VINITALY, OIV E ISMEA ALLO STAND DI CONFAGRICOLTURA: IN CALO PRODUZIONE, CAUSA CLIMA SFAVOREVOLE. ITALIA PRIMA PER VOLUME, SECONDA PER VALORE

Si contrae, anche se di poco, la superficie vitata mondiale e cala anche la produzione di vino. Lo confermano i dati dell’OIV, l’Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino, che ha presentato per la prima volta al Vinitaly, nello stand di Confagricoltura, i dati relativi alla situazione della produzione enologica mondiale. Dati che saranno illustrati nel dettaglio a Parigi il prossimo 24 aprile e arricchiti a Verona dall’indagine di ISMEA focalizzata sull’Italia.Ne emerge un quadro internazionale con chiari segnali del calo produttivo (tra 246 e 253 milioni di ettolitri rispetto al 2016, ovvero una riduzione stimata tra il 6 e l’8%) e livelli quantitativi ai minimi storici. La causa principale è il clima sfavorevole che ha colpito alcune regioni, in particolare l’Europa occidentale, che annovera i Paesi più blasonati dal punto di vista enologico.

La superficie mondiale coltivata a vite si aggira intorno ai 7,6 milioni di ettari, in leggero calo per il secondo anno consecutivo, ma aumentano lievemente i consumi, in linea con l’ultimo decennio. In questo arco di tempo le regioni tradizionalmente consumatrici di vino, come l’Europa e il Sud America, sono rimaste a livelli di consumo stabili, mentre sono cresciute Australia, Stati Uniti e Asia.

L’Italia si conferma per il terzo anno il primo Paese mondiale per volumi di produzione: 42,6 milioni di ettolitri, nonostante un calo superiore al 15% rispetto al 2016. Seguono, nell’ordine, la Francia e la Spagna.

Continuano a crescere le esportazioni di vino a livello internazionale sia in valore, sia in volume, segno di un’evidente globalizzazione del mercato del vino. In termini di valore, il primato rimane alla Francia, con circa 9 miliardi di Euro, seguita dall’Italia con circa 6 miliardi. L’export mondiale di vino è cresciuto del 3,4% in volume e del 4,8% in valore, spinto in particolare dai vini in bottiglia e spumanti.

“Quest’analisi – ha commentato Federico Castellucci, presidente della Federazione Nazionale di Prodotto Vino di Confagricoltura – ci dimostra che esportare non è più un lusso, ma una necessità e che i nostri competitor sono agguerriti”.

Per quanto riguarda le importazioni, Germania, Gran Bretagna e Stati Uniti sono i primi Paesi per volume. Gli Stati Uniti sono i primi importatori per valore (5,2 miliardi di Euro), seguiti da Gran Bretagna (3,5 mld) e Germania (2,5 mld).

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi