VINO, ITALIA PRIMO PRODUTTORE MONDIALE CON 46 MILIONI DI ETTOLITRI

A dispetto di una vendemmia inferiore rispetto gli anni scorsi, con una produzione che si attesta sui 46 milioni di ettolitri (-16% rispetto al 2018), l’Italia si conferma primo produttore mondiale di vino, con Francia e Spagna ferme tra i 40 e i 43 milioni di ettolitri.

Questi alcuni dei dati emersi nel corso della conferenza stampa di presentazione delle previsioni vendemmiali 2019, organizzata presso il Mipaaft, e che segna la nascita di una nuova collaborazione tra Uiv, Ismea e Assoenologi.

“Con la vendemmia 2019 rientriamo nella media degli ultimi anni, con una qualità variabile tra il buono e l’eccellente a seconda delle zone, che ci permette di guardare con fiducia e ottimismo al futuro” spiega Ernesto Abbona, presidente di Uiv. “Il primato produttivo mondiale è confermato, ma all’interno di un contesto geopolitico difficile, dove arrivano segnali preoccupanti da alcuni mercati per noi importanti, mentre nuove prospettive si aprono grazie agli accordi di libero scambio” conclude Abbona.

“Il vino italiano ha ormai consolidato un importante percorso di internazionalizzazione, veicolando l’offerta verso prodotti di maggiore qualità e gradimento nei mercati esteri” dichiara Raffaele Borriello, direttore generale Ismea. “Gli effetti e l’efficacia di tali politiche sono confermate dal costante aumento del fatturato legato all’export, quasi raddoppiato negli ultimi dieci anni. Sul futuro peserà il caso Brexit e l’incertezza del nuovo assetto geopolitico mondiale, dove si imporranno strategie sempre più complesse, articolate e flessibili” spiega in conclusione Borriello.

“La variabilità del meteo ha pesato in maniera decisiva sulla vendemmia 2019, registrando un’inversione di rotta rispetto l’annata precedente, molto generosa” sottolinea Riccardo Cotarella, presidente di Assoenologi. “La consolidata variabilità meteorologica e lo spostamento climatico da temperato a caldo arido ha determinato l’irregolarità del ciclo vegetativo della vite. In questo contesto diventano decisive e fondamentali le competenze dell’enologo, e la sua esperienza sempre più determinante per assicurare un alto livello qualitativo dei vini” conclude Cotarella.

L’abbondante produzione italiana del 2018 ha avuto effetti negativi sulle quotazioni dei vini e a subire maggiormente la riduzione dei listini sono stati i vini comuni, più esposti alle dinamiche del mercato internazionale. Nel complesso il mercato dei vini comuni 2018/2019 ha subito un ribasso consistente (-27%), mentre più contenuta è stata la riduzione per i vini Doc e Docg (-6%), dimostrando che i vini di qualità hanno mercati più consolidati.

Il mercato estero ha iniziato positivamente e nei primi 5 mesi del 2019 le esportazioni italiane si attestano sugli 8,6 milioni di ettolitri (+11%), con una progressione del valore che ha raggiunto i 2,5 miliardi di euro (+5,5%).

Per quanto riguarda l’export si registra una progressione più marcato verso i paesi Ue (+14% sul volume e +6% in valore), rispetto ai paesi terzi (+6% e +5%). Continua poi la crescita degli spumanti, con il Prosecco che cresce oltre il 20% in volume e valore, e con la conferma dei dati che l’export verso i mercati esteri rappresentano uno stimolo fondamentale per il settore, dal quale proviene quasi la metà del suo fatturato.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi