SISMA NEL MUGELLO, AIA: IN CORSO VERIFICHE DEI DANNI

print

In un territorio già duramente provato dall’ultima ondata di maltempo che ha interessato la Toscana, sono in corso già dalle prime ore della notte le operazioni per la verifica di eventuali danni alle strutture aziendali di allevamento nella zona del Mugello, in provincia di Firenze, colpita dalla serata di domenica 8 dicembre 2019 da una serie di scosse sismiche, la più forte di grado 4.5 localizzata a Borgo San Lorenzo, che hanno creato allarme e preoccupazione anche nelle campagne.

“La situazione è sotto controllo – dichiara il presidente dell’Associazione Italiana Allevatori-A.I.A. e dell’Ara della Toscana, Roberto Nocentini, titolare di un’azienda nel comune di Dicomano, nel Mugello – : per fortuna, per ora, si registra solo molta paura. La verifica degli eventuali danni è in corso grazie all’attivazione di una task force  da parte della locale Coldiretti, supportata dal personale dell’Associazione Regionale Allevatori della Toscana. C’è da considerare che nel mugellano molte aziende zootecniche praticano l’allevamento allo stato brado, e si trovano in zone impervie e difficili da raggiungere. Comunque le nostre strutture sono pronte a fornire ogni tipo di assistenza e tutto quanto può essere di supporto in una fase emergenziale, dal reperimento di foraggi ad attrezzature”.

“Seguiamo l’evolvere della situazione ora per ora – aggiunge il direttore generale di A.I.A. Roberto Maddé – : il Sistema Allevatori si è attivato a tutela sia degli imprenditori zootecnici sia a salvaguardia del bestiame allevato, che in situazioni come questa è sottoposto a stress che spesso causano, come già avvenuto in eventi simili, cali produttivi e altri problemi di carattere sanitario”.