UNESCO, UCI: BENE ACCOGLIMENTO DOSSIER PREDISPOSTO DA MIPAAF E DA NOI

Grande soddisfazione per la presentazione ufficiale da parte dell’Italia, della Grecia e dell’Austria, del dossier per la richiesta di riconoscimento, predisposto dal Mipaf e dal partenariato costituito dall’Uci e dalle rappresentanze associative e culturali regionali.

 

La Transumanza si appresta a diventare Patrimonio culturale immateriale dell’umanità.

Subito dopo l’ufficializzazione della candidatura transnazionale da parte dell’Italia, paese capofila, insieme alla Grecia e all’Austria, avvenuta a Parigi, presso la sede Unesco, il Presidente Mario Serpillo ha espresso la grande soddisfazione dell’Uci per il positivo riscontro all’impegno profuso dal partenariato, di cui è componente l’organizzazione, per la predisposizione del dossier a corredo della richiesta di riconoscimento.

Si tratta di una tappa di fondamentale importanza – ha dichiarato Serpillo - per ridare il giusto valore agli usi e alle tradizioni che contrassegnano la storia dell’agricoltura e della pastorizia in una vasta area del nostro continente”.

Come è specificato nella documentazione consegnata all’Unesco, la transumanza esprime una rilevante valenza culturale, dal forte contenuto identitario, che ha saputo nei secoli creare forti legami sociali e culturali tra praticanti e i centri abitati da essi attraversati, nonché rappresentare un'attività economica sostenibile caratterizzata da un rapporto peculiare tra uomo e natura, influenzando con la sua carica simbolica tutti i campi dell'arte.

La transumanza è ancora oggi praticata sia nell’area alpina, ma soprattutto nel Centro e Sud Italia, dove sono localizzati i Regi tratturi. In regioni come il Molise e la Basilicata, lo spostamento delle greggi dai monti alla pianura, e viceversa, è tutt’ora molto diffuso nella zona di Frosolone e nelle area del Potentino e della Val d’Agri Lagonegrese come in quella del Materano, dove numerose famiglie di allevatori e pastori hanno saputo mantenere negli anni la vitalità della pratica, nonostante le difficoltà socioeconomiche e lo spopolamento delle aree rurali.

Con la formalizzazione della candidatura si apre, ora, la fase di valutazione internazionale da parte di un gruppo di esperti tecnici indipendenti che esaminerà la documentazione presentata sulla base della quale sarà assunta la decisione del Comitato di governo dell’Unesco nel mese di novembre del 2019.

In attesa dell’esito della richiesta di riconoscimento di Patrimonio culturale immateriale da parte dell’Unesco, l’Uci riconferma il massimo impegno per continuare il lavoro del partenariato sul versante degli interventi sui tratturi e i luoghi di interesse culturale, storico, archeologico, architettonico, artistico e letterario, per recuperare e valorizzare al meglio il sistema integrato di utilizzo delle antiche vie della transumanza con l’obiettivo di consentire lo sviluppo di moderne ed efficienti imprese di produzione e servizi nel campo alimentare, dell’artigianato, delle attività commerciali, turistiche, sociali, culturali.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi