CATANIA: QUELLO CHE NON HO FINITO E’ PER COLPA DI ALTRI MINISTERIAGRICOLTURA SOTTOVALUTATA E RESIDUALE

“C'e una sottovalutazione delle tematiche agricole anche da parte di molti economisti che considerano l'agricoltura un settore residuale. Questa sordita' culturale sembra in via di superamento, ma c'e ancora del cammino da fare per vincere questo atteggiamento”. Lo ha detto il ministro delle Politiche agricole Mario Catania nel corso della conferenza stampa al Mipaaf dove ha presentato il bilancio delle sue attività. “Molte delle iniziative rimaste incompiute sono da addebitarsi - ha detto il Catania - alle resistenze di altri ministeri. Il dicastero dell'economia, per esempio, ha impedito che andasse in porto la redistribuzione delle terre ai giovani coltivatori. Le terre che sono di proprieta' dello stato e restano ampiamente improduttive. Il contenzioso con il ministero dell'economia non si ferma qui. Anche per l'ippica c'è stata una sostanziale resistenza. Ma - precisa il ministro- le frizioni riguardano la struttura del ministero dell'economia, non l'operatore del ministro Grilli”. Quella della zootecnia è una situazione, secondo il ministro, molto critica: “sia l'allevamento ovino che quello bovino da carne hanno bisogno di un sostegno aggiuntivo. Quello che gia' c'e deve essere rafforzato”.

pog

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi