VINO. UIV: ITALIA PRIMO PRODUTTORE MONDIALE. MANTENERE PIANO NAZIONALE SOSTEGNO

Il settore vitivinicolo dell'Unione Europea, a livello mondiale, ha un peso specifico molto significativo, rappresentando il 45% della superficie del vigneto globale; il 52% del consumo di vino; il 63% della produzione vinicola in termini di volume e il 70% in valore. Un settore dai numeri imponenti: il valore di mercato del vino nell'UE è stimato in 100 miliardi di euro e sono 3 milioni i posti di lavoro a tempo pieno impiegati direttamente nel settore, senza contare l’indotto. Da questi numeri è partito Antonio Rallo, presidente di Unione Italiana Vini, per fare alcune riflessioni con il Commissario Europeo all’Agricoltura Phil Hogan, per la prima volta a Vinitaly, durante un incontro riservato al quale ha preso parte l’intero Consiglio Nazionale di Unione Italiana Vini.

“Sono grato al Commissario Hogan per averci dedicato tempo e attenzione, in continuità con il proficuo rapporto di collaborazione già in essere con lui ed il suo Gabinetto – commenta Antonio Rallo - Durante il nostro incontro, dopo aver tratteggiato il quadro completo del comparto vitivinicolo europeo, ci siamo soffermati su quello nazionale. Abbiamo evidenziato come l’Italia sia il primo produttore di vino della UE e, dunque, del mondo, con 48,5 milioni di ettolitri nel 2016 e con un export in continua crescita, passato da 3,6 miliardi di euro del 2006 a 5,6 miliardi di euro nel 2016 (21 milioni di ettolitri). Una puntualizzazione dovuta per rimarcare che la Politica Agricola Comune post 2020 debba necessariamente prevedere risorse finanziarie in grado di rispondere alle sfide del nostro settore vitivinicolo. In particolare, vorremmo che il Piano Nazionale di Sostegno fosse mantenuto poiché ha dimostrato di essere uno strumento flessibile e strategico per le imprese; ha stimolato gli operatori a riorientare la loro produzione rispetto alle richieste del mercato incoraggiando l’innovazione e lo sviluppo di pratiche moderne in vigna come in cantina, e sostenendo gli investimenti in promozione dei brand e dei territori”.

“Attraverso la PAC – risponde il Commissario Phil Hogan - l'Unione europea prevede un notevole sostegno anche per il settore vitivinicolo italiano, riconosciuto per la sua produzione di qualità. Il bilancio per la promozione verrà aumentato in modo significativo e i produttori di vino italiani possono stare sicuri che la PAC post-2020 continuerà a sostenere il compart

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi