VINITALY INCOMING: OGNI ANNO NUOVI BUYER PER I B2B DI TASTE&BUY

Si chiama Taste&Buy il servizio di matching b2b che Vinitaly offre agli espositori di Vinitaly e che propone incontri con buyer ogni anno nuovi, qualificati, selezionati e invitati da Veronafiere attraverso la sua rete di delegati in tutto il mondo e in collaborazione con Ice Agenzia nell’ambito del Piano di promozione straordinaria del made in Italy del Mise.  Prevista anche quest’anno un’attività di incoming per VinitalyBio , realizzata in collaborazione con Federbio.  Circa 1.000 quest’anno i nuovi professionisti da una sessantina di Paesi , che si aggiungono agli operatori in visita (in totale 128.000 nel 2017 dei quali 48.000 da 142 Paesi).  Oltre agli incontri b2b con le aziende parteciperanno a i walk around tasting dei consorzi e nei grand tasting di Vinitaly .  Nel 2017 i matching organizzati all’interno dell’iniziativa Taste&Buy e dei walk aroun d tasting sono stati ben 1.300 in quattro giorni di fiera.  Nella classifica dei mercati di maggiore interesse per gli espositori ci sono sempre il Nord America, con Stati Uniti e Canada, Russia e Cina. Nel 2017 sono stati 7.800 gli operatori commerciali registrati a Vinitaly provenienti dal Norda America . Quest’anno, l’incoming dagli Usa, primo mercato per l’export enologico italiano con un valore di 1,6 miliardi di euro, vede sempre più presenti importatori e distributori oltre che dalla East e West Coast anche dagli Stati interni, come Colorado, Kansas , Missouri e Illinois .  Un’opportunità per entrare in contatto con i mercati meno esplorati degli Usa, per il quale l’analisi “I l futuro dei mercati, i mercati del futuro ” di Nomisma Wine Monitor per Vinitaly 2018 prevede una crescita del 22,5 per cento entro il 2022 . Buone prospettive anche per il Canada , quinto mercato per l’export italiano di vino (poco meno di 80.000 hl nel 2017), con un trend in costante crescita (+9 per cento in quantità, +8 per cento in valore sul 2016).

Per questo l’attività di incoming di buyer dal Paese nordamericano è stata ulteriormente potenziata rispetto agli scorsi anni, anche in collaborazione con Ice Canada, grazie alla quale quest’anno sono in fiera anche nuovi monopoli: SAQ (Quebec), ANBL (New Brunswick), NSLC (Nuova Scozia), che si aggiungono a quelli già tradizionalmente presenti: LCBO (Ontario), BCLDB (British Columbia), MBLL (Manitoba). Per presentare le nuove occasioni per il vino italiano, Ice Canada in collaborazione con Vinitaly organizza lunedì 16 aprile dalle ore 9,30 nello spazio wine2digital (primo piano Palaexpo) un incontro d al titolo “Destinazione Canada”, con i rappresentanti dei monopoli LCBO, SAQ, BCLDB, ANBL, NSLC, MBLL, per una presentazione dei singoli mercati. Russia. Il Paese torna a essere strategico per il vino italiano . Attualmente l’import dall’Italia ammonta a circa 255 milioni di euro e le previsioni Vinitaly/Wine Monitor stimano nei prossimi cinque anni un incremento delle importazioni del 27,5 per cento. Per sostenere questo trend, la selezione per l’incoming quest’anno ha fatto leva su due tipologie di buyer: aziende top – grossi importatori da anni espositori a Vinitaly Russia con fatturati alti - interessati ad espandere il proprio portfolio; aziende di dimensione più piccola ma molto incentivate a trovare nuovi fornitori dall'Italia e creare da zero un portfolio di vini italiani. Cina. Del 38,5 per cento le previsioni di incremento per il vino italiano in Cina entro i l 2022 , dove attualmente l’Italia esporta vini per 143 milioni di euro ed è al sesto posto tra i Paesi importatori. Nella selezione degli operatori provenienti dalla Cina molto importante è stata quest’anno la valutazione geografica, per mantenere il presidio nelle città di prima fascia come Pechino, Shanghai, Hangzhou ( il centro dell’e - commerce in Cina e sede di Alibaba) e Chengdu , che ha visto nel corso degli anni l’organizzazione di molte fiere dedicate al settore (tra cui Vinitaly Chengdu, parte del fuori salone del “China Food and Drinks Fair for Wine and Spirits”, uno degli eventi b2b più importanti del comparto vitivinico lo cinese, arrivato alla sua 98ª edizione ), ma al tempo stesso addentrarsi all’interno del Paese, coinvolgendo aziende provenienti da città di seconda o addirittura di terza fascia: Beihai e Changchung (seconda fascia); Yantai (città di terza fascia ), una delle maggiori aree della Cina per produzione ed importazione di vini e Foshan (terza fascia).

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi