Inchieste01/06/2021 18:50

Pac e Farm to Fork, USA: effetto domino apocalittico. Il Mondo cambierà e perderà sicurezza alimentare e benessere. Ue piu povera ma prezzi aumenteranno. Il documento

yes
image_pdfimage_print

Il ministero dell'Agricoltura degli Stati Uniti fa un'analisi - già a novembre 2020 - dell'impatto della strategia europea Farm to Fork sull'Europa e a cascata sul mondo intero. E dallo studio di Jason Beckam, Maros Ivanic, Jeremy L.Jelliffe, Felix G. Baquedano e Sara G. Scott, emerge una visione futura apocalittica in cui, nel nome della sostenibilità, l'Europa si porta nel baratro tutto il mondo. Verso l'insostenibilità sociale ed economica. Il che si traduce in possibili tensioni sociali.

La produzione agricola e alimentare cala, l'export cala, il commercio cala. L'Unione europea perde Pil e a cascata si riversa su tutta la popolazione mondiale. Aumenta l'insicurezza alimentare globale (a cascata come un domino), aumentano i prezzi, i consumatori diventano più poveri e il benessere diminuisce.

In pratica si torna indietro di 80 anni.

La Commissione europea (CE) ha presentato le sue strategie Farm to Fork e Biodiversità che imporrebbero restrizioni all'agricoltura dell'Unione europea (UE) attraverso riduzioni mirate nell'uso di terra, fertilizzanti, antimicrobici e pesticidi. Le strategie Farm to Fork e Biodiversità, a cui ci riferiamo come "le strategie", rappresentano - si legge nel documento - un cambiamento fondamentale nella politica alimentare e agricola dell'UE, con implicazioni altrettanto fondamentali per la struttura e la produttività dell'industria alimentare e agricola europea. Poiché l'UE è uno dei principali produttori agricoli e partecipa al commercio agricolo internazionale, è probabile che questo cambiamento politico influenzi i mercati internazionali dei prodotti agricoli di base e, di conseguenza, il più ampio sistema alimentare e agricolo.

La nostra analisi, che esamina tre scenari di adozione - solo UE, intermedio (adozione da parte di alcuni paesi e incluse esplicite restrizioni commerciali dell'UE contro i non adottanti) e globale - suggerisce che il piano decennale della Commissione europea di riduzioni mirate nell'uso di terra, antimicrobici, fertilizzanti e pesticidi porterebbe a una riduzione della produzione agricola dell'UE e ridurrebbe la sua competitività nei mercati interni e di esportazione. Se il piano fosse adottato al di fuori dell'UE, questi impatti si espanderebbero anche con conseguenze per il benessere mondiale e l'insicurezza alimentare.

In sintesi, abbiamo scoperto - proseguono i ricercatori - che entro il 2030:

Il declino della produzione agricola nell'UE, come mostrato nella tabella riassuntiva, varierebbe dal 7% (adozione globale) al 12% (solo UE). Gli impatti sulla produzione sarebbero minori in tutto il mondo, tranne nel caso dell'adozione globale, quando la produzione diminuirebbe dell'11 per cento.

Il declino della produzione agricola restringerebbe l'offerta alimentare dell'UE, con conseguente aumento dei prezzi che hanno un impatto sui bilanci dei consumatori. I prezzi e i costi alimentari pro capite aumenterebbero maggiormente per l'UE, in ognuno dei tre scenari. Tuttavia, gli aumenti dei prezzi e dei costi alimentari sarebbero significativi per la maggior parte delle regioni se le strategie sono adottate a livello globale. Per gli Stati Uniti, i prezzi e i costi costi alimentari rimarrebbero relativamente invariati, tranne nel caso di un'adozione globale.

I cali di produzione nell'UE e altrove porterebbero a una riduzione del commercio, anche se alcune regioni ne beneficerebbero a seconda dei cambiamenti nella domanda di importazioni. Tuttavia, se il commercio è limitato come risultato dell'imposizione delle misure proposte, gli impatti negativi sono concentrati nelle regioni con le popolazioni più popolazioni più insicure dal punto di vista alimentare.

Il declino della produzione e del commercio, insieme ai previsti aumenti dei prezzi delle materie prime alimentari, ridurrebbe significativamente il prodotto interno lordo (PIL) dell'UE.
Il declino della produzione e del commercio, insieme ai previsti aumenti dei prezzi delle materie prime alimentari, ridurrebbe significativamente il prodotto interno lordo (PIL) dell'UE, specialmente se l'adozione fosse limitata all'UE.

In questo caso, il calo del PIL dell'UE rappresenterebbe il 76% del calo del PIL mondiale. Se le strategie fossero adottate oltre l'UE, tuttavia, la quota dell'UE nel declino del PIL mondiale scenderebbe al 49% nello scenario intermedio e fino al 12% se adottate a livello globale. Gli effetti sul PIL degli Stati Uniti sarebbero inferiori a quelli dell'UE e del mondo intero in tutti gli scenari di adozione.

- L'insicurezza alimentare, misurata come il numero di persone che non hanno accesso a una dieta di almeno 2.100 calorie al giorno, aumenta significativamente nei 76 paesi a basso e medio reddito coperti dalla nostra analisi a causa dell'aumento dei prezzi delle delle materie prime alimentari e del calo del reddito, in particolare in Africa. Entro il 2030, il numero di persone con insicurezza alimentare nel caso di adozione della sola UE, aumenterebbe di altri 22 milioni rispetto a quanto previsto senza le strategie proposte dalla Commissione Europea.
Il numero salirebbe a 103 milioni nello scenario intermedio e a 185 milioni con adozione globale.

Per esaminare le prospettive di mercato e gli impatti sulla sicurezza alimentare della proposta della CE, ci siamo concentrati su diverse riduzioni di input agro-culturali selezionate specificate nelle strategie: riduzione dell'uso di pesticidi del 50 per cento, riduzione dell'uso di fertilizzanti del 20 per cento, riduzione dell'uso di antimicrobici per il bestiame del 50 per cento, e rimozione del 10 per cento dei terreni agricoli esistenti dall'uso agricolo. Per fotografare gli impatti potenziali non solo dell'adozione delle strategie da parte dell'UE, ma anche della "transizione globale verso l'agroalimentare sostenibile" verso sistemi agroalimentari sostenibili attraverso le sue politiche commerciali e gli strumenti di cooperazione internazionale", abbiamo utilizzato i tre diversi scenari di adozione indicati sopra.
Il primo scenario presuppone che solo l'UE attui le strategie e che il commercio sia permesso normalmente - lo scenario "solo UE".

Il secondo scenario, uno "scenario intermedio", estende le restrizioni sugli input agricoli a quei partner commerciali dell'UE che dipendono dalle esportazioni alimentari e agricole verso l'UE. Questo scenario include simultaneamente il fatto che l'UE limiti 50 per cento delle importazioni dalle regioni che non adottano le strategie per simulare l'uso di politiche commerciali per sostenere le strategie.

Nel terzo scenario, lo "scenario globale", lo studio considera gli impatti del caso estremo di un'adozione globale delle strategie, come previsto dal regolamento delle strategie, come suggerito dall'impegno della CE a sostenere una transizione globale.

Nella prima fase del nostro studio, abbiamo usato un modello specifico di Equilibrio Generale Computabile (CGE), il
Global Trade Analysis Project-AgroEcological Zones (GTAP-AEZ), per esaminare i potenziali impatti sul mercato e sull'economia dall'adozione delle strategie. GTAP-AEZ divide il mondo in 18 zone agroecologiche e contabilizza esplicitamente per l'uso della terra permettendo ai terreni coltivati di competere con altre applicazioni della terra. Abbiamo assunto un orizzonte di medio periodo; quindi, i risultati potrebbero essere interpretati come impatti che potrebbero verificarsi nell'arco di 8-10 anni. Per esaminare i potenziali impatti sulla sicurezza alimentare
dall'adozione delle strategie, nella seconda fase del nostro studio, abbiamo usato i cambiamenti stimati nel prodotto interno lordo prodotto interno lordo (PIL) e i prezzi degli alimenti dal modello CGE come input nel modello USDA, Economic Research Service's International Food Security Assessment (IFSA) dell'USDA, che stima i cambiamenti nel consumo di cibo nei paesi in via di sviluppo.

Il nostro studio si è limitato a un'analisi delle riduzioni dei fattori di produzione agricoli nell'ambito delle strategie e non considera altri importanti aspetti della proposta della Commissione Ue, per esempio, l'aumento della terra nella produzione biologica o le riduzioni dei rifiuti alimentari e delle emissioni di gas a effetto serra. Inoltre, mentre i nostri risultati indicano i potenziali impatti sul mercato e sulla sicurezza alimentare delle Strategie derivanti dalle riduzioni di input proposte, non forniscono alcuna informazione sui potenziali benefici e costi per l'ambiente e la salute umana. La valutazione dell'ambiente e della salute umana (benefici e costi) secondo le Strategie è soggetta al dibattito in corso. Tuttavia, la stima degli impatti di mercato delle strategie può servire come un importante strumento importante per valutare gli obiettivi politici.

I guadagni di produttività agricola durante il 20° secolo possono essere accreditati per soddisfare molti dei
bisogni di cibo e fibre della popolazione globale, e questi benefici sono maturati anche mentre la popolazione globale
è cresciuta. Questi guadagni possono essere in gran parte attribuiti agli investimenti pubblici e privati nella ricerca
e sviluppo (R&S), stimolando l'innovazione sul campo da parte degli agricoltori di tutto il mondo (Fuglie, 2018; USDA, International Agricultural Productivity Data Set). Allo stesso tempo, i moderni sistemi di produzione agricola intensiva
moderni sistemi di produzione agricola intensiva, come la lavorazione del terreno convenzionale e gli input chimici, sono associati a ricadute ambientali. Le ricadute ambientali non mitigate possono aumentare il costo dell'agricoltura
per la società. Pertanto, sono stati fatti sforzi significativi per promuovere l'intensificazione sostenibile nei moderni sistemi agricoli, con l'obiettivo di ridurre al minimo l'impronta ambientale mantenendo la produttività dell'azienda.
tazione agricola (Garnett et al., 2013).

Le strategie messe in campo dall'Unione europea adottano un ampio approccio alla promozione della sostenibilità in agricoltura in quattro aree di miglioramento. Queste includono:

(1) produzione alimentare sostenibile, (2) consumo alimentare sostenibile, (3) trasformazione e distribuzione
(3) trasformazione e distribuzione alimentare sostenibile e (4) prevenzione delle perdite e dei rifiuti alimentari. Le strategie si concentrano sulla gestione dell'ambiente da parte del settore agricolo dell'UE, così come sulla sicurezza alimentare e la salute umana fissando obiettivi politici per il 2030. In definitiva, la proposta delle strategie rappresenta
un cambiamento fondamentale nell'industria alimentare e agricola dell'UE e, pertanto, è stata oggetto di un ampio dibattito (Schebesta e Candel, 2020).
In linea di principio, i costi per la società derivanti dalle strategie devono essere compensati dai guadagni prospettici (ad es, ambientali e di salute umana) derivanti dall'attuazione di tale politica (Bullock e Salhofer, 2003).
Questo documento si concentra sul primo e considera gli impatti delle riduzioni specifiche elencate nelle Strategie (cioè terra, antimicrobici, pesticidi e fertilizzanti) sulla produzione agricola, i prezzi del cibo e il benessere della società sui prezzi del cibo e sul benessere della società. Nel secondo caso, la valutazione (benefici e costi) dell'ambiente e della salute umana nell'ambito delle strategie è soggetta a un notevole dibattito.

Qui di seguito AGRICOLAE pubblica il documento del Dipartimento dell'Agricoltura Usa:

DOCUMENTO USDA SU FARM TO FORK SUMMARY

DOCUMENTO USDA SU FARM TO FORK

 

 

image_pdfimage_print

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.<br/>This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.<br/> Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi