ASSEMBLEA ANBI 2020, TUTTI GLI INTERVENTI DI VINCENZI, GIANSANTI (CONFAGRICOLTURA), L’ABBATE (MIPAAF), VALLARDI (COMAGRI SENATO) E BLASI (MIPAAF), MARGIOTTA, MORASSUT, DAGHETTA

“In Italia, nel 2019, la disponibilità d’acqua è stata indispensabile per generare il 17,3% del Prodotto Interno Lordo, cioè 288 miliardi di euro. Il nostro è un Paese ricco d’acqua, perché annualmente cadono circa 300 miliardi di metri cubi di pioggia, di cui però ne riusciamo a trattenere al suolo solo 45. Quasi 50 anni fa, nel 1971, la Conferenza Nazionale sulle Acque indicò in almeno 17 miliardi di metri cubi, la capacità d’invaso necessaria a rispondere alle esigenze di crescita del Paese nel 1980. Quarant’anni dopo la potenzialità di raccolta delle 534 dighe italiane è ferma a 11,9 miliardi. Risulta evidente l’importanza, soprattutto nella prospettiva di un rilancio dell’Italia collegato al New Green Deal, di aumentare sensibilmente la capacità d’invaso per sopperire alle accresciute esigenze idriche.”

Ad evidenziare tali dati è Francesco Vincenzi, Presidente dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irriguein occasione della prima giornata dell’Assemblea ANBI, quest’anno in modalità ”streaming” per ottemperare all’normative igienico-sanitarie anti Covid-19.

Il settore, che utilizza maggiori risorse idriche, è l’agricoltura, con circa 20 miliardi di metri cubi all’anno, soprattutto nel Nord Italia, per irrigare complessivamente 3.300.000 ettari. Sta, però, crescendo in molte aree del Paese – prosegue il Presidente di ANBI – la richiesta d’irrigazione per migliorare la competitività sui mercati; inoltre, numerose produzioni agricole, a causa del ripetersi di stagioni siccitose accompagnate da alte temperature, necessitano ora di risorse idriche durante l’intero arco dell’anno. Infine, va considerato che una costante disponibilità d’acqua ridurrebbe lo spopolamento delle aree collinari e montane. Risulta quindi fondamentale rendere disponibile più risorsa idrica – conclude Vincenzi – attraverso la realizzazione anche di piccoli invasi e l’incremento della superficie servita da impianti irrigui.

 

ANBI, VINCENZI: NON CI PUÒ ESSERE AGRICOLTURA SENZA ACQUA, BATTAGLIA DA PORTARE AVANTI ANCHE IN UE. PRONTI A METTERE A CANTIERE 3.800 PROGETTI PER OLTRE 54MILA POSTI LAVORO

“Il mondo dei consorzi di bonifica sta dimostrando che stando vicino ai territori si riduce la distanza tra popolazione e istituzioni, ed è un tassello importante da portare avanti. Oggi è il momento per passare dalle parole ai fatti” dichiara Francesco Vincenzi, presidente ANBI, nel corso dell’assemblea webinar.

“Il paese si è trovato di fronte ad una pandemia inaspettata, il governo ha fatto uno sforzo enorme nel contenere la malattia e la crisi economica e occupazionale, sono state messe in campo risorse importanti ma notiamo che purtroppo solo il 20% di questi provvedimenti vedono la ricaduta sul territorio, il resto fa fatica a decollare, creando distanza tra cittadini e governo” prosegue.

“Abbiamo la volontà di mettere in sicurezza il territorio e finire le opere incompiute, ancora troppe ce ne sono sul nostro territorio, specialmente in agricoltura ed è un lusso che non ci possiamo permettere. Abbiamo la volontà di mettere a cantiere oltre 3.800 progetti per oltre 11 mld di euro che andranno a creare più di 54mila posti di lavoro” sottolinea il presidente di Anbi.

“Bisogna sostenere la nostra agricoltura perché ha dimostrato la sua strategicità e l’importanza anche sociale che riveste nel nostro paese ma non ci può essere agricoltura senza acqua. È una battaglia da portare avanti anche in Europa insieme alla sfida della sostenibilità che non dobbiamo subire bensì governare” conclude Vincenzi.

ANBI, GIANSANTI (CONFAGRICOLTURA): AGRICOLTURA FONDAMENTALE PER TENUTA SOCIALE, ECONOMICA E AMBIENTALE. ORA PUNTARE AD AUTOSUFFICIENZA ALIMENTARE

“Dobbiamo passare dal dire al fare. Oggi la popolazione affamata mondiale aumenta, cresce anche lo spreco alimentare per oltre 2 miliardi di tonnellate, si unisce a questo il tema delle megalopoli responsabili delle emissioni nocive e del consumo di energia, tutto questo per dire che la geografia e la demografia stanno assumendo un ruolo sempre più importante nella gestione del territorio” dichiara nel corso del webinar Anbi Massimiliano Giansanti, presidente di Confagricoltura.

“Il ruolo degli agricoltori è fondamentale per la manutenzione del territorio e per la tenuta sociale, economica e ambientale dell’Italia e del mondo. Senza agricoltura non ci può essere nessuno di questi aspetti” prosegue.

“L’emergenza corona virus ha rimarcato il ruolo essenziale dell’agricoltura ed è evidente come non si possa rinunciare ad una forte agricoltura capace di assicurare ai cittadini l’autosufficienza alimentare.

In Italia non lo siamo ancora perché riusciamo a produrre solo il 75% di quello che l’Italia chiede. Un aumento e il raggiungimento numerico dell’auto sufficienza alimentare libererebbe per l’Italia oltre 50 miliardi di pil, quindi risorse economiche importanti.

Ci vogliono però le giuste condizioni per produrre ma ancora troppi sono i limiti strutturali del paese” sottolinea Giansanti.

“L’agricoltura ha bisogno di acqua e deve dimostrare al territorio di saperlo manutenere.

Il digitale ci aiuterà a produrre meglio ed a stare più attenti ai temi della sostenibilità. Sul green deal partiremo in vantaggio, perché siamo già avanti per ciò che riguarda un percorso verde poiché l’Italia ha saputo dimostrare di saper gestire l’ambiente in maniera molto diversa rispetto al altri paesi, preservando il nostro territorio” conclude Giansanti.

FRAMMENTAZIONE REGIONALE OSTACOLA PROGRAMMAZIONE AGRICOLA- GIANSANTI PRESIDENTE CONFAGRICOLTURA AD ASSEMBLEA ANBI

image_pdfimage_print

"Si parla in questi giorni di Decreto Legge Semplificazioni, di cui stiamo attendendo di conoscere il testo definitivo; per noi agricoltori, alla base della semplificazione, dovrebbe essere l’eliminazione dell'agricoltura dal titolo 5 della Costituzione, perché aver frammentato, su base regionale, la capacità degli agricoltori di fare politiche per il settore, quando ci troviamo ad agire su uno scenario globale, oggi è un forte limite per il Paese."

Lo afferma il Presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti, intervenuto al webinar “L’urgenza dell’Italia è trasformare l’emergenza in opportunità”, svoltosi nel contesto dell’Assemblea Nazionale ANBI, l’Associazione Nazionale dei Consorzi di Gestione e Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue.

"L’emergenza Coronavirus - afferma Giansanti - ha rimarcato il ruolo centrale dell’agricoltura e il fatto che non si può rinunciare ad una forte agricoltura, in grado di garantire l’autosufficienza alimentare. L’Italia non è autosufficiente nella produzione agricola: riusciamo infatti a produrre il 75% di quello, che è il fabbisogno nazionale. Il raggiungimento dell’autosufficienza alimentare libererebbe 50 miliardi di PIL. Siamo a fianco di ANBI nell'appello lanciato alle Istituzioni di velocizzare e semplificare la cultura del fare. Noi siamo pronti, ma servono le giuste condizioni per poter produrre".

ASSEMBLEA ANBI, GIANSANTI (CONFAGRICOLTURA): AGRICOLTORI ESSENZIALI PER LA TENUTA DEL TERRITORIO

image_pdfimage_print

“Oggi, a livello mondiale, la popolazione affamata sta crescendo; a questo aspetto si aggiungono l’aumento dello spreco alimentare nei Paesi evoluti e la continua antropizzazione del territorio. A livello mondiale, e ancor di più in Italia, laddove c’è spazio non urbanizzato, ci sono gli agricoltori che dunque assumono un ruolo essenziale nella manutenzione del territorio e nella tenuta sociale, economica ed ambientale dell’Italia e del Mondo”. Lo ha detto il presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti intervenendo al webinar dell’assemblea dell’Associazione Nazionale delle Bonifiche (ANBI).

“L’agricoltura – ha proseguito Giansanti - dovrà sostenere le esigenze alimentari di una popolazione mondiale in crescita, con sempre meno suolo a disposizione, in un contesto caratterizzato dai cambiamenti climatici; questo si tradurrà inevitabilmente per gli agricoltori in un aumento delle produzioni, anche attraverso il miglior utilizzo delle acque. Su questi aspetti aiuterà senz’altro la nuova rivoluzione che l’agricoltura si avvia ad affrontare, quella del digitale, attraverso l’introduzione delle tecnologie più evolute, che permetteranno di produrre meglio e di essere sempre più attenti ai temi della sostenibilità”.

L’emergenza Covid 19 – ha quindi posto in evidenza - ha mostrato quanto sia importante avere un settore primario efficiente e produttivo, in grado di soddisfare le esigenze dei consumatori. Davanti alle sfide che ci aspettano occorre affrontare con lungimiranza e in modo strategico la gestione delle risorse idriche, dando sempre più rilievo a ricerca e innovazione. Ed è fondamentale affrontare le criticità del settore, tra cui una rete infrastrutturale vetusta e un tasso di dispersione elevato.

“In quest’ottica - ha concluso il presidente di Confagricoltura - occorre affermare l’obiettivo fondamentale dei consorzi di bonifica di contribuire al progresso dell’agricoltura, come enti strumentali ma anche progettuali, facendo investimenti e ricerca per la gestione delle acque, lo sviluppo di reti, il riuso dell’acqua”.

BENE PROPOSTA ANBI PER INFRASTRUTTURARSI ED INCREMENTARE DISPONIBILITA’ IDRICHE-DAGHETTA (CIA)

image_pdfimage_print

“Le nostre grandi produzioni non possono essere messe in discussione e per farlo abbiamo necessità di risorsa idrica quando occorre. ANBI  ha oggi frequentato e messo in condizione il Paese di affrontare le necessità generate dai mutamenti climatici, affermando il valore della risorsa acqua. La progettualità esecutiva ed utile dei Consorzi sarà decisiva per l’approvvigionamento idrico in questo periodo di grandi difficoltà economiche del Paese. Sarà quindi fondamentale dare il via in fretta ai cantieri proposti da ANBI per immagazzinarla. Oltre a questo, la messa in sicurezza delle aree più fragili e di quelle produttive rappresenta un punto fermo, puntando sulle infrastrutture e sulla velocizzazione delle pratiche per realizzarle.”

E’ quanto dichiara Giovanni Daghetta, componente del Consiglio Nazionale della Cia, intervenuto all’odierna Assemblea ANBI on web.

DAGHETTA (CIA) AD ASSEMBLEA ANBI 2020: “AVANTI SU NUOVE INFRASTRUTTURE. BENE PROPOSTA PER PIU’ RISORSE IDRICHE”

Posted by Redazione × Pubblicato il 07/07/2020 at 16:30

"Le grandi produzioni agricole italiane sono stategiche, come ha dimostrato anche l'emergenza Coronavirus, e per continuare a garantire il necessario approvigionamento di cibo sano e di qualità al Paese c'è bisogno del ruolo imprescindibile della risorsa idrica". E’ quanto ha dichiarato Giovanni Daghetta della Giunta nazionale di Cia-Agricoltori Italiani, intervenendo all'odierna Assemblea ANBI on web.

"ANBI oggi ha riaffermato ancora una volta il valore dell'acqua anche rispetto al tema dei cambiamenti climatici -ha spiegato Daghetta-. In questo senso, un'efficiente progettualità esecutiva dei Consorzi di bonifica sarà decisiva per assicurare l'apporto idrico, ancor più in questo periodo di grandi difficoltà economiche. Sarà, quindi, fondamentale dare il via in fretta ai cantieri proposti da ANBI per ridurre al minimo gli sprechi, incrementare le disponibilità idriche e modernizzare le reti. In particolare la messa in sicurezza delle aree più fragili e produttive del Paese deve essere un punto fermo, lavorando sulle infrastrutture e sulla velocizzazione di procedure e pratiche burocratiche per realizzarle".

ANBI, L’ABBATE (MIPAAF): INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE BINOMIO STRATEGICO PER IL FUTURO DEL PAESE. ASSICURARE ACCESSO AD ACQUA PER AGRICOLTURA DI QUALITÀ

“Il binomio del futuro sarà innovazione e sostenibilità ambientale, ed il sistema agroalimentare deve e può avere nel quadro degli investimenti, nella gestione e tutela del territorio un ruolo strategico fondamentale. Per questo il Mipaaf ha messo in campo un’articolata strategia nazionale sul risparmio idrico, la lotta al dissesto idrogeologico e la tutela del territorio” dichiara Giuseppe L’Abbate, sottosegretario Mipaaf.

“Abbiamo puntato sull’immediata cantierabilità delle opere, dobbiamo poi spingere sull’innovazione perché occorre far sapere al mondo quanto di buono sappiamo fare e dare così un valore aggiunto alle nostre produzioni” prosegue.

“È impensabile inoltre un’agricoltura che abbia valore aggiunto senza avere accesso all’acqua e dobbiamo far sì che ogni agricoltore sia raggiunto dalla fornitura. La sfida del futuro è renderla disponibile per tutti ed essere in grado di gestirla nonostante il fenomeno dei cambiamenti climatici” evidenzia L’Abbate.

“Abbiamo messo in campo un enorme mole di risorse finanziarie ma sappiamo di avere problemi in alcune parti del territorio. Nel decreto rilancio e nel cura Italia abbiamo però introdotto alcune misure proprio a misura dei consorzi perché crediamo nel loro ruolo strategico all’interno del paese” conclude.

NEL FUTURO AGRICOLO NUOVI INVASI ED USO ACQUE REFLUE – SOTTOSEGRETARIO L’ABBATE AD ASSEMBLEA ANBI

image_pdfimage_print

Il binomio innovazione e sostenibilità ambientale saranno fondamentali nel nostro futuro immediato per il  rilancio degli investimenti e per la gestione del territorio all’insegna di risparmio idrico , lotta al dissesto idrogeologico ed  integrazione dei fondi di finanziamento tra diverse amministrazioni”: il Sottosegretario al Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali con delega all’innovazione, Giuseppe L’Abbate, rimarca il sostegno e la volontà politica governativa nel sostenere il settore, a partire dalle misure del recente Decreto Rilancio.

Oltre a questo panorama generale, il Sottosegretario evidenzia l’importanza della cantierabilità immediata e l’incidenza del valore irrinunciabile dell’innovazione per promuovere quanto di buono facciamo nel “made in Italy”.

“E’ impensabile un’agricoltura senza la risorsa acqua - afferma L’Abbate -  Tutti gli imprenditori agricoli dovrebbero averla. I cambiamenti climatici modificano le quantità disponibili; quindi è basilare accumularla, impegnando risorse finanziarie utili per risolvere le criticità di molte aree del territorio italiano, in particolare l’ approvvigionamento in certi periodi dell’anno . Oltre a questo – conclude il Sottosegretario - è fondamentale il riuso dei reflui depurati in agricoltura, grazie a sistemi avanzati: un’occasione che non si può  perdere.”

CONSORZI DI BONIFICA SONO ESEMPIO IN UN’ITALIA CHE DEVE RILANCIARE LE PROPRIE COMPETENZE TECNICHE – SOTTOSEGRETARIO MORASSUT AD ASSEMBLEA ANBI

image_pdfimage_print

“Le caratteristiche fisiche dell’Italia rappresentano grandi opportunità, specie in termini di biodiversità, ma anche elementi di fragilità idrogeologica del territorio”: ad evidenziarlo è Roberto Morassut, Sottosegretario all’Ambiente, intervenuto alla prima giornata dell’Assemblea ANBI 2020 on web. 

“In tale contesto si inserisce l’attività dei Consorzi di bonifica, tratto italiano di un Paese speciale – sottolinea Morassut – Importanti, perché esprimono una notevole capacità tecnica nella realizzazione di opere pubbliche.”

Se il Decreto Semplificazioni darà una mano a rendere più spediti i procedimenti legati alle gare di appalto, per Morassut tuttavia “c’è un punto limite: occorre innanzitutto far bene le cose e per questo c’è bisogno di rilanciare le capacità tecniche in un Paese, dove i Consorzi di bonifica ed irrigazione sono peraltro comunque un concentrato di competenze.”

Sul tema del dissesto idrogeologico, Morassut ricorda, infine, come resta fondamentale l’analisi delle emergenze da parte delle Autorità di Distretto Idrografico, ma che l’attuazione dei Piani resta ad altri livelli istituzionali. Su questo, Morassut rimarca come ancora oggi manchi il coordinamento tra enti, che va invece ricercato  anche grazie al Decreto Semplificazione.

“Il tema della difesa suolo – conclude il Sottosegretario all’Ambiente - è fondamentale per le prospettive economiche ed occupazionali anche nell’ottica del Green New Deal”.

6 MILIARDI DA MIT PER PIANO INVASI – SOTTOSEGRETARIO MARGIOTTA AD ASSEMBLEA ANBI

image_pdfimage_print

“L’Italia ha bisogno di un colpo di reni, in quanto l’obiettivo non è tornare alla normalità, ma bisogna tornare al di sopra della soglia, dalla quale siamo caduti a causa del Covid-19, perché quella soglia non era soddisfacente. Dobbiamo fare grandi sforzi, tenendo conto delle opportunità, che oggi ci sono. I provvedimenti approvati ieri, il Decreto Semplificazioni da un lato e dall’altro l’allegato dedicato all’elenco delle opere prioritarie da commissariare, sono i primi due passi, che nei prossimi mesi permetteranno di dare, all’Italia, l’impulso necessario.”

Ad affermarlo è Salvatore Margiotta, Sottosegretario al Ministero Infrastutture e Trasporti, intervenuto all’odierna Assemblea ANBI 2020 on web.

“Il Governo e il MIT – prosegue Margiotta - stanno lavorando bene e le infrastrutture idriche entreranno a far parte delle grandi cose necessarie per dare un nuovo impulso all’Italia. L’obiettivo, non solo italiano ma mondiale, è quello di fronteggiare le carenze e lo stress idrico; la risposta non può che essere la gestione integrata, sostenibile ed efficiente della risorsa acqua. Il ruolo dei Consorzi di bonifica è stato negli ultimi anni virtuoso, anche al Sud. Il MIT sta lavorando sul Piano Invasi, con 6 miliardi di euro da programmare ed investire nelle opere idrauliche, che risultano prioritarie."

ANBI, VALLARDI: TRASFORMARE EMERGENZA IN OPPORTUNITÀ. RIPARTIRE DAL MEZZOGIORNO MA ITALIA A DUE VELOCITÀ TRA NORD E SUD

“La commissione agricoltura al senato ha lavorato parecchio cercando di fotografare la situazione di questo paese ed emerge in tutta la sua nitidezza come l’Anbi gestisca bene il territorio e c’è assoluta necessità di questo ente che è tra le eccellenze del nostro paese” dichiara Gianpaolo Vallardi presidente Comagri senato.

“Abbiamo però visto in senato, facendo un’analisi di tutte le regioni italiane, per quanto riguarda la gestione dell’acqua sia per bonifica che irrigazione, che c’è un’Italia a due velocità con un nord che funziona e un sud con grossi problemi” prosegue.

“L’urgenza è trasformare l’emergenza in opportunità ma ci vuole coraggio. Dal punto di vista politico siamo fermi in attesa di ripartire, servono investimenti e purtroppo se ne è sentito parlare molto ma ne sono stati visti pochi. Nel decreto rilancio dovrebbe arrivare qualcosa, anche per il settore dei consorzi di bonifica e ben venga perché è uno dei settori che aiuterà molto il rilancio del paese dando lavoro a parecchia gente e perché tanti sono i progetti in cantiere” evidenzia Vallardi.

“Bisogna ripartire dal mezzogiorno perché è in grande difficoltà ma prima bisogna sistemare la gestione politica amministrativa, compresa quella di alcuni enti irrigui che sono commissariati. Se non ripartiamo da questi aspetto diventa inutile anche riversare finanziamenti, la cartina tornasole di questi fondi malgestiti sono infatti le tante opere incompiute che in quel territorio ci sono. Ci vuole quel coraggio che fino ad ora forse ci è mancato per risolvere quegli scandali che siamo tanto bravi ad evidenziare” conclude il presidente della Comagri senato.

ORA SERVE IL CORAGGIO DEI FATTI – VALLARDI PRESIDENTE COMAGRI SENATO AD ASSEMBLEA ANBI

image_pdfimage_print

"La Commissione Agricoltura ha lavorato molto bene, realizzando una fotografia dell’attuale situazione del Paese, mostrando il ruolo fondamentale svolto dai Consorzi di bonifica ed irrigazione nella gestione del territorio, lavorando in maniera propositiva per la risoluzione delle criticità;  dall’analisi fatta è emerso però  che, anche in questo settore, l’Italia viaggia a due velocità diverse tra Nord e Sud": la dichiarazione è di Gianpaolo Vallardi, Presidente della  Commissione Agricoltura del  Senato, intervenuto alla prima giornata dell'Assemblea Nazionale ANBI 2020, l'Associazione dei Consorzi di bonifica ed irrigazione, organizzata quest'anno on-line nel rispetto delle normative anti Covid-19.

“L’urgenza è di trasformare questa emergenza in un’opportunità e per fare ciò ci vuole coraggio – continua il Presidente della ComAgri Senato- Fondamentale in questo momento sono gli investimenti, di cui abbiamo tanto sentito parlare e che speriamo si concretizzino con il Decreto Rilancio.”

“Il settore della bonifica è fondamentale per il Paese – conclude Vallardi – In questo momento è in grado di creare nuovi posti di lavoro al servizio delle necessità per il territorio grazie alla grande quantità di progetti approvati e pronti per essere realizzati. Per ripartire è necessario, però, migliorare l’aspetto politico- amministrativo, strumento imprescindibile per la gestione delle risorse destinate alla bonifica.”

ANBI, BLASI (MIPAAF): LAVORARE AFFINCHÉ NESSUNA PARTE DEL TERRITORIO RESTI INDIETRO SU SVILUPPO E INNOVAZIONE

“È vero che dobbiamo trasformare questa disgrazia in opportunità ma servono scelte coerenti in questa fase. Ci dobbiamo impegnare tutti quanti e tutti quanti possiamo fare ancora di più ma lavorare in Smart working per la pubblica amministrazione, ed anche per il privato, non è certo la modalità migliore per raggiungere questi obiettivi, ci sono grandissime difficoltà” dichiara Giuseppe Blasi, capo dipartimento Mipaaf.

“Prima del 2010 gli investimenti nel settore delle infrastrutture irrigue venivano scelti attraverso un piano di riparto precostituito in conferenza stato regioni, quindi ad ogni regione spettava una quota e venivano finanziati una serie di investimenti la cui realizzabilità in tempi ben definiti era discutibile” prosegue.

“Questo ha prodotto delle lungaggini incredibili e per questo nel 2015 abbiamo cambiato la modalità ponendo i vari soggetti proponenti in concorrenza. Un sistema competitivo che ha preso a riferimento solo progetti esecutivi. Questa modalità ha dato risultati eccezionali ed in un anno tutti i soggetti che hanno ricevuto i finanziamenti hanno appaltato. Questo però ha comportato che una parte importantissima del territorio non è stata in grado di rispondere ai nostri bandi” sottolinea Blasi.

“Il tema della capacità è un tema che va affrontato e nel caso dei consorzi di bonifica è un tema che va ad incidere su tutto l’assetto costituzionale, perché significa che un territorio sarà costretto a rimanere indietro senza poter avere sviluppo” conclude.

SERVE UN’AMMINISTRAZIONE PUBBLICA EFFICIENTE PER RISPETTARE OBIETTIVI E TEMPI – BLASI CAPODIPARTIMENTO MIPAAF AD ASSEMBLEA ANBI

image_pdfimage_print

"Per trasformare un problema in opportunità, abbiamo bisogno di fare scelte coerenti. Le modalità lavorative, che abbiamo sperimentato in questi mesi, non sono state tra le più performanti per raggiungere gli obiettivi: la dimostrazione è l’ufficio per le strutture irrigue del Ministero che, con la sola modalità da remoto, non avrebbe potuto completare, in 3 mesi , le procedure richieste dal programma di investimenti della  Commissione Europea": così Giuseppe Blasi , Capo Dipartimento Mi.P.A.A.F., afferma, intervenendo alla prima giornata dell'Assemblea Nazionale ANBI, l'Associazione dei Consorzi di bonifica ed irrigazione, quest'anno in via telematica nel rispetto delle normative anti Covid-19.

“A partire dal 2015, abbiamo cambiato le modalità di erogazione dei finanziamenti, attuando un sistema competitivo per i progetti esecutivi, individuando in questo modo solo i soggetti, che possedevano i requisiti necessari per ottenere gli investimenti. Il risultato è stato eccezionale  – afferma il Capo Dipartimento Mi.P.A.A.F. – Tutti i soggetti, che hanno ottenuto i finanziamenti, hanno appaltato i lavori. Così facendo, però, si sono accentuate le diversità fra le competenze espresse dai diversi territori; è altresì necessario che tutti i territori siano in grado di rispondere alle nostre richieste e per questo ci siamo inseriti all’interno del processo di affidamento dei finanziamenti prima in mano alle Regioni. Il ruolo fondamentale, che i Consorzi di bonifica esprimono – conclude Blasiè quello di rappresentare importanti progettualità per il territorio in gestione, contribuendo alla ripresa del PIL del Paese.”

SUPERARE IL REGIONALISMO PER INFRASTRUTTURE IDRICHE SUD ITALIA – LUCA BIANCHI DIRETTORE GENERALE SVIMEZ AD ASSEMBLEA NAZIONALE ANBI

image_pdfimage_print

“Parto da un presupposto, che dà la dimensione di una piacevole certezza: il settore agricolo ed agroalimentare si è confermato in assoluto, anche in questa ultima e recente crisi generata dalla pandemia, come uno dei più resilienti e dinamici. Ma ora è chiamato a compiere un salto di qualità”: è questa la sfida indicata da Luca Bianchi, economista e Direttore Generale di Svimez (Associazione Sviluppo Industriale nel Mezzogiorno) all’odierna Assemblea Nazionale ANBI 2020 on web.

“L’obbiettivo è potenziare la dotazione infrastrutturale idrica del Meridione. Fa strano pensare che ancora oggi gli investimenti più massici nel Sud Italia siano quelli della Cassa per il Mezzogiorno. Occorre, tuttavia, superare il regionalismo perché, per poter incidere sulle grandi reti di adduzione al servizio sia delle comunità che del sistema della produzione agricola, servono piani sovraregionali” aggiunge Bianchi.

“Se vogliamo ripartire con determinazione e diversamente dal passato – conclude il Direttore Generale di SVIMEZ - serve, in buona sostanza, un piano interregionale per investire su un unico e complessivo progetto di potenziamento delle dotazioni infrastrutturali idriche ed irrigue, superando ogni localismo e la proposta dell’ANBI e dei suoi Consorzi di bonifica associati va nella direzione giusta.”

OCCORRE RIVEDERE RAPPORTO FRA INDIRIZZI POLITICI E FATTIBILITA’ TECNICA DI PROGETTI ED INVESTIMENTI – FABRIZIO CURCIO CAPO DIPARTIMENTO CASA ITALIA AD ASSEMBLEA NAZIONALE ANBI

Posted by Redazione × Pubblicato il 07/07/2020 at 16:32

“Le amministrazioni, la politica e le strutture tecniche sono chiamate oggi ad un grande lavoro di squadra per trasformare questa emergenza in opportunità”: è quanto dichiara Fabrizio Curcio, Capo Dipartimento Casa Italia della Presidenza del Consiglio dei Ministri, in apertura del suo intervento all’Assemblea ANBI 2020 on web.

“Il tema centrale – prosegue Curcio - è la necessità di sviluppare un’accurata e seria analisi sulle dinamiche del rapporto tra l’indirizzo politico e la fattibilità tecnica dei progetti nei settori idrico, agricolo, nonchè della prevenzione e della sicurezza idraulica dei territori. Dobbiamo promuovere un ragionamento su come il forte e qualificato indirizzo politico debba poi trovare attuabilità concreta.”

“Il mio – aggiunge il Capo Dipartimento di “Casa Italia” – è un discorso sul merito e sul metodo. Il merito, le competenze, le capacità, la visione strategica ci sono, ma ora occorre confrontarsi sul metodo necessario per garantire concretezza e rapida finalizzazione alle progettualità necessarie per lo sviluppo del Paese, come quelle elaborate e presentate da ANBIanche nelle sue articolazioni regionali. Ricordo che, proprio insieme ad ANBI, al Ministero Economia e Finanze (MEF) ed all’Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Centrale abbiamo presentato nel D.L. Semplificazione una norma, che consente una rapida ripartenza degli investimenti nel settore idrico al servizio della produzione agricola, della prevenzione, della sicurezza idraulica del Paese. Ecco, mi auguro – conclude Curcio – che quella norma possa presto trovare applicazione.

3800 PROGETTI PER QUASI 55.00 POSTI DI LAVORO E’ UN IMPEGNO CONSORZI DI BONIFICA PER L’ITALIA –

Posted by Redazione × Pubblicato il 07/07/2020 at 16:33

“Fiducia nel futuro, visione per il Paese, coraggio di fare scelte”: sono questi gli asset indicati da Francesco Vincenzi, Presidente dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue, a conclusione della prima giornata dell’Assemblea ANBI 2020, quest’anno in streaming nel rispetto delle normative igienico-sanitarie anti Covid-19.

“Oggi solo il 20% dei provvedimenti del Governo trova concreta ricaduta sul territorio di un Paese, dove mediamente servono 11 anni per realizzare un’opera pubblica ed i grandi investimenti per le infrastrutture  idriche al Sud risalgono ancora al tempo della Cassa per il Mezzogiorno – evidenzia il Presidente di ANBI - Le progettualità dei Consorzi di bonifica ed irrigazione mettono, a servizio del Paese, oltre 3.800 progetti, capaci di garantire quasi 55.000 posti di lavoro: è il nostro impegno nella gestione del territorio e per la sua economia, ma  ora è anche il tempo del coraggio della politica, perché l’agricoltura del Made in Italy necessita di acqua, seppur nel rispetto del principio di sostenibilità: questo è e sarà un nostro obbiettivo in Italia ed in Europa, il nostro impegno e la nostra responsabilità per le imprese, i consumatori e la sicurezza idrogeologica per i cittadini.”

 

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.<br/>This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.<br/> Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi