PAC, QUELLA ‘GREEN’ DI CIOLOS? A GUADAGNARCI DI PIU’ IN UE E’ STATA LA REGINA ELISABETTA. A RIMETTERCI CHI FA QUALITA E INNOVAZIONE

Una Pac troppo verde? A rimetterci è chi fa agricoltura "vera", quella con valore aggiunto e contraddistinta dalla qualità e innovazione. A guadagnarci è chi ha dei "bei giardini grandi". A dimostrarlo sono i dati: l’Inghilterra ha una superfice di 248.464 kmq e riceve circa 3,2 miliardi di euro di aiuti diretti dai fondi europei e 39,5 milioni di misure di mercato e 475 dallo Sviluppo rurale. I settori più importanti per quanto riguarda le misure di mercato, sono l’ortofrutta (che riceve circa 32,5 milioni), latte e prodotti lattiero-caseari (circa 5 milioni) e la promozione (1,8mln).

La struttura delle aziende agricole è di 17,3 milioni di ettari di superficie agricola utilizzata e ogni agricola ha una dimensione media di 93 ettari contro la media italiana di 12.

Il 75 per cento dei pagamenti della Pac vanno al 17 per cento dei beneficiari che incassano oltre 20 mila euro a testa. Esattamente l’opposto di quanto avviene in Italia dove invece le risorse vengono frastagliate tra le piccole aziende. In Inghilterra in totale lavorano 435mila persone nel settore agricolo di cui 324 mila a conduzione familiare di cui il 31 per cento sono donne.

Obiettivo della Pac è quello di veicolare le risorse dai paesi ricchi ai paesi poveri sotto l’egida del commercio unico e della solidarietà tra i paesi membri. Ma l’Europa è divisa in due: da una parte i paesi del Mediterraneo e quelli con un alto valore aggiunto che puntano sul “poco ma buono”; dall’altra i paesi che puntano invece sulla quantità più che sulla qualità.

Un sistema – quello proposto dalla commissione allora presieduta da Dacian Ciolos – che premia la quantità della superficie ma non la resa. Gli aiuti maggiorati ripartiti sugli ettari aiutano chi possiede tanta terra e fa pascolo ma non chi la coltiva e fa innovazione.

In pratica la prima a beneficiare della Pac è la regina di Inghilterra che ha intestati a suo nome terreni per migliaia di ettari.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

DECRETO EMERGENZE, ASSALTO AL SISTEMA DELLE DENOMINAZIONI DEL MADE IN ITALY. EMENDAMENTO DISCRIMINA COOPERATIVE
10/04/2019

DECRETO EMERGENZE, ASSALTO AL SISTEMA DELLE DENOMINAZIONI DEL MADE IN ITALY. EMENDAMENTO DISCRIMINA COOPERATIVEMENTRE IL MIPAAFT LAVORA AL TESTO DEL DECRETO DEPUTATO AL RIORDINO CON TUTTI GLI ATTORI DELLA FILIERA, LA CAMERA PRESENTA EMENDAMENTO

Decreto emergenze? Latte sardo, olio pugliese colpito da gelate e xylella e agrumi siciliani? Si, ma tra gli emendamenti presentati in commissione Agricoltura della Camera c’è anche chi ci butta dentro i consorzi di tutela. Con l’obiettivo di modificare i criteri di rappresentanza nei Consigli di amministrazione a favore della […]

OCM VINO, DOPO OK (CONDIZIONATO) DELLE REGIONI ECCO COSA CAMBIA PER CHI PORTA IL VINO ALL’ESTERO. IL DECRETO MARTINA E IL DECRETO CENTINAIO A CONFRONTO
04/04/2019

OCM VINO, DOPO OK (CONDIZIONATO) DELLE REGIONI ECCO COSA CAMBIA PER CHI PORTA IL VINO ALL’ESTERO. IL DECRETO MARTINA E IL DECRETO CENTINAIO A CONFRONTOIL 7 APRILE MINISTRO E OPERATORI AL VINITALY DI VERONA

Dopo il via libera della Conferenza Stato – Regioni il Mipaaft ha predisposto il testo del decreto che recepisce le osservazioni/condizioni (vincolanti) imposte dalle Regioni ( che AGRICOLAE pubblica qui di seguito PUNTI_ODG_ALLEGATI_SR_2637_04-NUOVO-TESTO_20-03-2019 ) che manda in pensione il decreto Martina. L’emanazione resta subordinata al visto di legittimità che dovrà […]

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi