“PREMIO ASSOENOLOGI PER LA RICERCA SCIENTIFICA IN VITICOLTURA”IL 28 FEBBRAIO SCADE IL TERMINE PER LA PRESENTAZIONE DEI LAVORI

vinorScade il 28 febbraio il termine ultimo per presentare i lavori al “Premio Assoenologi per la ricerca scientifica in viticoltura ed in enologia”. Il Premio 2013 sarà assegnato ad uno o più lavori editi o inediti elaborati negli ultimi tre anni su aspetti di viticoltura e di enologia. Il concorso è aperto a tutti i cittadini italiani. Il premio è di 9.000 euro e costituisce la più alta somma in denaro messa in palio a livello europeo per analoghe iniziative. Il bando del concorso può essere richiesto all’Assoenologi (tel. 02.99785721 r.a. - fax 02.99785724) o scaricato dal sito www.assoenologi.it alla pagina "Associazione > Premi". Il Premio è stato istituito nel 1976 dall’Associazione enologi enotecnici italiani (Assoenologi), l’organizzazione di categoria dei tecnici vitivinicoli, per stimola-re la sperimentazione finalizzata alla risoluzione dei problemi pratici in vigneto ed in cantina. Negli ultimi 18 anni è stato assegnato solo 3 volte. Nel 2001 fu attribuito ad Antonella Bosso, Massimo Guaita ed Enrico Vaudano, rispettivamente ricer-catrice e collaboratori dell’Istituto sperimentale per l’enologia di Asti, per il la-voro “Influenza dell’ossigeno sull’evoluzione dei componenti fenolici durante la conservazione dei vini rossi”. Una ricerca di grande utilità pratica, tesa al conseguimento di sempre maggiori livelli qualitativi del vino nel rispetto della sua naturalità e salubrità. Nel 2004 il Premio è stato vinto da Stefano Poni, professore dell’Università Cattolica di Piacenza, per i seguenti lavori: “Fisiologia ed effetti agronomici della cimatura dei germogli”, “Cimatura dei germogli su Pinot nero a cordone libero” e “Grado di correlazione tra luce totale intercettata e scambio netto di anidride carbonica in chiome di vite riconducibili a due sistemi tipici di cresci-ta”, finalizzati a una migliore gestione del vigneto per la produzione di uve di qualità. Nel 2010 la selezione fu superata dal professor Roberto Carmine Foschino dell'Università di Milano per il lavoro "Caratteristiche fisiologiche ed enologi-che di differenti ceppi di Dekkera/Brettanomyces bruxellensis in vini modello", selezionato tra 72 presentati. Le sue ricadute applicative hanno aperto con-crete prospettive per un efficace controllo delle deviazioni microbiologiche nel vino. La Commissione giudicatrice, composta da 13 membri, è costituita da affer-mati manager del settore, da docenti universitari e da dirigenti ministeriali. Essa è presieduta dal presidente dell’Assoenologi, Giancarlo Prevarin e ha come presidente onorario il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Mario Catania.

 

com/elf

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi