ANBI: NECESSARI 150 MILIONI IN PIU’ PER E.ROMAGNA. A FEBBRAIO IL QUADRO NAZIONALE

“L’Emilia-Romagna è una Regione in prima fila nella sensibilità verso i temi della Bonifica e dove le cose si fanno, come dimostra l’ottima legge di settore approvata; ciò nonostante, in un solo anno, le necessità di investimento per la salvaguardia idrogeologica sono salite dagli 835 milioni di inizio 2013 agli attuali 985 milioni. Il territorio, in mancanza di un radicale piano di manutenzione, deperisce, aumentando esponenzialmente le necessità per essere sicuro; progressivamente ci stiamo pregiudicando questo bene inclonabile, determinante per qualsiasi ipotesi di ripresa economica. L’Emilia-Romagna è solo un esempio del quadro, che andremo a disegnare in Febbraio a Roma con la presentazione del nuovo Piano Nazionale per la Mitigazione del Rischio Idrogeologico”.

Questo quanto afferma Massimo Gargano, Presidente dell’Associazione Nazionale Bonifiche e Irrigazioni (A.N.B.I.), a Bologna in occasione della Conferenza Organizzativa dell’Unione Regionale Bonifiche Emilia-Romagna.

“La naturale criticità idrogeologica della Penisola, il cui suolo è in gran parte sotto il livello del mare – prosegue – è stata accentuata da due fattori: i cambiamenti climatici e l’abbandono progressivo di zone svantaggiate quali gli appezzamenti montani; ciò ha incrementato le difficoltà idrauliche delle aree di pianura, accentuando al contempo la fragilità dei territori a monte, ormai abbandonati. A far da detonatore ad una situazione ambientalmente già precaria è stata la cementificazione spesso incontrollata, facendo della tutela idrogeologica un’emergenza nazionale, di cui è testimone, ad esempio, Giampilieri in Sicilia, dove, ad oltre quattro anni dalla frana, che provocò 37 morti, ancora nulla è stato fatto per evitare il ripetersi di analoga tragedia.

I Consorzi di bonifica si propongono come soggetti portatori di soluzioni concrete, quali l’annuale Piano per la Mitigazione del Rischio Idrogeologico, ma anche Irriframe, il sistema esperto per il risparmio idrico in agricoltura che, partito proprio dall’esperienza dell’Emilia Romagna, è oggi all’attenzione internazionale; nel solo Veneto ha permesso, la scorsa stagione, di risparmiare 3 milioni di metri cubi d’acqua con evidenti vantaggi per l’economia agricola ed ora è uno strumento utilizzato dal Governo italiano con l’Unione Europea nella definizione delle caratteristiche applicative della P.A.C. 2014-2020. Quello che chiediamo – conclude Gargano – è che si esca dal perverso cerchio di un Paese, che chiede lo stato di calamità per alluvione d’inverno e per siccità d’estate.”

 

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi