COMITATO ITALIANO VINI, MIPAAF PREPARA DECRETO PER FIRMA DI GENTILONI. BAGARRE A CAUSA DI DIMISSIONI IMPROVVISE DI MARTINA

Lavori in corso, al ministero delle politiche agricole, per il Comitato italiano vini, organo indispensabile per l’approvazione delle modifiche dei disciplinari delle Denominazioni.

Maurizio Martina infatti, dimettendosi all'improvviso, lo scorso 13 marzo, senza avvertire nessuno del ministero, non ha firmato alcuni decreti di vitale importanza per il settore. Lasciando in sospeso molte questioni, tra cui la nomina del Comitato Vino. E ora a via Venti Settembre sono tutti in fibrillazione per cercare di risolvere la situazione. L'unica soluzione sembra essere quella della firma di Gentiloni. Che può ancora firmare in quanto si tratta di gestione ordinaria. E l'ufficio legislativo del Mipaaf - da quanto apprende AGRICOLAE - avrebbe preparato tutto per la firma del presidente del Consiglio o di una persona da lui delegata.

In assenza del Comitato, oltre 50 Denominazioni si trovano in una situazione di stallo, che conseguentemente ostacola la competitività del settore sia sul mercato nazionale che internazionale. Il Comitato Nazionale Vini DOP e IGP nominato per il triennio 2015-2017 è decaduto e il suo rinnovo era sul tavolo di Maurizio Martina che, però, si è dimesso senza firmare. Mandando in tilt il settore che ha preso carta e penna e ha scritto al ministro dell'Agricoltura ad interim Paolo Gentiloni.

Nella lettera, firmata dal presidente dell’Alleanza delle Cooperative Italiane – Agroalimentare Giorgio Mercuri, il presidente di Assoenologi Riccardo Cotarella, dal presidente CIA – Confederazione Italiana Agricoltori Dino Scanavino e da quello di Confagricoltura Massimiliano Giansanti, da Riccardo Ricci Curbastro presidente di Federdoc, da Sandro Boscaini presidente Federvini e dal presidente di Unione Italiana Vini Ernesto Abbona, si legge: “Gent.mo Presidente del Consiglio, abbiamo appreso che il Decreto di nomina del Comitato Nazionale Vini DOP e IGP non è stato firmato dall’ex Ministro Martina, prima delle dimissioni rassegnate il 13 marzo u.s. Il Comitato Nazionale Vini DOP e IGP nominato per il triennio 2015-2017 è decaduto. Il Comitato è organo indispensabile per l’approvazione delle modifiche dei disciplinari delle Denominazioni, e in sua assenza oltre 50 Denominazioni si trovano in una situazione di stallo, che conseguentemente ostacola la competitività del settore sia sul mercato nazionale che internazionale".

Per saperne di più:

COMITATO NAZIONALE VINI, FILIERA SCRIVE A GENTILONI: EMANARE SUBITO DECRETO NOMINA, CENTRALE PER SETTOREORGANO INDISPENSABILE PER APPROVARE MODIFICHE DISCIPLINARI, IN SUA ASSENZA OLTRE 50 DENOMINAZIONI IN STALLO 

-RIPRODUZIONE RISERVATA-

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

MORE ARTICLES

Questo sito utilizza cookies di Sessione, Tecnici e di Profilazione. Cliccando su "OK", questi cookies si attiveranno. Per maggiori informazioni o per eventuali limitazione dei cookie, clicca sul link e visita la nostra apposita sezione.
This website uses Session, Permanent and Third-Party cookies. by clicking on "Ok", these cookies will be enabled. For further informations or for cookie limitation, please click on the link and visit our dedicated section.
Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi