VINITALY, CIA: CONSUMATORI STRANIERI PIU PREPARATI MA VINI ITALIANI ANCORA SCONOSCIUTI

L’Italia è la patria del vino, con una biodiversità unica rappresentata da oltre 500 vitigni. Eppure i consumatori stranieri, soprattutto quelli oltreoceano, ne conoscono appena una dozzina. Questo perché gli altri non sono facilmente reperibili sui loro mercati. Ancora peggio nel caso dell’olio, dove non è nota la classificazione qualitativa del prodotto e ancor meno le centinaia di cultivar da cui è ottenuto il più prezioso extravergine. Proprio per superare questa lacuna, la Cia-Agricoltori Italiani ha avviato una partnership con il Gambero Rosso e il Cno-Consorzio nazionale olivicoltori per la promozione delle eccellenze agroalimentari del Made in Italy nel mondo.

Un ampio progetto di internazionalizzazione delle aziende tricolori che oggi ha fatto tappa al Vinitaly, dove è stato presentato l’evento di “Top Italian Food & Beverage Experience” che si terrà a Toronto il 9 giugno e coinvolgerà le tre organizzazioni con l’obiettivo di portare nel mondo, sempre di più e meglio, “il meraviglioso scrigno nascosto dei cibi tradizionali italiani.

D’altra parte, la domanda è forte, quindi occorre cavalcare la richiesta puntando ai mercati esteri. Gli stranieri amano il cibo e il vino italiano ma non conoscono il 95% dei nostri prodotti di nicchia e di qualità, che sono in grado di sbloccare un potenziale di almeno altri 70 miliardi di euro in export.

“L’Italia non ha mai messo in campo una strategia organica per aggredire i mercati stranieri -ha affermato il presidente nazionale della Cia Dino Scanavino-. Con questo piano di promozione, il nostro impegno è quello di rafforzare e accompagnare le nostre aziende nella sfida dell'internazionalizzazione. Lo scopo è di favorire la crescita e conquistare nuovi spazi all'estero, contrastando sia l’italian sounding che fenomeni come i wine kit. Il settore vitivinicolo è strategico per l’economia nazionale, ma può crescere ancora rispetto ai 14 miliardi di valore che già oggi raggiunge”.

“L’olio d’oliva è un prodotto assai complesso -ha spiegato il presidente del Cno Gennaro Sicolo-. Le potenzialità dell’extravergine sono enormi, con grandi fette di mercato ancora da conquistare nel mondo. Il successo del prodotto passa necessariamente dalla consapevolezza del consumatore circa le proprietà nutrizionali e organolettiche uniche della spremuta di olive”.

“In questa guida ai migliori Oli d’Italia in cui recensiamo centinaia di etichette eccellenti e descriviamo le migliori aziende olivicole, ci sono i più importanti marchi dell’olio artigianale di alta qualità -ha aggiunto il presidente di Gambero Rosso Paolo Cuccia-. Una carta di identità, un segno di riconoscimento forte quanto quello del vino. Basta l’assaggio di uno solo di questi grandi oli perché l’emozione che ci fa provare rimanga indelebile. Anche così l’Italia della biodiversità e della qualità può vincere nel mondo. Il trend dell'export italiano dimostra che i prodotti di qualità e le imprese meglio attrezzate hanno concrete opportunità di beneficiare della crescita di una domanda internazionale che sta dimostrando di non avere limiti”.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi