ANBI A TAJANI: DA MAIORCA A CAGLIARI, SERVE POLITICA UE PER LA GESTIONE DEL SUOLO

La recente visita del Presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, allo stand ANBI nell’ambito della tappa romana dell’ “Acqua Tour 2018” è motivo dell’appello rivoltogli dall’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue per sollecitare il varo di una direttiva comunitaria per la tutela del suolo, che sviluppi  strategie condivise all’interno dell’Unione Europea.

In un cinquantennio, infatti, le aree urbanizzate nel Vecchio Continente sono praticamente raddoppiate, raggiungendo i 19 milioni di ettari  (una superficie pari a due volte l’Ungheria) ed aumentando in maniera esponenziale il rischio idrogeologico a fronte anche dei cambiamenti climatici, che stanno, tra l’altro, “tropicalizzando” l’area mediterranea.

L’estremizzazione degli eventi meteo, che sta caratterizzando questo avvio d’autunno anche con la perdita di vite umane – dichiara Francesco Vincenzi, Presidente di ANBI dimostra come la road map verso il consumo di suolo zero, varata dalla UE con obbiettivo 2050, sia inadeguata alla velocità delle trasformazioni dovute all’innalzamento medio delle temperature; per quella data è, infatti, prevista la cementificazione di ulteriori 3 milioni di ettari, vale a dire una superficie agricola pari a quella della Pianura Padana, con conseguente diminuzione  della capacità di assorbimento idrico dei territori.”

“L'Europa – conclude Massimo Gargano, Direttore Generale di ANBI - è uno dei continenti,  il cui territorio è utilizzato in modo più intensivo. Il  recente rapporto I.P.C.C.  dimostra che stiamo già subendo le conseguenze del riscaldamento globale: aumento di eventi meteo estremi ed innalzamento del livello del mare. L’impegno comune deve essere, come indicato dagli scienziati dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (I.P.C.C.), di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C; servono, però, importanti quanto solleciti cambiamenti per favorire una società più sostenibile. E’ quel nuovo modello di sviluppo, di cui i Consorzi di bonifica sono già protagonisti.”

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi