RIGENERAZIONE URBANA,FONTANA E FORONI:STOP A CONSUMO SUOLO, CON NOSTRA LEGGE PIU’ CONVENINETE RECUPERARE ESISTENTE

Solo il concreto lavoro di squadra

potra' dare impulso a una nuova stagione di pianificazione

territoriale e urbanistica fondata sul contrasto al consumo di

suolo e sul riuso dell'esistente". Lo ha detto il presidente

della Giunta regionale, Attilio Fontana, intervenendo con

l'assessore al Territorio e Protezione civile, Pietro Foroni, al

convegno di approfondimento, organizzato dal Collegio degli

Ingegneri e Architetti di Milano, sul tema della rigenerazione

urbana, e in particolare sulle misure di semplificazione e

incentivazione votate lo scorso 12 novembre dal Consiglio

regionale a integrazione e modifica della legge 12 del 2005 'Per

il governo del territorio'. Fontana, nel ringraziare il

presidente del Collegio, l'ingegner Gianni Verga, "per l'impegno

e la collaborazione offerta fin qui" ha evidenziato

"l'importanza di salvaguardare il nostro territorio".

UNA VERA RIVOLUZIONE - "La legge sulla rigenerazione urbana - ha

sottolineato l'assessore Foroni - dara' il via a una vera e

propria rivoluzione. Da ora in poi recuperare l'esistente sara'

finalmente piu' conveniente rispetto al costruire ex novo, grazie

a una serie di incentivi e di misure ad hoc che abbiamo voluto

inserire in questa normativa: la riduzione del 60% degli

oneri di urbanizzazione, il taglio alle pastoie burocratiche e i

bonus volumetrici fino al 20% a seconda della qualita' e della

natura degli interventi".

SVOLTA DECISIVA AL CONSUMO DI SUOLO - "Si tratta di una regola

molto terra terra - ha aggiunto Foroni - che sara' in grado da

subito di dare una svolta decisiva alla lotta contro il consumo

di suolo; lo fara' in maniera sostenibile, in modo da

salvaguardare anche le esigenze degli operatori del settore

edilizio. Rendere piu' conveniente il recupero dell'esistente

rientra infatti in un'ottica di sviluppo sostenibile e di

ambientalismo intelligente, che sa creare ricchezza e lavoro".

OBIETTIVI E AZIONI PREVISTE - La legge individua misure di

incentivazione come riduzione di oneri o bonus volumetrici, per

rendere piu' convenienti i progetti di rigenerazione urbana e di

recupero del patrimonio edilizio; introduce semplificazioni

procedurali per rendere piu' veloci i processi (procedura

speditiva per individuare gli ambiti di rigenerazione, per

recuperare immobili dismessi, per i cambi d'uso, normativa sugli

usi temporanei); riallineandosi alla normativa edilizia statale

con deroghe alle norme edilizie (distanze, altezze) punta a

facilitare gli interventi di rigenerazione urbana e recupero del

costruito e introduce premialita' nei finanziamenti regionali per

gli interventi. Sono infine stati previsti l'istituzione di un

fondo per finanziare interventi di rigenerazione, studi di

fattibilita' e strumenti finanziari innovativi per il

partenariato pubblico privato. "Una legge fortemente ecologica -

ha concluso l'assessore - perche' punta a ridurre gli oneri per

chi recupera e ad aumentarli a chi costruisce ex novo".

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi