SCHOOL IN MOTION FESTIVAL – LORENZO FIORAMONTI: FARE PER IMPARARE

Agricolae riporta l’intervento del Viceministro al Ministero dell’Istruzione, On. Lorenzo Fioramonti, al Primo Festival Internazionale dell’Animazione Educativa “School in Motion”, svoltosi al Museo Maxxi di Roma il 15 maggio scorso e che ha vinto il Bando “Cinema per la Scuola” promosso da MIUR e MIBAC.

"È un piacere per me essere qui, al Primo Festival Internazionale dell’Animazione Educativa “School in Motion” perché da Viceministro, da professore universitario e da padre di due bambini che amano molto la multimedialità ed imparare attraverso la visualizzazione, volevo portare la mia testimonianza.

Credo fortemente in questo progetto e il Ministero, insieme al MIBAC, alla Regione e al Comune di Roma, è stato felice di poter patrocinare questa iniziativa, perché abbiamo ormai intrapreso un percorso di formazione e di didattica in cui la visualizzazione di video, la possibilità di realizzare delle documentazioni di carattere cartoonistico, sono al centro del percorso formativo degli studenti e lo saranno sempre di più.

Quello che noi oggi possiamo apprendere, veicolare e comunicare attraverso la visualizzazione non è nemmeno paragonabile rispetto a quello che riuscivamo a fare appena qualche decennio fa, con le metodologie più tradizionali.

Andare su Internet e vedere un video, denso di messaggi e contenuti, ha una quantità macroscopica di visualizzazioni, rispetto ad un testo scritto. Ciò non significa che dobbiamo abbandonare il testo, oppure il libro, ma è sicuramente importante utilizzare delle metodologie complementari, per riuscire ad arrivare con i nostri contenuti ad una platea sempre più ampia di persone, rendendo accattivante un qualsiasi tipo di percorso formativo.

Io sono tra coloro che non credono che l’ampliamento delle tecnologie faccia perdere le tecnologie del passato.

Con l’invenzione della stampa a caratteri mobili, di Johannes Gutenberg, ci furono timori che si sarebbe persa la capacità di scrivere a mano. Così non è stato. Al contrario, si è ampliata la platea di coloro che potevano attingere alle informazioni, comprenderle, dialogare e creare poi una vera e propria rivoluzione scientifica che ha portato all’illuminismo, che ci ha fatto giungere, poi, alla modernità.

Ritengo che stiamo vivendo una fase analoga, dove la multimedialità e le interconnessioni ci permettono di ampliare la capacità di dialogo, la comunicazione e l’attenzione alle tipologie di insegnamento. È la rivoluzione di una didattica innovativa che permetterà alla scuola di raggiungere finalmente tutti, non solo coloro che possono permettersi di andare in un’istituzione e mettersi seduti al banco.

Sempre di più, anche la didattica avverrà attraverso sistemi online, digitalizzati, che saranno in grado di raggiungere in maniera efficiente platee di persone sempre più ampie.

È proprio questa modalità quella che oggi acclamiamo, con una serie di presentazioni create con l’ausilio della tecnologia avanzata ed il lavoro prodotto da giovani di tutto il mondo. È un modo per modernizzare la scuola, per modernizzare il percorso di apprendimento e fare in modo che anche quei giovani che non abbiamo la predisposizione a stare seduti ad ascoltare partecipino all’evento “formazione”.

Confucio disse “Se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio capisco”.

La possibilità di contribuire fattivamente alla realizzazione di un prodotto, che poi veicola un’informazione, è il modo migliore per imparare. Con la multimedialità diamo la possibilità a tanti giovani di poter FARE FORMAZIONE, e nel fare formazione, imparare".

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi