CAPORALATO, TROPPE FALLE NEL SISTEMA. A RIMETTERCI I LAVORATORI, LE AZIENDE SERIE E TUTTO IL MADE IN ITALY. E CHI TRUFFA PRENDE ANCHE I SOLDI DA AGEALA PROCURA LECCESE: PIU SANZIONI. DI GIOIA: A RIMETTERCI NON SIANO LE AZIENDE ONESTE. A MUOVERSI DEVE ESSERE LA LEGGE. CONSERVE ITALIA E MUTTI: NON SIANO VANIFICATI I NOSTRI SFORZI PER COSTRUIRE FILIERA SANA. MENTRE IL NO CAP PUNTA A QUELLA CORTA

 

Il fenomeno del Caporalato va oltre lo sfruttamento del lavoro, le vessazioni e in alcuni casi la morte di chi lavora nei campi. Si traduce spesso in una vera e propria truffa anche nei confronti delle aziende oneste che pagano al prezzo di mercato e i cui contratti non vengono rispettati. A danno, oltre di chi lavora la terra, anche di chi trasforma il prodotto fino – a cascata – al consumatore finale e a tutto il made in Italy.

E il sistema? Nonostante la soddisfazione dei ministri competenti Martina, Poletti, Orlando e Minniti, la legge, a un anno dall’entrata in vigore, fa ancora acqua.

I lavoratori vengono ancora sfruttati, i controlli non sono sufficienti e le aziende non possono sostituirsi alle forze dell’ordine entrando nelle proprietà private per assicurarsi che i vincoli contrattuali da loro posti siano rispettati. Per poi magari ritrovarsi in mezzo alle carte della procura. Ci sono i nomi di importanti aziende di trasformazione del pomodoro nella nota consegnata dai carabinieri alla Procura di Lecce nell’ambito delle indagini che hanno portato al rinvio a giudizio per omicidio colposo e caporalato dell’imprenditore salentino Giuseppe Mariano e del sudanese Mohamed Elsalih (detto Sale).

Le aziende citate nella nota, ma non indagate, sono Conserve Italia; la Fiordagosto, di proprietà dell’industria conserviera Mutti; la Rosina Srl di Angri, in provincia di Salerno.

Le indagini si riferiscono alla morte, nel luglio del 2015, del quarantasettenne sudanese Abdullah Muhamed mentre era impegnato nella raccolta del pomodoro nelle campagne salentine. Mariano, nello specifico, è accusato di aver consapevolmente sfruttato e agevolato l’attività “organizzata di intermediazione” e di prevaricazione del presunto caporale Sale per avvalersi di lavoratori “corrispondendo loro un compenso di gran lunga inferiore a quello previsto dai contratti collettivi nazionali di lavoro […], approfittando dello stato di bisogno, necessità e vulnerabilità, […] inducendo i lavoratori ad effettuare prestazioni lavorative nei campi in condizioni di assoluto sfruttamento”, senza “una preventiva visita medica”, “in assenza di erogatori gratuiti di acqua potabile”, ma con la sola “presenza di pozzi/cisterne non autorizzate a uso potabile”, e “ospitandoli per dormire e mangiare in situazioni alloggiative degradanti e fatiscenti”.

I Ros hanno svolto ricerche per seguire il pomodoro di Mariano dalla campagna fino alla sua destinazione finale, consegnando poi la loro nota informativa al pubblico ministero che ne aveva fatto esplicita richiesta per avere un quadro più completo del fenomeno.

A un anno dall’approvazione della nuova legge sul caporalato, e a pochi mesi dalla storica sentenza del processo Sabr, sempre a Lecce, che ha visto la condanna per riduzione in schiavitù di undici imputati, oltre che l’assoluzione dello stesso Mariano, sembrano rimanere alcuni interrogativi su quali siano le falle nel sistema e in una filiera che porta i pomodori e gli altri prodotti agricoli dal campo ai centri di raccolta, alle aziende conserviere e poi alle industrie di distribuzione.

LA PROCURA DI LECCE: OCCORRONO LE SANZIONI

Al di là delle responsabilità giuridiche, “esistono responsabilità morali che non possono essere eluse”, dichiarano dalla Procura di Lecce ad AGRICOLAE. “Responsabilità a livello amministrativo, politico e istituzionale. Una situazione come quella emersa in questo procedimento non può essere oggetto di attenzione della sola Procura, ma dovrebbe coinvolgere tutti. Soprattutto ci vogliono controlli a tappeto”. E sui nuovi strumenti previsti dalla legge, tra cui il potenziamento della Rete del lavoro agricolo di qualità? “Sicuramente possono essere strumenti efficaci. Ma personalmente ritengo - dice la fonte - che siano veramente efficaci quei principi che sono corroborati da una sanzione”.

LE AZIENDE: ANCHE NOI TRUFFATE, NONOSTANTE I NOSTRI SFORZI. CHIEDIAMO PIU CONTROLLI

Le aziende citate nella nota dei Ros, da parte loro, non ci stanno a fare da capro espiatorio e spiegano di aver sempre agito nel pieno rispetto delle regole.

Nel caso di Conserve Italia, risulta che dal 2015 abbia interrotto i rapporti con Mariano perché non dava garanzia di rispetto delle regole. “Paghiamo il pomodoro applicando i prezzi di area”, ha detto ad AGRICOLAE il presidente di Conserve Italia Maurizio Gardini. “I nostri produttori sono quindi messi nelle migliori condizioni economiche nella gestione del rapporto di lavoro con i propri occupati”.

“Le Organizzazioni dei produttori – dice Gardini – e le imprese dalle quali compriamo il prodotto sono tenute a firmare un contratto di vendita con cui si impegnano a rispettare un protocollo di legalità”. Tra i punti chiave del protocollo, quello che richiede “l’osservanza delle vigenti normative in materia di sicurezza e salute sul lavoro, dei contratti collettivi nazionali di lavoro, della normativa in materia previdenziale e di quella in materia di lavoro per immigrati”.  E dal contratto di fornitura tra Conserve Italia e Pomoidea, l’Op cui faceva capo l’azienda di Mariano, è emerso che lo stesso Mariano (o meglio la moglie, nominalmente titolare dell’azienda) si era impegnato per iscritto a rispettare tutte le normative e a garantire adeguate retribuzioni.

“Non possiamo sostituirci alle autorità ispettive: Inps e forze dell’ordine in primis”, precisa ancora Gardini. Perché non comprate più il pomodoro da Mariano? “Mettiamo fuori non solo chi non accetta di firmare i nostri protocolli di legalità. Anche chi li firma e poi non li rispetta”.

LA DOCUMENTAZIONE DA CUI EMERGE CHE MARIANO NON HA RISPETTATO IMPEGNI PRESI

Inoltre, dalla documentazione acquisita da AGRICOLAE emerge che Conserve Italia ha pagato i pomodori a prezzi di mercato, e dunque Mariano, come gli altri produttori, era nelle condizioni di trattare adeguatamente i suoi impiegati. Peraltro, nell’avviso di conclusione delle indagini della Procura leccese si legge che i pomodori di Mariano, raccolti in condizioni di sfruttamento e sottopagando i lavoratori, venivano poi immessi “sul mercato al prezzo corrente, con un maggiore guadagno per lo stesso titolare dell’azienda”.

A sentirsi “truffata” anche un’altra azienda simbolo del Made in Italy: “In quella vicenda noi ci sentiamo parte lesa”, dice l’amministratore delegato Francesco Mutti, raggiunto telefonicamente da AGRICOLAE. “Dopo tutti gli sforzi che facciamo, che non è solo pagare il pomodoro adeguatamente ma anche cercare di costruire una filiera sana, non è giusto che veniamo coinvolti in un episodio del genere. Anche perché non abbiamo gli strumenti per andare a controllare quotidianamente tutte le aziende agricole”.

Quanto alla forma dei rapporti tra la Fiordagosto e Mariano, Mutti dice: “Noi richiediamo le certificazioni Durc a tutte le aziende da cui ci riforniamo. E, tramite le Op, nei nostri contratti non soltanto esigiamo esplicitamente il rispetto di tutte le normative vigenti in materia di sicurezza e retribuzioni, ma prevediamo anche una clausola in cui chiediamo che la raccolta sia fatta in forma meccanica, tranne deroghe.

Insomma in questo caso ci troviamo di fronte a un signore che sì firmava ma poi era abbastanza indifferente a quello che aveva firmato”. La Mutti ha avuto rapporti con l’azienda di Mariano anche nella campagna del 2016 e del 2017? “No. I rapporti sono cessati pochi giorni dopo la morte dell’uomo. Quando abbiamo cominciato ad avere sentore, anche a prescindere da quell’evento drammatico, che dietro la signora De Rubertis ci fosse il marito e che non fosse persona affidabile abbiamo interrotto i rapporti nello spazio di pochissimi giorni”.

Qui di seguito AGRICOLAE riporta la documentazione in pdf:

CONTRATTO AZIENDA MARIANO

MARIANO HA PRESO ANCHE I CONTRIBUTI DA AGEA

Si ha notizia, peraltro, che nel 2015, cioè quando era ancora in corso il processo Sabr in cui lui era imputato, Giuseppe Mariano abbia ricevuto 86.000 euro di fondi disaccoppiati della Pac certificati dal centro di assistenza agricola Acli Terra che si appoggia al Caa Coldiretti.

LA POSIZIONE DELL'ASSESSORE ALL'AGRICOLTURA DELLA REGIONE PUGLIA

Su questo AGRICOLAE ha chiesto un commento all’assessore all’Agricoltura della Regione Puglia Leo Di Gioia. “La Pac è una materia che gestisce Agea. Comunque sicuramente è auspicabile che venga sospesa l’erogazione di aiuti agricoli ad aziende che sono eticamente responsabili di comportamenti delittuosi. Deve però essere la legge a dirlo”.

E in merito alla questione della vigilanza da parte dell’amministrazione e della politica? “I controlli spettano alle forze dell’ordine e agli organi ispettivi. Detto questo, la Regione, per la quale rispondo, collabora in combinato disposto, anche in base alla nuova legge sul caporalato, con i vari ministeri, oltre che con le associazioni di categoria.

Nei mesi scorsi abbiamo dato il via allo sgombero del cosiddetto Gran Ghetto di Foggia. E ci siamo attivati per individuare luoghi di accoglienza, quelle che il presidente Emiliano ha chiamato ‘foresterie’, con strutture amovibili ma dotate di tutti i servizi. Stiamo anche cercando di avviare una serie di attività di logistica, per esempio sul fronte dei trasporti, che è uno dei punti chiave della cultura illegale del caporalato sul quale non è semplice intervenire.

Non escludo poi che quello che già fa la Regione nel campo delle frodi o dell’uso non corretto dei fondi Psr – ossia le convenzioni con le forze dell’ordine per aumentare il livello dei controlli – possa estendersi anche al caporalato. Ed è ovvio che debba esserci una vigilanza anche sociale, ma senza che diventi una psicosi in cui a rimetterci sono tutte le aziende oneste, che sono la maggioranza”.

I ministri dell’Agricoltura Martina, del Lavoro Poletti e della Giustizia Orlando, in ogni caso, riuniti qualche giorno fa a un anno dall’approvazione della nuova legge sul caporalato, si dicono soddisfatti dei risultati. “In 12 mesi – ha detto Martina – sono aumentati molto i controlli grazie al lavoro di cooperazione con le forze dell'ordine che ci  ha consentito in diversi territori di lavorare sempre meglio per l'attività di contrasto a questa piaga inaccettabile".

L'ASSOCIAZIONE NO CAP E LA FILIERA ALTERNATIVA

Il lavoro da fare è molto più profondo, secondo l’Associazione No Cap. “Va bene la legge. Ma un modello economico – dice ad AGRICOLAE Angelo Consoli – non si cambia per decreto legge. E siccome ci sono moltissime aziende che rispettano la matrice multicriteri per come la intendiamo noi, che sono cioè etiche, energeticamente indipendenti, valorizzano il prodotto, adottano la filiera corta e per questo riescono a guadagnare di più e quindi a liberare risorse per pagare adeguatamente i dipendenti, noi vogliamo aiutare queste realtà a competere in una filiera alternativa”. Per i No Cap, questo comporta anche lavorare sulla certificazione dei prodotti delle aziende virtuose.

Quanto alla legge, “nella sua parte non repressiva, tra cui la Rete agricola del lavoro di qualità, a oggi si possono iscrivere accedendo al portale tutte le aziende che non abbiano ricevuto condanne negli ultimi tre anni. Ma questo non dà nessuna garanzia che non si ricorra poi ai caporali”.

Nel frattempo, “noi ci muoviamo dal basso”, spiegano. “Sul fronte della distribuzione collaboreremo con il consorzio Megamark, perché esce dall’orbita delle multinazionali. Mentre sul fronte della produzione, stiamo valutando una collaborazione con l’associazione Altra Agricoltura, che riunisce già 50.000 aziende produttrici”.

di Valentina Nicolì

Era successo ieri:

ETICHETTA POMODORO: MARTINA E CALENDA FIRMANO DECRETI PER OBBLIGO ORIGINE CONSERVE, SUGHI E DERIVATI

ALLEANZA COOPERATIVE: STRUMENTO CHE TUTELA NOSTRO POMODORO. ALZARE CONTROLLI CONTRO LAVORO NERO E SFRUTTAMENTO. E.ROMAGNA: BENE LA FILIERA DELLA TRASPARENZA

Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che i Ministri Maurizio Martina e Carlo Calenda hanno firmato il decreto interministeriale per introdurre l'obbligo di indicazione dell'origine dei derivati del pomodoro.
I provvedimenti introducono la sperimentazione per due anni del sistema di etichettatura, nel solco della norma già in vigore per i prodotti lattiero caseari, per la pasta e per il riso.

Il decreto si applica ai derivati come conserve e concentrato di pomodoro, oltre che a sughi e salse che siano composti almeno per il 50% da derivati del pomodoro.
"Rafforziamo il lavoro fatto in tema di etichettatura in questi mesi - ha dichiarato il Ministro Maurizio Martina - Come ho ribadito anche oggi al Commissario europeo Andriukaitis crediamo che questa scelta vada estesa a livello europeo, garantendo la piena attuazione del regolamento europeo 1169 del 2011.

Il tema della trasparenza delle informazioni al consumatore è un punto cruciale per il modello di sistema produttivo che vogliamo sostenere. L’Italia ha deciso di non attendere e fare in modo che i cittadini possano conoscere con chiarezza l’origine delle materie prime degli alimenti che consumano. Soprattutto in una filiera strategica come quella del pomodoro l’etichetta aiuterà a rafforzare i rapporti tra chi produce e chi trasforma".

LE NOVITÀ DEL DECRETO
Il provvedimento prevede che le confezioni di derivati del pomodoro, sughi e salse prodotte in Italia dovranno avere obbligatoriamente indicate in etichetta le seguenti diciture:
a) Paese di coltivazione del pomodoro: nome del Paese nel quale il pomodoro viene coltivato;
b) Paese di trasformazione del pomodoro: nome del paese in cui il pomodoro è stato trasformato.
Se queste fasi avvengono nel territorio di più Paesi possono essere utilizzate, a seconda della provenienza, le seguenti diciture: Paesi UE, Paesi NON UE, Paesi UE E NON UE.
Se tutte le operazioni avvengono nel nostro Paese si può utilizzare la dicitura “Origine del pomodoro: Italia”.

ORIGINE VISIBILE IN ETICHETTA
Le indicazioni sull'origine dovranno essere apposte in etichetta in un punto evidente e nello stesso campo visivo in modo da essere facilmente riconoscibili, chiaramente leggibili ed indelebili.
I provvedimenti prevedono una fase per l'adeguamento delle aziende al nuovo sistema e lo smaltimento completo delle etichette e confezioni già prodotte.

IN VIGORE FINO A PIENA ATTUAZIONE REGOLAMENTO UE 1169
Il decreto decadrà in caso di piena attuazione dell'articolo 26, paragrafo 3, del regolamento (UE) n. 1169/2011 che prevede i casi in cui debba essere indicato il paese d'origine o il luogo di provenienza dell'ingrediente primario utilizzato nella preparazione degli alimenti, subordinandone l'applicazione all'adozione di atti di esecuzione da parte della Commissione, che ad oggi non sono stati ancora emanati.

OLTRE L'82% DEGLI ITALIANI CHIEDE TRASPARENZA NELL'INDICAZIONE D'ORIGINE DEL POMODORO NEI DERIVATI
Oltre l'82% degli italiani considera importante conoscere l'origine delle materie prime per questioni legate al rispetto degli standard di sicurezza alimentare, in particolare per i derivati del pomodoro. Sono questi i dati emersi dalla consultazione pubblica online sulla trasparenza delle informazioni in etichetta dei prodotti agroalimentari, svolta sul sito del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, a cui hanno partecipato oltre 26mila cittadini.

ETICHETTATURA, ALLEANZA COOPERATIVE: STRUMENTO CHE TUTELA NOSTRO POMODORO. ALZARE CONTROLLI CONTRO LAVORO NERO E SFRUTTAMENTO

"L'obbligo di etichettatura è un ottimo strumento per la tutela dell'eccellenza Made in Italy. Nel tavolo di confronto abbiamo insistito molto perché diventasse strumento reale a tutela del nostro pomodoro". Così Giorgio Mercuri presidente Alleanza Cooperative Agroalimentari promuove la misura sull'etichettatura del pomodoro ma aggiunge "bisogna alzare i livelli di controllo nel settore agroalimentare. C'è ancora una fetta di irriducibili delinquenti che sfuggono e raggirano i controlli con pesanti penalizzazioni per i lavoratori e per le imprese che rispettano le regole. Non possiamo condannare chi rispetta le regole a pagare ingiusti tributi economici e reputazionali per colpa di chi alimenta lavoro nero e caporalato".

ETICHETTA DERIVATI POMODORO, E.ROMAGNA: BENE TRASPARENZA FILIERA

Con la firma sul decreto del ministro all’Agricoltura, Martina, e dello Sviluppo economico, Calenda, diventa obbligatoria l’etichettatura per tutti i derivati del pomodoro. Dovrà così essere indicato dove viene coltivato e trasformato il pomodoro stesso.
Un provvedimento accolto molto positivamente dalla Regione Emilia-Romagna. “Siamo molto soddisfatti del provvedimento adottato a livello nazionale – dice Simona Caselli, assessore regionale all’Agricoltura – dall’Emilia-Romagna, a tutti i livelli istituzionali, erano arrivate diverse sollecitazioni perché venisse regolamentata una materia così importante, oggi in vigore solo per la passata. Nei giorni scorsi, anche con il sostegno della giunta regionale, è stata approvata all’unanimità in Assemblea legislativa una risoluzione che chiedeva proprio questo.

Garantire la provenienza e il processo di lavorazione del pomodoro – chiude l'assessore – significa tutelare i consumatori e dare ulteriore valore ad una filiera che, nella nostra regione, rappresenta un’importante realtà produttiva”.

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

OCM VINO PROMOZIONE, PUBBLICATO NUOVO DECRETO DIRETTORIALE, ECCOLO: IMPRENDITORI HANNO 11 GIORNI DI TEMPO. E NON SEMPLIFICA
09/07/2020

OCM VINO PROMOZIONE, PUBBLICATO NUOVO DECRETO DIRETTORIALE, ECCOLO: IMPRENDITORI HANNO 11 GIORNI DI TEMPO. E NON SEMPLIFICANON CI SARA TEMPO PER DISPORRE RISORSE SUPPLEMENTARI DISTILLAZIONE

Pubblicato il decreto dirigenziale Mipaaf sull’Ocm vino promozione. A seguito della pubblicazione lo scorso 2 luglio del decreto n. 6986 a firma del Ministro Bellanova che ha introdotto le modifiche al DM 3893/2019,  a firma di Giammarco Centinaio, stamane è stato pubblicato l’atteso  decreto n. 0038798 del 08/07/2020 a firma […]



Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.<br/>This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.<br/> Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi