIAN (Sistema Informativo Agricolo Nazionale) presso un CAA (Centro Assistenza Agricola).

THC, TETRAIDROCANNABINOLO ALLO 0.2%

Seminare sementi certificate con massimo 0,2% di THC. In caso di controllo il limite massimo di tolleranza è 0,6% sulla media dei campioni prelevati. Limite entro il quale nessuna responsabilità è posta a carico dell’Agricoltore, che ha rispettato le prescrizioni di legge.

Il coltivatore ha l’obbligo di conservare i cartellini della semente acquistata per un periodo non inferiore a dodici mesi. Come confermato dalla Legge 242 del 2 dicembre 2016, non occorre alcuna autorizzazione. Vanno comunque effettuate delle dichiarazioni di semina entro due settimane.

“Il rilancio della Canapa in Campania deriva dalla volontà e dalla lungimiranza dell’UCI e della Fondazione "Ad Astra", presieduta dal dott. Sandro Cardano, partner d’eccellenza della fondazione e della gestione dell'Osservatorio Regionale”, sostiene ancora il Presidente dell’Osservatorio Criscuoli, che conclude: “L’apporto della Fondazione e del dott. Cardano in prima persona rivestono grande importanza per noi e per il rilancio della filiera in Campania”.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi