POMODORO ‘E.ROMAGNA – CONVEGNO 11 MARZO ALLA STAZIONE SPERIMENTALE DI VIALE TANARA A PARMA

Si parlerà di programmi e di progetti per la qualificazione degli addetti della filiera del pomodoro da industria dell’Emilia-Romagna, lunedì 11 marzo alle 10 nella sala Tricolore della Stazione sperimentale industria conserve alimentari di viale Tanara 31/a a Parma, in occasione del convegno “La formazione tecnica e professionale, leva di qualità del lavoro e della produzione” promosso dall’Organizzazione interprofessionale del pomodoro da industria del Nord Italia.

Il convegno (in allegato il programma dettagliato) si aprirà con l’intervento di Gabriele Canali, docente dell’Università Cattolica di Piacenza, che si soffermerà sul tema “La professionalità, strumento di innovazione competitiva, affidabilità e qualità della filiera”, seguito dall’intervento dell’assessore regionale alla Formazione, Scuola, Università e Ricerca Patrizio Bianchi che illustrerà le “Politiche regionali per l’investimento formativo, la conoscenza ed il trasferimento tecnologico”.

Quindi spazio alla tavola rotonda dal titolo “Verso un programma condiviso di opportunità di formazione professionale ed istruzione tecnica per la filiera del pomodoro da industria” con interventi di:

• Aldo Rodolfi (presidente dell’azienda Rodolfi Mansueto Spa; vicepresidente Anicav e capoconsulta conserve vegetali dell’Unione parmense degli industriali);

• Roberto Iovino (Flai-Cigl nazionale);

• Fabrizio Affatticati (segretario generale Fai-Cisl Parma);

• Michele Distefano (Enapra-Confagricoltura);

• Marco Crotti (presidente Consorzio agrario Terrepadane);

• Francesca Bergamini (dirigente regionale politiche dell’istruzione, della formazione, del lavoro e della conoscenza).

Le conclusioni saranno affidata a Tiberio Rabboni, presidente dell’OI Pomodoro da industria del Nord Italia.

“L’intento del convegno – anticipa Rabboni – è la promozione di un maggiore e più sistematico investimento formativo pubblico a favore dei tecnici e degli addetti della filiera produttiva del pomodoro da industria. Proporremo alla Regione Emilia Romagna un’intesa finalizzata ad un raccordo formale tra i programmi regionali di formazione tecnica e professionale e i fabbisogni specifici della filiera. Ci motiva la consapevolezza che la valorizzazione professionale del lavoro dipendente è oggi uno dei presupposti fondamentali per potere ulteriormente crescere in qualità, sostenibilità e competitività sui mercati interni ed internazionali. Vogliamo che la nostra filiera del pomodoro e, più in generale, quella del Nord Italia, abbiano nella legalità, nella tutela e nella valorizzazione professionale del lavoro e dei lavoratori un tratto distintivo inoppugnabile”.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi