60 ANNI UNAITALIA. LE DICHIARAZIONI DI RUOCCO, PASCARELLI, GASPARRI

“Il dialogo costante con gli ambasciatori è fondamentale per il nostro import ed export, ed abbiamo registrato una grande sensibilità da parte di molte ambasciate sui temi dell’export agroalimentare, e proprio con queste ambasciate abbiamo un dialogo quotidiano”. Queste le parole di Giuseppe Ruocco, segretario generale ministero della salute, nel corso dell’assemblea nazionale di Unaitalia.

“La nostra rappresentanza a Bruxelles è altrettanto importante, perché le regole vengono decise a livello comunitario, così come quelle sull’export, ma non sempre in Europa riusciamo ad avere un bilanciamento tra ciò che importiamo e ciò che possiamo esportare. Ringrazio però il governo perché dopo tanti anni abbiamo finalmente una serenità di personale ed è un segnale importante. Con aziende abbiamo poi un contatto quotidiano, tramite le associazioni e questa stretta sinergia permette una cabina di regia importante” ha concluso Ruocco.

“È ancora troppo bassa la quantità di export dei prodotti avicoli, nonostante l’eccellenza che esprime questa filiera, serve quindi lavorare sui numeri. Il Piano straordinario di promozione del Made in Italy è testimonianza concreta di questa volontà d’offrire risorse per le aziende” ha dichiarato Anna Flavia Pascarelli (ufficio agroalimentare e vini Ice agenzia).

“La cabina di regia per l’internazionalizzazione delle imprese esiste già, ed e qui che si definiscono le linee guida. In questo contesto si attesta l’Ice, al fianco delle imprese per aiutarle nell’andare all’estero e spingere verso l’alto l’export di carne avicola deve essere un obiettivo primario” ha concluso Pascarelli.

“Sconfiggere le fake news è fondamentale perché hanno molto appeal sui consumatori, diventa perciò molto importante raccontare quanto di buono riesce a fare la filiera” ha spiegato nel corso dell’assemblea di Unaitalia, Pietro Gasparri (Promozione della qualità agroalimentare e dell’ippica).

Si tratta di una filiera molto efficiente ed è giusto comunicarlo, specialmente per quanto riguarda il sistema dei controlli che consente di reagire in mondo immediato a qualsiasi emergenza sanitaria.

Il settore delle carni avicole gode di tanti vantaggi ma subisce anche le conseguenze quando emerge qualche emergenza sanitaria. E per bilanciare serve contratto di filiera, il quale è stato fatto dal governo dare per sostegno all’intera filiera” ha concluso Gasparri.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi