PLASTIC TAX E SUGAR TAX, CONFAGRICOLTURA BOLOGNA: DANNI INCALCOLABILI AD AGRICOLTURA BOLOGNESE

Eco-illogiche, dannose e contradditorie». Le definisce così il presidente di Confagricoltura Bologna, Guglielmo Garagnani, le imposte sulla plastica e sulle bibite zuccherate contenute nella Legge di Bilancio 2020. 

 

«Chiediamo al Governo - prosegue il presidente degli imprenditori agricoli -  di rivedere tali misure. Sono incalcolabili i danni al tessuto produttivo e sociale bolognese, ai big dell’agroalimentare espressione della città come il gruppo lattiero-caseario Granarolo e lo zuccherificio Coprob - quest’ultimo è l’unico su scala nazionale a produrre ancora zucchero 100% italiano -, col rischio poi di vedere scomparire produzioni agricole storiche quali la barbabietola da zucchero che solo in provincia conta una superficie coltivata di 7.500 ettari. Peraltro, essere “contro” la plastic tax e la sugar tax non vuole dire scarsa attenzione all’ambiente e alla sicurezza alimentare. Tutt’altro. Invece si colpisce proprio chi ha imboccato da tempo la via della sostenibilità, a zero impatto ambientale, senza vincoli e balzelli imposti per legge».

Sotto attacco è l’agricoltura dell’intera regione, con le sue filiere di qualità: si stima un danno complessivo pari a 50 milioni di euro per l’agrifood dell’Emilia-Romagna oltre a inevitabili ricadute sull’occupazione. «Ma l’effetto delle due imposte potrebbe aprire scenari drammatici soprattutto per l’economia bolognese – avverte Garagnani. Per Granarolo, il malus di costi si aggira intorno 17,5 milioni di euro; per la Coprob - con due stabilimenti attivi a Minerbio (Bo) e Pontelongo (Pd), 7.000 aziende agricole conferenti e 30.000 ettari coltivati a bietole, di cui 20.000 in Emilia-Romagna e la restante parte in Veneto - il futuro potrebbe essere incerto, con il timore di dover dire addio all’unica fortezza dello zucchero italiano. Nel contesto di un mercato saccarifero in drastico calo, sarebbe più opportuno premiare le aziende italiane che utilizzano zucchero nostrano e favorire contratti di filiera basati su una maggiore equità e sostenibilità sociale».

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi