TOSCANA, DANNI NUBIFRAGIO, SOPRALLUOGHI IN PROVINCIA DI AREZZO E FIRENZE

Rappresentanti del Dipartimento nazionale e della protezione civile hanno fatto stamattina un sopralluogo nei comuni della provincia di Arezzo maggiormente colpiti dall'ondata di maltempo di fine luglio. La visita rientra nell'iter attivato dalla Regione per il riconoscimento, da parte del governo, dello stato di emergenza nazionale. Ad accompagnarli i tecnici regionali della Protezione civile e del Genio civile insieme a a personale della Provincia e del Comune di Arezzo.

Sono state visitate le zone dove sono stati fin da subito attivati i primi interventi: corsi d'acqua, strade provinciali e comunali, abitazioni e zone industriali che hanno rilevato le criticità maggiori. A circa due settimane dall'evento, come hanno spiegato i tecnici della protezione civile regionale, le zone risultano pulite grazie al lavoro compiuto da volontari e dal personale degli enti locali. La situazione è sotto controllo, adesso si cercherà di individuare possibili soluzioni strutturali per mettere in sicurezza il reticolo idraulico.

Il sopralluogo prosegue nel pomeriggio: la delegazione del Dipartimento della protezione civile nazionale è attesa in provincia di Firenze, nei Comuni di Gambassi Terme e Certaldo, anch'essi colpiti dal maltempo.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi