VINITALY, CONFAGRICOLTURA: GLI EFFETTI DELLA BREXIT SUL MERCATO DEL VINO

Quali potrebbero essere gli effetti della Brexit sul mercato del vino? Per analizzare i possibili scenari dopo l’uscita della Gran Bretagna dalla Ue, Confagricoltura ha organizzato, domenica 15 aprile alle ore 15.00, un focus nel proprio stand a Vinitaly, insieme all’ambasciata del Regno Unito. L’evento, si aprirà con la presentazione di una relazione del professore Eugenio Pomarici, del Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali (TESAF) e del Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Viticoltura ed Enologia (CIRVE) dell’Università degli Studi di Padova. Seguirà il confronto tra Federico Castellucci, presidente della Federazione nazionale vitivinicola di Confagricoltura, e l’importatore britannico di vini italiani Sergio De Luca, direttore del settore acquisti e Enotria&Co. Le conclusioni dell’incontro sono affidate all’Ambasciatore britannico in Italia Jill Morris e al presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti.

Il 60% dei prodotti agricoli ed agroalimentari consumati nel Regno Unito sono importati e circa il 75% di questi proviene dalla UE (con un trend in costante crescita sia in valore sia in volume). Per quanto riguarda, in particolare, le importazioni di vino e spumanti del Regno Unito sono circa il 90% dei consumi e circa il 70% proviene dalla UE.

Seppure ancora non possano essere fatte previsioni poiché il negoziato commerciale non è iniziato, dalla “Relazione preliminare sugli impatti dell’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea” pubblicata dal Copa-Cogeca (il Comitato delle Organizzazioni e delle Cooperative agricole europee), nella prima versione a marzo scorso ed aggiornata a settembre, emerge che i settori produttivi soggetti a maggiore rischio sono la carne bovina, il lattiero caseario, il vino, l’ortofrutta ed il riso.

Tra questi, il vino rappresenta una delle voci più importanti dell’export del nostro Paese verso il Regno Unito. In termini quantitativi abbiamo superato la Francia e, dopo Usa e Germania, la Gran Bretagna è il nostro terzo mercato di sbocco. In termini di valore l’export di vini e spumante nel 2017 ha superato gli 815 milioni di euro, con un incremento tra il 2012 e il 2017 del 51,37%.

Le tematiche da affrontare saranno moltissime e riguarderanno tutte le regolamentazioni europee: dall’Ocm al riconoscimento del sistema delle denominazioni, dall’etichettatura, al biologico, fino ai diritti d’impianto.

Obiettivo del convegno di Confagricoltura – che da sempre svolge un’intensa e proficua attività di relazioni internazionali - è quello di analizzare le vie possibili per mantenere aperto il dialogo commerciale fra i due Paesi, limitando il più possibile i cambiamenti negli attuali rapporti commerciali, ovvero cercando di creare un’area di libero scambio regolamentata con criteri similari ad altri accordi stipulati tra la Ue ed altri Paesi europei.

“Le guerre commerciali non giovano a nessuno e rischiano di compromettere la ripresa economica che è in atto su scala mondiale - ha rimarcato Giansanti -. I negoziati di libero scambio sono alla base della reciprocità e non bisogna incoraggiare i protezionismi, invitando il mondo a chiudersi, ma incentivare il dialogo”. Ma non solo. “L’agricoltura è un business e, come tale, deve guardare lontano e il nostro sistema agro-alimentare ha bisogno di mercati aperti sui quali far valere la qualità e la competitività delle produzioni. E i mercati vanno gestiti sulla base di regole multilaterali, rigorose in termini di sicurezza alimentare, protezione dell’ambiente e tutela sociale”.

L’Ambasciatore britannico Morris ha voluto sottolineare come il Regno Unito sia “un grande mercato di sbocco per i vini italiani. I miei connazionali nutrono una forte ammirazione per l’Italia e sempre più turisti britannici visitano il Bel paese alla ricerca di esperienze eno-gastronomiche sopraffine. Il legame della cultura eno-gastronomica è solo un aspetto della forte partnership che lega il Regno Unito e l’Italia, un legame che di certo Brexit non potrà recidere. La scelta del popolo britannico di lasciare l’Unione Europea non si tradurrà in un voltare le spalle ai nostri partner europei”.

 

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi