BIOLOGICO, DAL PARLAMENTO UE OK A REGOLE PIÙ SEVERE

Regole più severe per il biologico a tutela del Made in Ue contro le importazioni. Il Parlamento europeo ha approvato, in via definitiva, nuove regole per sostenere la produzione biologica e garantire che solo i prodotti biologici di alta qualità siano importati nell’Ue. I deputati hanno dato il via libera alla nuova regolamentazione comunitaria sulla produzione e l’etichettatura dei prodotti biologici, già concordata nei negoziati fra Parlamento e ministri Ue, con 466 voti in favore, 124 voti contrari e 50 astensioni.

Garantire l’alta qualità dei prodotti biologici – controlli rigidi e basati sul rischio di contaminazione lungo tutta la catena di approvvigionamento. Grazie all’insistenza del Parlamento, i controlli saranno effettuati in sede per tutti gli operatori, annualmente di regola o ogni due anni se nessuna irregolarità è stata riscontrata nel corso di tre anni. Tutti i prodotti importati da paesi extra Ue dovranno rispettare gli standard dell’Ue. Le attuali norme in materia di “equivalenza”, che impongono ai paesi terzi di conformarsi a norme simili ma non identiche, saranno eliminate entro cinque anni dall’entrata in vigore.

Aumentare la produzione biologica nell’Ue – aumentare l’offerta di semi biologici per soddisfare i bisogni degli agricoltori: le deroghe che permettono l’utilizzo di semi convenzionali nella produzione biologica saranno eliminati entro il 2035.

Aziende agricole miste per incoraggiare la produzione – le aziende agricole che producono sia prodotti convenzionali che biologici continuano a essere autorizzate, a condizione che le due attività agricole siano chiaramente ed efficacemente separate. Certificazioni più facili per i piccoli coltivatori: le certificazioni di gruppo permetterebbero ai piccoli coltivatori che si convertono al biologico di risparmiare soldi e tempo.

Misure precauzionali – i coltivatori e altri operatori nella catena di approvvigionamento saranno obbligati ad applicare una serie di misure per evitare la contaminazione; se si sospetta la presenza di un pesticida o un fertilizzante non autorizzato, il prodotto finale non potrà essere etichettato come biologico fino ad ulteriori indagini; se la contaminazione risulterà volontaria o se l’operatore non ha applicato le misure precauzionali, il prodotto perderà lo status di alimento biologico.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

UE, DE CASTRO AD ASSEMBLEA FRANCESE, NON LIQUIDARE LA PACÈ SBAGLIATO NUOVO MODELLO POLITICA AGRICOLA AVANZATO DA COMMISSIONE UE

  “È concettualmente sbagliato un modello di riforma che potrebbe dare il via al declino della Politica agricola dell’Ue e, in particolare, alla sua dimensione comune. Sbagliato perché comporta rischi inaccettabili, primo fra tutti la ri-nazionalizzazione della PAC che da mezzo secolo rappresenta un modello di crescita del sistema agricolo e […]