PIL, CIA: AGRICOLTURA CHIUDE ANNO IN AFFANNOPESANO COSTI, IMU E CREDIT CRUNCH

soldi“L’agricoltura chiude l’anno con segni gravi di affanno. Dopo aver trainato la crescita per tutta la prima metà del 2012, anche il settore primario cede ai colpi della crisi e paga con una diminuzione del valore aggiunto i costi produttivi record sui campi e i pesanti oneri fiscali e burocratici”. Lo afferma il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori, Giuseppe Politi, commentando le stime preliminari del Pil nel quarto trimestre 2012 diffuse oggi dall’Istat.

“Le aziende agricole fanno sempre più fatica a stare sul mercato -sottolinea Politi- schiacciate prima di tutto dal peso dei costi di produzione: in media d’anno la voce energia è aumentata del 7,9 per cento, i mangimi del 5 per cento e i concimi del 4,1 per cento. Tutte spese in più non compensate dai prezzi praticati sui campi, che invece nel 2012 sono cresciuti solo del 2,1 per cento”.

“E poi l’Imu ha messo il carico da novanta -continua il presidente della Cia- con un aumento stimato di 130 milioni di euro solo per il gettito dei terreni agricoli, mentre il “credit crunch” ha ormai raggiunto livelli insostenibili, con tre imprese su cinque che denunciano difficoltà enormi nell’accesso a finanziamenti e prestiti”.

“Tutto questo, insieme alla burocrazia farraginosa e a fattori congiunturali come la lunga siccità estiva e poi il maltempo improvviso, hanno portato quasi 17mila aziende agricole e chiudere i battenti nel 2012 e continuano a frenare ogni slancio imprenditoriale in quelle che resistono. Ecco perché ora non si può più aspettare -conclude Politi-. Nella prossima legislatura il nuovo Governo dovrà affrontare in maniera seria i problemi del comparto agroalimentare, con interventi mirati e concreti. Non è pensabile disperdere una risorsa economica fondamentale per la ripresa del Paese che vale il 15 per cento del Pil”.

com/gan

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

LATTE, ECCO L’ACCORDO: CUN, TAVOLO DI FILIERA, REGISTRO TELEMATICO, ICE, MORATORIA MUTUI, NOMINA PREFETTO E MOLTO ALTRO. PREZZO A 0,72, MA E’ SOLO ALL’INIZIO

LATTE, ECCO L’ACCORDO: CUN, TAVOLO DI FILIERA, REGISTRO TELEMATICO, ICE, MORATORIA MUTUI, NOMINA PREFETTO E MOLTO ALTRO. PREZZO A 0,72, MA E’ SOLO ALL’INIZIOTRASFORMATORI SI IMPEGNANO A NON VENDERE SOTTO I SEI EURO. VALORE MEDIO SOGGETTO A VERIFICHE SULLA BASE DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO

L’accordo c’è, e si comincia subito a lavorare al tavolo di filiera previsto il 21 a Roma al Mipaaft. nel corso del quale potrebbe chiudersi la partita. L’incontro blindato presso la prefettura di Cagliari tra il ministro delle Politiche agricole Gian Marco Centinaio e gli operatori per risolvere la crisi […]

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi