SFUMA INDENNITA’ DI MATERNITA’ PER LE PESCATRICI AUTONOME

tonno-rossoForte rammarico esprimono le Associazioni dell'Alleanza delle cooperative Pesca per la mancata conversione in legge del DL 216/2012 che vede sfumare nel nulla l'estensione del trattamento di maternità e congedo parentale alle pescatrici autonome.  E' un grave passo indietro nella giustizia sociale e nella civiltà del lavoro, che riteniamo particolarmente grave e mortificante in un settore, come quello della pesca, in cui il lavoro femminile storicamente ha sempre svolto e continua a svolgere un contributo fondamentale a sostegno delle imprese ittiche.

Un contributo ancora non riconosciuto né adeguatamente valorizzato, soprattutto se consideriamo che accanto al lavoro dipendente e autonomo, esiste il lavoro di migliaia di "donne della pesca" il cui impegno a fianco dell'impresa familiare rimane ancora oggi ancora del tutto sommerso, non retribuito, né coperto da tutele basilari, come la malattia o l'infortunio, prima ancora della maternità.

Le Associazioni confidano che l'estensione della maternità alle pescatrici autonome possa essere presto recuperata a livello legislativo e rilanciano fin d'ora il prossimo obiettivo nei confronti del Ministero del Lavoro: attivare un confronto per proposte operative volte alla promozione ed al riconoscimento del ruolo giuridico delle donne della pesca come "coadiuvanti ittiche", come già accade per l'agricoltura.

com/gan

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES