AUDIZIONI COMAGRI CAMERA SU FILIERA CORTA. GLI INTERVENTI DELLE ORGANIZZAZIONI AGRICOLECOPAGRI, COLDIRETTI, CIA E CONFAGRICOLTURA. ECCO COME LA PENSANO

La Commissione Agricoltura, nell’ambito dell’esame della proposta di legge recante norme per la valorizzazione e la promozione dei prodotti agroalimentari provenienti da filiera corta, a chilometro zero o utile e di qualità

AUDIZIONE COMAGRI CAMERA SU FILIERA CORTA, COPAGRI: DEFINIRE CRITERI DI FRESCO E DI STAGIONALITA

"Il valore intrinseco della filiera corta è basato su rapporti interpersonali e sulla produzione etica", così Copagri, in rappresentanza di Agrinsieme, in Commissione Agricoltura, nell’ambito dell’esame della proposta di legge recante norme per la valorizzazione e la promozione dei prodotti agroalimentari provenienti da filiera corta, a chilometro zero o utile e di qualità. "Entrando però nel merito della proposta di legge - spiega -non risluta la volontà di perseguire la lotta allo spreco alimentare e la sostenibilità abientale come anche la riduzione dei costi a favore di tutta la filiera. Non solo: Si ritiene necessarie definizioni legate alla figura dell'imprenditore agricolo. E occorre fare uno specifico riferimento ai criteri della stagionalità e di 'fresco'".

AUDIZIONE COMAGRI CAMERA SU FILIERA CORTA, COLDIRETTI: NON AMPUTARE KM ZERO, NON CI SI BASI SOLO SU DISTANZE

"L'occasione è utile per toranre a riflettere su un tema strategico per la nostra agricoltura tramite l'accesso diretto al mercato", così Coldiretti in Commissione Agricoltura, nell’ambito dell’esame della proposta di legge recante norme per la valorizzazione e la promozione dei prodotti agroalimentari provenienti da filiera corta, a chilometro zero o utile e di qualità. Ma per Coldiretti occorre bfare attenzione al dettaglio per una coerenza tra le competenze regionali e le discipline di carattere nazionale. "Se si interveiene a disciplinare il km zero solo in funzione della distanza ma rinunciando alla valutazione della riduzione delle emissioni di anidride carbonica si va a confliggere con le norme regionali". La corte costituzionale - prosegue - ha individuato inoltre il limite del chilometro zero in quanto la necessità di ridurre l'apporto di anidride carbonica e per fornire al consumatore un prodotto sostenibile e ambientalmente utile. Invece il testo amputa questo carattere basandosi solo sulle distanze.

Dovremmo poi verificare la compatibilità della disciplina in amateria di commercio per quanto riguarda la superficie da riservare alla vendita diretta di prodotti a km zero. O si abroga la norma del commercio oppure si crea un coordinamento che stabilisca la presenza dei prodotti a km zero in misura congrua. Quindi in una misura percentuale. Ma per Coldiretti, stabilire una soglia del 20 per cento potrebbe significare rinunciare a delle aspettative di crescita per il settore. Dato che il codice degli contratti pubblici stabilisce il 30 per cento come criterio utile per definire il rapporto qualità prezzo. Mettere il limite del 20 per centos ignifica ridurre l'ambite di sostegno a questo modello di agricoltura da parte della stazione appaltante.

AUDIZIONE COMAGRI CAMERA SU FILIERA CORTA, CIA: KM ZERO E’ QUELLA IN AZIENDA. NO A BANANE SUI BANCHI

"Un lungo processo e un provvediemnto atteso". Così Pina Eramo, Cia, in audizione in Commissione Agricoltura della Camera suilla valorizzazione della filiera corta. Proposta di legge su cui si sta lavorando per mettere a punto gli emendamenti, da presentare entro venerdì. "Abbiamo avuto qualche difficoltà per i tempi e per afpprofondire alcune questioni su cui tirare uan sintesi", spiega Eramo. "L'articolo A al punto 2 lascia spazio ad ambiguità in relazione ai 70 chilometri, se sono da cosniderare dalla produzione o dalla trasformzaione. Per noi il km zero è la vendita diretta in azienda. Se questa è la vendita diretta, che ristabilisce un rapporto diretto tra produttore e consumatore, non c'è più bisogno di origine e di etichettatura. Un'altra cosa è la vendita fuori dall'azienda, per cui occorrono regole certe e controlli severi. Abbiamo visto le banane sui banchetti del chilometro zero. E' segno che qualcosa non va".

AUDIZIONE COMAGRI CAMERA SU FILIERA CORTA, CONFAGRICOLTURA: RIESUMATE PDL REALACCI DI 10 ANNI FA. APPROFONDIRE TRAMITE COMITATO RISTRETTO

Vengono riesumate due proposte di legge presentate in due legislature consecutive dall'onorevole Realacci. Un impostazione estremamente datata che ripropone delle sitauzioni che devono essere riviste. Contiene degli elementi di non chiarezza, di sovrapposizione di norme. Così Girogio Buso, Confagricoltura, nel corso dell'audizione in Commissione Agricoltura della Camera sulla filiera corta. "Vengono inclusi anche i prodotti agroalimentari", prosegue. "Manca poi la definizione del prodotto". Ma non solo: "manca un riferimento esplicito a delle idnicazioni aggiuntive da mettere in etichette, non possiamo permettere che dei prodotti di qualità vengano sviliti da etichette non chaire. E poi la aprte sanzionatoria. NOn possimao correre il rischio che con il km zero si possa commercializzare tutto e il contrario di tutto. Credo che occorra un approfondimento ulteriore anche alla luce della legisalzione europea e delle sentenze della corte costituzionale che semrebrebbe dare maggiore importanza alle leggi regionali. Magari attraverso un comitato ristretto sarebbe opportuno fare degli apoprofondimenti prendendo spunto da quanto emerso in commissione", prosegue Buso.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

VIVITE, SALVINI: IN EUROPA MADE IN ITALY OBBLIGATORIO SU TUTTI I PRODOTTI. IL VIDEO

VIVITE, SALVINI: IN EUROPA MADE IN ITALY OBBLIGATORIO SU TUTTI I PRODOTTI. IL VIDEOPRODUTTORI PIU FORTI GRAZIE A COOPERAZIONE. MERCURI: PER TOP COOPERATIVE EXPORT +44% IN 5 ANNI

“In nessun altra parte al mondo si beve e si lavora bene come in Italia rispettando l’ambiente, la produzione e i consumatori.” Parole del ministro dell’interno e vicepresidente del consiglio Matteo Salvini che ha fatto visita a Vivite, il festival del vino cooperativo a Milano. “Per questo motivo la prossima […]

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi